Le interviste del Grosseto, l’Arzachena in silenzio per protesta

Nevio Orlandi allenatore del Grosseto

Nevio Orlandi (allenatore Grosseto): <<Il campo lo abbiamo tenuto bene, il fraseggio pure, a mio avvio a differenza di alte partite non c’è stato atteggiamento di rilassamento, ho visto che abbiamo preso gol sul calcio piazzato con linea schierata al limite dell’area, su questa situazione vanno trovati dei rimedi; poi preso subito il due a due su un rigore che mi sembra non ci fosse, altre volte subentrava l’ansia invece è entrata la voglia di vincere. La squadra ha reagito giocando a calcio. Siamo nel finale passati al 3-5-2 che è nelle corde di quelli che sono subentrati. I cambiamenti di schema la squadra li ha recepiti bene. La pausa? Io avrei preferito dare continuità, ci fermiamo ora e poi per Pasqua a me queste cose non piacciono>>.

Vito Lavopa (centrocampista Grosseto): <<Siamo stati bravi a crederci fino alla fine, a non mollare, ho ringraziato Zotti per il passaggio che mi ha permesso di segnare, è il mio terzo centro stagionale. Importante era portare a casa i tre punti e ci siamo riusciti poi ci saranno sette partite e saranno sette finali. Noi ci crediamo fino alla fine, qualcuna delle contendenti perderà qualche punto, poi vedremo. Il gol l’ho dedicato alla mia ragazza Francesca. La sosta? Si adesso ci vuole>>.

Pietro Zotti (attaccante Grosseto): <<Sono contento per me, per Vito che il gol lo meritava, contento per la squadra che questo risultato lo cercava da tempo. L’Arzachena è squadra forte fisicamente ma oggi ha prevalso la tecnica. Siamo consapevole che dopo Viterbo sono tutte battaglie, partita per partita cercheremo di dare il massimo e portare a casa questi punti. Ho provato a fornire esperienza nella gestione della palla nel finale>>.

Luigi Digiorgio (difensore Grosseto): <<Con l’uomo lanciato in contropiede sono andato per prendere la palla con la punta, non nascondo che lo toccata, però l’espulsione era giusta. La partita l’avevamo interpretata nel modo giusta, loro sono stati bravi a riaprila. Gli errori nostri su palla inattiva sono un dato di fatta, noi cerchiamo di correggere i nostri difetti e dobbiamo lavorare per limitarli il più possibile. Il rigore per loro era molto dubbio, loro hanno provato scoprendosi un po’ di più per cercare di recuperare ma dal punto di vista del gioco siamo stati migliori>>.

L’Arzachena non si è presentata in sala stampa per protesta nei confronti dell’atteggiamento avuto da presunti pseudo-tifosi nei confronti della squadra. Questo è quanto ha comunicato l’addetto stampa dei sardi ai giornalisti presenti allo Zecchini.

 

3 Comments
  1. David 3 anni ago
    Reply

    Finalmente abbiamo vinto uno scontro diretto, ho visto finalmente la squadra reagire dopo aver subito l’ennesima rimonta, la mano del mister si comincia a vedere; quelli dell’Arzachena semplicemente ridicoli nell’atteggiamento avuto verso il pubblico e pensare che non si sono presentati in sala stampa per protesta! Forza Grosseto e avanti così!!

  2. Orgoglio maremmano 3 anni ago
    Reply

    Ho visto una squadra ospite molto motivata e la reazione negli spogliatoi denota il loro disappunto per la sconfitta, si vede che per loro l’accesso ai play off e’ una questione di vitale importanza, evidentemente puntano senza mezzi termini alla Lega Pro

  3. Focus 3 anni ago
    Reply

    La squadra piu antisposrtiva vista quest’anno allo Zecchini. Quel polacco poi andrebbe sottoposto all’antidoping. A me uno eccitato in quel modo mi pare molto sospetto. Ha protestato fuori dalle righe per tutto il secondo tempo ad un arbitro che lo ha graziato benevolmente. Arbitro indubbiamente benevolo nei loro confronti. Abbiamo regalato due gol,come al solito. Loro poca cosa mi pare. Come fanno ad essere nei primi posti?

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news