Altri Sport Baseball

Baseball, in serie A è tempo di primi bilanci

Si è conclusa la regular season in serie A ed è tempo di primi bilanci per le squadre. Chi sta disattendendo le attese? Chi si sta confermando i pronostici della vigilia?

Padule (20-8): Senza dubbio la squadra di Sesto Fiorentino sta confermando in questo 2016 quanto di buono aveva già messo in mostra nelle passate stagioni grazie ad un roster competitivo e reso ancor più solido dalla presenza sul monte di lancio del rigenerato Perez (1.13 la sua media Pgl; ben diverso il suo rendimento rispetto all’esperienza maremmana) e nel box di Cavallini (.308 di media battuta). Ai playoff può dire la sua.

Godo (19-9): Proveniente dalla Ibl, il Godo conferma anche in serie A il proprio valore con un roster rinnovato ma che ha saputo trattenere elementi di spessore quali Tanesini e Monari che vantano una buona esperienza anche nella Italian Baseball League. Molto buono sul mound Palencia (0.86 di media Pgl). La squadra sembra intenzionata a non accontentarsi del bel secondo posto in regular season.

Macerata (18-10): Per una buona fetta di stagione regolare la squadra marchigiana ha veleggiato al comando, poi una lieve flessione tra fine giugno ed inizio luglio l’ha fatta arretrare in classifica. Non c’è da fidarsi del team maceratese: nella seconda fase venderà cara la pelle e darà del filo da torcere a chiunque.

Jolly Roger (15-13): Fino a questo momento il campionato dei pirati non può che definirsi double-face. Un inizio di stagione più che positivo poi da metà maggio sono arrivate alcune sconfitte inattese di troppo, al punto che el girone di ritorno sono stati ottenuti soltanto sei successi: il campanello d’allarme deve necessariamente essere suonato, ma crediamo che il trasferimento allo Jannella non possa che far bene alla compagine castiglionese. In quello stadio si respira l’energia dei campioni che lo hanno calcato in passato: un ottimo stimolo per Marquez e compagni per ritornare sulla retta via.

Viterbo (12-6): I laziali puntavano alla salvezza ed hanno rischiato, complice il calo dei maremmani, di ritrovarsi in corsa per i playoff. Non può che essere positivo, perciò, il bilancio per Gentili e soci che hanno raggiunto il target prefissato con un buon anticipo e si sono tolti belle soddisfazioni anche contro le big Padule e Macerata senza contare il derby con l’Anzio.

Anzio (10-18): Permanenza in serie A sudata per i tirrenici laziali che la spuntano sulle rivali Potenza Picena e Foggia. Come definire la stagione? Salvezza doveva essere e salvezza è stata, magari con qualche patema di troppo. Per la prossima stagione servirebbe forse qualche rinforzo; staremo a vedere in sede di mercato cosa accadrà.

Potenza Picena (9-19): Grazie alla vittoria agli extra-inning con il Viterbo si concretizza il miracolo sportivo dell’anno in serie A. Le pantere picene restano in serie A a spese del Foggia che un anno fa combatteva nei playoff con il Grosseto. L’anno scorso il Potenza Picena restò in serie A grazie ad un ripescaggio, quest’anno la salvezza è arrivata sul campo: il bilancio non può che essere positivo.

Foggia (9-19): I dauni battono il Jolly Roger nel recupero, ma non basta questo lampo a salvare la squadra dalla retrocessione. Perso il manager storico Strippoli, il Foggia quest’anno ha arrancato e non ha ripetuto il fantastico 2015 cadendo in serie B tra mille rimpianti e lacrime amare. Dispiace per una dirigenza appassionata e per un pubblico caloroso che si è fatto notare con simpatia in tutti gli stadi, ma la notizia positiva potrebbe essere dietro l’angolo: la società ha presentato formale domanda di ripescaggio e, in caso di eventuali forfait, è pronta a restare in serie A. Se così non fosse, il futuro non potrà che essere quello di un campionato di vertice in serie B per ritornare in alto al più presto.