Derby maremmano tra Roselle e San Donato, sfida delicata per il Manciano

La diciassettesima giornata del girone C di Promozione prevede come piatto forte l’atteso derby maremmano tra il Roselle capolista ed il risorto San Donato che sta risalendo la china in classifica dopo una prima parte di stagione ben al di sotto delle attese.

Per la sfida contro i “cugini” mister De Masi deve fronteggiare alcune assenze: non ci saranno gli squalificati Boni e Lupi e mancheranno gli infortunati Raito e Kacka. A complicare ulteriormente i piani del tecnico rosellano, va aggiunta l’indisponibilità di Faenzi ancora bloccato dai noti problemi di tesseramento.

Sulla carta i pronostici restano inevitabilmente favorevoli per Consonni e soci, ma il fatto di non avere né infortunati né giocatori appiedati dal giudice sportivo potrebbe dare lo stimolo giusto alla compagine del tecnico Cinelli per cercare di mettere il bastone tra le ruote alla corazzata termale.

Ad un occhio disattento potrà essere sfuggito, ma in questo primo scorcio di 2016 il San Donato ha fatto meglio del Roselle ottenendo sei punti contro i quattro raccolti dal team della famiglia Ceri che non può concedersi il lusso di prendere alla leggera questa partita.

Non sarà facile nemmeno per il Manciano affrontare la trasferta di Rosignano: se è vero che alla squadra di casa mancherà il portiere Frongillo per squalifica, è altrettanto vero che Renaioli non avrà a disposizione per squalifica due pedine importanti come Berna e Schiano.

Non poter contare su di loro è un bel problema, ma i biancorossi mancianesi non hanno alcuna intenzione di perdersi d’animo e guardano all’impegno di domenica con la giusta dose di rispetto per l’avversario e consapevolezza dei propri mezzi.

Come si suol dire in questi casi: rispetto per tutti, paura di nessuno. Con questa certezza nel cuore e nelle gambe, il Manciano scenderà in campo cercando di ottenere il massimo dalla complessa trasferta in quel di Rosignano.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news