Connect with us

Calcio

Coppa Italia solo per squadre di Serie A e B, la Lega Pro non ci sta.

Ghirelli: “Decisione su Coppa Italia espressione di un calcio di élite”

Ghirelli Lega Pro

Roma – Grossa novità per il calcio professionistico italiano con il Consiglio di Lega che ha deciso il cambio del format della prossima Coppa Italia a cui prenderanno parte solo club di Serie A 3 B con inizio fissato per il giorno 15 agosto in cui scenderanno in campo subito ben dodici club della massima serie.
Subito ad insorgere sono stati i club della Lega Pro che quindi sono stati esclusi.
Dura la presa di posizione del presidente Francesco Ghirelli.
“La decisione della Serie A di escludere le squadre di Lega Pro dalla Coppa Italia non solo viola diritti consolidati, ma è espressione di una concezione elitaria del calcio, incapace di avere una visione di sistema” così dichiara il Presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli. “Lunedì è convocato il Consiglio direttivo della Lega Pro, che adotterà ogni iniziativa per tutelare i diritti delle proprie squadre e per salvaguardare una cultura del calcio che sia rispettosa dei valori più autentici dello sport. Innovare è giusto, ma salvando la coesione del sistema calcio”.

Una decisione che rammarica tutti, visto che in altri paesi come ad esempio l’Inghilterra, la cosa spettacolare, romantica ed affascinante dell’FA CUP è vedere squadre della Premier League sfidare anche formazioni dilettantistiche.
Un’occasione perduta per tutto il calcio italiano.

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all'interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E' altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Advertisement
1 Comment
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Una decisione che mi trova in totale disaccordo, tra l’altro presa in modo unilaterale.
Teniamo presente che c’è un rischio ancora più grande all’orizzonte: se passerà la riforma dei campionati della serie “C” vogliono creare un solo girone di “serie C élite ” da 20 squadre promuovendo le migliori 6/7 squadre dei tre gironi, mentre le altre classificate classificate dal settimo al ventesimo posto andranno a riformare due gironi della vecchia C2.
Per le squadre medio-piccole sarebbe un disastro, significherebbe RETROCEDERE AL QUARTO LIVELLO DEL CALCIO NAZIONALE.
Naturalmente mi auguro che questo non succeda, mi auguro che l’assocalciatori si ribelli e che NATURALMENTE si oppongano tutte le squadre interessate.
E poi si meravigliano della superga europea?????? Cosi’ vorrebbero creare la superga di serie “C”.

Copyright © 2021 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x