Gs TV – Piero Camilli: “Pronto a dare una mano al Grosseto, in Eccellenza serve coltello in bocca”

GROSSETO – Intervista esclusiva intervista a Piero Camilli sul momento che attraversa l’Us Grosseto 1912.

15 Comments
  1. Rampante 2 anni ago
    Reply

    Parla ancora questo?

    • Help 2 anni ago
      Reply

      Lui se lo può anche permettere.!te forse potresti parlare di alberese Arcile Campagnatico e forse anche troppo

      • tifoso di calcio 2 anni ago
        Reply

        Io credo che una persona che ha portato alle soglie della serie A una squadra, quindi una città, abbia tutto il diritto di parlare, magari con toni diversi, ma ha tutto il diritto di dire la sua.

  2. Sammy 2 anni ago
    Reply

    Ma almeno la dignità questo uomo ce l’ha? Dopo averci fatto sparire dal calcio ancora blatera? Vergogna

    • Help 2 anni ago
      Reply

      Non vi ha fatto sparire dal calcio! Vi ha lasciato dove vi aveva preso!!!!

      • Yuri Galgani 2 anni ago
        Reply

        No, purtroppo non è così.
        A luglio 2000 l’Us Grosseto era in D.
        A giugno 2015 l’Us Grosseto era (virtualmente) in Lega Pro unica, con un bilancio sano certificato dalla Covisoc.
        A luglio 2015, invece, l’Us Grosseto non fu iscritto in Lp e, per questo, venne estromesso da qualsiasi campionato federale.

  3. ACHILLE2015 2 anni ago
    Reply

    Ha ragione SEMPRE il comandante!!!la squadra non ha un gioco…la famiglia Ceri dovrà seriamente pensare di cambiare qualcosa…a questo punto l’allenatore è un obbligo!!!magari uno che conosce la categoria!

  4. Braccobaldo 2 anni ago
    Reply

    “…ho vinto tanto, abbiamo perso…” ahahahahahahahah è un fenomeno!

  5. 13maggio 2 anni ago
    Reply

    Sempre e solo Piero Camilli.

  6. Solo us.grosseto 1912 2 anni ago
    Reply

    Magari a qualcuno piacerebbe risentire Pincione e rivedere l’Fc Grosseto, però, poi, non meravigliamoci di essere in Eccellenza…

    • Lupo1912 2 anni ago
      Reply

      Camilli è il presidente che ci ha fatto vivere il calcio di altissimo livello a Grosseto, può piacere o non piacere, ma questa è la realtà dei fatti. Questo fermo restando che io ho seguito il Grosseto da sempre in qualunque categoria e che continuerò a seguirlo per sempre. Ma proprio perché le ho viste di tutti i colori e nonostante non mi “faccia paura” seguire la squadra in eccellenza non posso far altro che apprezzare gli anni d’oro dell’era Camilli

  7. Corrado 2 anni ago
    Reply

    Nel calcio contano i fatti. E Camilli, al di là delle simpatie o delle antipatie che continua a suscitare, ha dimostrato di saperci fare: sei anni di serie B non sono cosa da poco (non dimentichiamoci che abbiamo sfiorato, addirittura, la serie A!). Durante l’era Camilli sono transitati da Grosseto i migliori allenatori di oggi: Allegri, Sarri, Pioli, per non parlare dei tantissimi calciatori che, poi, sono approdati nella massima serie. Anche con la Viterbese sta facendo benissimo e ritengo che riuscirà a portarla ancora più in alto. Camilli, nel calcio, ci sa fare. Inutile negarlo. E chi lo nega è un falso e un bugiardo.

  8. Grifo 80 2 anni ago
    Reply

    Camilli ma chi è questo Camilli quello che nn ci ha iscritto alla lega pro?no forse è babbo natale

  9. Torelli 99 2 anni ago
    Reply

    Ma questo sig camilli che ci vuole aiutare non sarà mica parente di quello che non ci iscrisse in lega pro? No forse è un omonimo

  10. CuoreBiancoRosso 2 anni ago
    Reply

    Camilli si… Camilli no… ma ancora non avete capito che di questa squadretta non gli importa nulla?? A lui ora interessano altre cose di natura politico-edilizia-imprenditoriale e questo non è niente altro che una sorta di cavallo di Troia per rientrare negli affari di questa città, affari da cui la precedente giunta lo aveva estromesso e lui, per ripicca, non aveva effettuato l’iscrizione in Lega Pro tanto agognata…. svegliaaaaa…

Rispondi a Rampante Annulla risposta

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news