Connect with us

Calcio

Squalificato per aver soccorso un atleta, domani sulla Rai a Unomattina Magazine. Una troupe tv a Paganico e Marina

Published

on

La Federazione avrebbe gradito il silenzio, ma dopo la conferma della squalifica, viste le motivazioni, ottiene l’esatto contrario. Ieri su Repubblica, a firma di Gianni Mura, si becca un bel 2 nella rubrica <<Sette giorni di cattivi pensieri>> e domani il caso arriverà sulle televisioni di Stato. Sarà la trasmisssione <<Unomattina Magazine>> che si occuperà dell’incredibile vicenda dell’allenatore squalificato per essere entrato in campo a soccorrere un giocatore 15enne svenuto per un colpo alla testa, episodio che ha fatto il giro dei quotidiani sportivi e che è stato oggetto anche di un’interrogazione parlamentare. In studio saranno ospiti l’on. Federico Gelli, firmatario della interrogazione, l’ex arbitro Internazionale Pieri e l’allenatore della squadra Giovanissimi del Casottomarina, Claudio Buso. Sarà possibile seguire la trasmissione in diretta domani mattina a partire dalle 11,25 su Rai Uno.

Aggiornamento delle 18,30 sopralluogo della troupe Rai al campo del Paganico, dove sono accaduti i fatti e  successiva visita a Marina di Grosseto, località Il Cristo, presso la sede del Casottomarina per l’intervista al presidente.

Giornalista pubblicista, per Gs si è occupato principalmente di settore giovanile e ha seguito, come collaboratore, anche la Lega Pro. Ha collaborato, per il calcio, con la testata Dubidoo.it, primo giornale on line per ragazzi ed inoltre ha collaborato con le testate on-line Vivigrossetosport.it, Tuttob.it, PianetaB.com. Ha altresì collaborato col sito ufficiale (usgrosseto1912.it) dell'Us Grosseto ai tempi di Camilli.

Advertisement
11 Comments
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

11 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Alla faccia della Federazione che voleva il silenzio. …
Come minimo gli danno un’ulteriore squalifica!!

Troppo chiasso per nulla. Se l allenatore non voleva essere squalificato doveva evitare di usare un lingiaggio minaccioso.

Caro equo volevo dire, facile parlare senza trovarsi nelle situazioni!! Secondo me il mister ha fatto la scelta giusta

Minacciando il giovane arbitro?

Caro equo tu sei equo come io sono re d’Inghilterra ah ah .
Ha minacciato l’arbitro mentre soccorreva il ragazzo svenuto ah ah .
Questa barzelletta la devi raccontare la sera a veglia ah ah.

Caro (presunto) equo, siete talmente in pochi a pensarla così, che fai nascere il sospetto che tu possa essere il giovane arbitro, o un di lui parente molto stretto, o uno di quelli che hanno comminato la squalifica ma, chiunque tu sia, sappi che, continuando così, assesterete un colpo forse decisivo alle nostre residue speranze di vedervi, un giorno, rinsavire.
Se la Rai, infatti, si è improvvisamente accorta che esistiamo, non lo ha certo fatto per venire a celebrare le bellezze della nostra terra, ma è stata mossa dal clamore sollevato da questa ulteriore prova dell’umana stupidità che non si è ravveduta nemmeno di fronte al rischio della vita di un giovanissimo ragazzo.
La ciliegina sulla torta poi, dopo la squalifica, è stato il lunghissimo comunicato che la riconfermava adducendo anche motivazioni e giustificazioni non richieste da nessuno e completamente prive di senso.
Mai, difatti, si era venuto a sapere da un provvedimento della Giustizia Sportiva addirittura il codice con cui un giovane infortunato sarebbe entrato in un ospedale e quello con cui ne sarebbe uscito, e questo in assoluto dispregio a qualunque normativa sulla privacy!!
Mi piacerebbe sapere se i genitori del ragazzo abbiano mai acconsentito( per scritto) alla divulgazione di questi dati e se il medico del Pronto Soccorso del Misericordia sia a conoscenza che il suo operato al capezzale del giovane sia stato reso pubblico addirittura attraverso un provvedimento di Giustizia Sportiva!!! E mi piacerebbe anche sapere se rientra nei doveri di un Organo Giudicante lo stigmatizzare PER SCRITTO la vastissima eco da loro stessi provocata con le loro decisioni, sui media locali,nazionali e internazionali.
Cosa avrebbe dovuto fare, quel giorno, il Sig. Buso? Laurearsi in Medicina e Chirurgia intanto che accorreva verso il ragazzo!?? E, magari, trovare anche il tempo di specializzarsi in Pronto Soccorso in modo che,arrivando accanto al giovane a terra, già con una rapida e furtiva occhiata, senza fare tanto casino, avrebbe già potuto capire che era solo svenuto e non in arresto!??!
Mi auguro sinceramente che già queste semplici considerazioni possano contribuire a far rinsavire te e quei tre o quattro( non di più) che, incredibilmente, la pensano come te….

AIA la rovina del calcio!!!!!VERGOGNA:

Sembra che l arbitro non si sia accorto della gravita dello scontro e nemmeno dell ingresso sul terreno di gioco del mister
Quando si volta si avvicina per allontanarlo e questi lo minaccia. E’ cosi?

quindi da come te dici l’arbitro avvicinandosi e vedendo il ragazzo a terra svenuto voleva lo stesso allontanare il soccorritore….mah roba dell’altro mondo

Concordo in pieno con Amiatensis…

Caro equo (si fa per dire) di fronte ad un ragazzino in terra svenuto chi se ne frega della partita e delle regole…. la priorità è comunque l’incolumità e la salute di questi ragazzini. Di fronte alle cosiddette offese e minacce proferite in un momento di concitazione forse era più opportuno usare un po’ di buon senso (far finta di non aver sentito per concentrarsi sui soccorsi senza alimentare inutili polemiche)

Certo è singolare che l’arbitro di fronte ad una scena come quella di un ragazzino a terra svenuto, si preoccupa del fatto che l’allenatore è entrato in campo senza autorizzazione….

Ancor più singolare il comportamento della Federazione, che poteva e doveva ripare alla figura cacina dell’arbitro… ed invece è riuscita a fare anche peggio!!!

Caro equo in democrazia ognuno è libero di pensare e dire ciò che vuole, ma leggendo i vari commenti su questa vicenda mi sembra che a vederla in un certo modo siete in tre: te, l’arbitro e il giudice sportivo!!

Secondo me Gervasio sbagli non sono in tre con equo. Infatti il giudice sportivo ( faccio fatica a chiamare giudice una persona che ha fatto e scritto queste cose) ed equo che è l’arbitro in questione. troppe cose precise sta dicendo equo quasi come se fosse stato in campo in quei momenti.

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

11
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: