Connect with us

Follonica Gavorrano

Il Gavorrano saluta la serie C. I minerari sprecano l’impossibile (0-0), la vittoria dell’andata salva il Cuneo

Published

on

Grosseto – Il Gavorrano alza bandiera bianca. Non riesce l’impresa ai ragazzi di mister Favarin, che dopo esser stati sconfitti una settimana fa in trasferta non riescono a portare a casa la vittoria che avrebbe significato la permanenza in serie C. Non sono mancate però le occasioni. Su tutte, la traversa colpita da Damonte e i palloni sui quali Brega, per due volte, è giunto in leggero ritardo. Fanno festa i giocatori del Cuneo, ma i minerari hanno veramente di che rammaricarsi.

Partita carica di tensione e dominata dal caldo percepito allo Zecchini. Il Gavorrano, costretto a fare la partita, appare però piuttosto contratto, complice anche l’arretramento in difesa di Vitiello che toglie ritmo al centrocampo rossoblù. Ne risentono gli attaccanti, lasciati troppo spesso isolati e quindi incapaci di impensierire la retroguardia ospite. Le occasione migliori sono quelle che giungono dalle fasce laterali. Al 12′ Gemignani duetta con Damonte, il quale crossa forte nell’area piccola dove però Brega liscia clamorosamente da zero metri. La risposta ospite è tutta in due fiammate di Schiavi, il più attivo nelle file dei piemontesi, che trovano attento Falcone. Il Gavorrano fatica ancora a costruire e si affida alle cavalcate dei suoi esterni: a 5′ dal termine del primo tempo è un cross di Ropolo a pescare la testa di Brega che stavolta prende il tempo ma non inquadra la porta, sfiorando il palo per un soffio. Breve sosta negli spogliatoi e si torna in campo. Al 47′ grande prova di sacrificio di Gemignani che ottiene il break sulla destra e tocca per Barbuti: l’attaccante calcia forte al centro dell’area dove però Brega è ancora leggermente in ritardo e non riesce a ribadire a rete. È praticamente sempre questo il copione col quale il Gavorrano tenta di sbloccare la partita, che non fa registrare altre occasioni fino ai minuti finali. Gli animi vanno innervosendosi sopratutto tra i padroni di casa, che vedono allontanarsi la possibilità di giocare il prossimo campionato di serie C. Succede di tutto nel finale, con Damonte che colpisce la traversa e Favale che sulla ribattuta appoggia tra le mani di Moschin. I rossoblù ci provano fino alla fine, ma non basta. Al triplice fischio del direttore di gara, resta il rammarico per una stagione che il tecnico Giancarlo Favarin era riuscito a rimettere sui binari giusti. Dopo il pesante handicap iniziale che aveva visto i minerari cominciare il campionato con 0 punti dopo 7 partite, la squadra aveva inanellato una serie di risultati utili portandosi a un passo da una clamorosa salvezza diretta. Delusione che cresce se si pensa al risultato maturato nella gara d’andata, col rigore fallito da Remedi che a conti fatti sarebbe valso la salvezza. Delusione che non può mascherare però la realtà. Si salva il Cuneo, giunto in maremma con l’obiettivo di difendere il gol di vantaggio dell’andata, e riuscito pur con difficoltà nel suo intento. Il Gavorrano abbandona invece dopo un solo anno la categoria, dovrà ricominciare dalla serie D.

FT: Gavorrano-Cuneo 0-0

GAVORRANO (3-5-2): Falcone; Borghini (30′ s.t. Favale), Vitiello, Bruni; Gemignani, Remedi (13′ s.t. Malotti), Conti (13′ s.t. Maistro), Damonte, Ropolo; Brega [C] (28′ s.t. Merini) , Barbuti (13′ s.t. Moscati). A disposizione: Pagnini, Luciani, Papini, Reymond. All. Favarin.

CUNEO (4-3-1-2): Moschin; Testoni (1′ s.t. Bertoldi), Conrotto [C], Zigrossi, Cristini A; Cristini M (25′ s.t. Di Filippo), Rosso (48′ s.t. Baschirotto), Gerbaudo; Schiavi (42′ s.t. Secondo); Dell’Agnello (25′ s.t. Galuppini), Zamparo. A disposizione: Stancampiano, Bruschi, Boni, Pellini, Quitadamo, Maresca, Zappella. All. Viali.

Arbitro: Sig. Daniele Amabile di Vicenza.
Ass: Sigg. Matteo Michieli di Padova e Nicola Badoer di Castelfranco Veneto.

Note: Ammoniti Bruni (G), Conti (G), Remedi (G), Dell’Agnello (C), Vitiello (G), Moschin (C)
Recupero: 7′ (2′ p.t. + 5′ s.t.)

Spettatori: 396 (incasso 2.125 €)

Advertisement
1 Comment

1 Comment

  1. FABRIZIO FABBRINI

    26 Mag 2018 at 20:55

    Peccato….con il Gavorrano retrocede il calcio maremmano…….la nostra provincia assente dal calcio che conta……..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

 

Advertisement




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi