Connect with us

Grosseto Calcio

Simone Ceri ai tifosi biancorossi dopo Olbia: “Calma! Restiamo uniti per costruire il futuro!”

Lettera aperta del vicepresidente unionista dopo la sconfitta di Olbia

Published

on

Grosseto Riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera scritta ai tifosi biancorossi da Simone Ceri, comproprietario e vicepresidente dell’Us Grosseto, dopo la sfortunata sconfitta subita ieri ad Olbia.

<<Cari tifosi, in quest’ultima settimana ne ho lette e sentite troppe sui nostri ragazzi, tanto da sentirmi in dovere di scrivere in loro difesa. Perché se da molti c’è stato il solito sostegno incondizionato pur nel dispiacere della sconfitta, da altri, per me troppi, sono piovute critiche ingenerose e commenti disfattisti. Quello che voglio dirvi è calma! E voglio proporvi alcune riflessioni che la dicono lunga su chi siamo, su quello che è questo Grosseto. Intanto, la stragrande maggioranza dei nostri ragazzi, perché sono ragazzi prima che giocatori, hanno accettato il Grosseto per il minimo federale; e perché la legge impedisce di offrirgli di meno: non sono mercenari che io per primo aspetterei al varco. I nostri ragazzi possono anche sbagliare la partita ma, salvo rare eccezioni, non si può dire che non mettano sangue e sudore. Sono inesperti eppure qualche soddisfazione ce l’hanno regalata. Loro ci mettono tutto fino al novantesimo; il palo di ieri ne è la conferma. Ma c’è di più… qualcosa che forse avete scordato con l’arrivo di vittorie prestigiose come quella di Alessandria: la salvezza, per noi, non è il minimo sindacale, ma un risultato impensabile al quale possiamo ambire solo stando uniti, facendo quadrato, uno per tutti e tutti per uno. E quell’uno è la nostra bandiera! I nostri ragazzi devono essere spensierati, divertirsi senza paura né pressioni. Ci sono loro e loro dobbiamo sostenere, nel bene e nel male, nella salute e nella malattia… come dice si dice officiando un matrimonio.Purtroppo, ci piacerebbe potervi e poter regalare al Grosseto Messi o Ronaldo, ma la realtà dice che non possiamo permetterci niente di diverso da quello che facciamo. Anche perché rispetto a un anno normale in Lega pro, che tutti definiscono bagno di sangue, mancano circa 100 mila euro di spese per i tamponi, circa 180 mila di incassi al botteghino e, infine, si sono aggiunti altri 160/170 mila euro per la riduzione dei minutaggi. E tutto questo ci porta a tirare ancora più la cinghia per sopravvivere, per mantenere la dignità, come farebbe un qualunque capofamiglia responsabile. E li si vede quanto la famiglia è forte; e se è forte sopravvive. E Grosseto deve essere forte! Forse ora sarà più chiaro perché noi non possiamo fare a meno di impiegare 5 giovani: e per noi intendo noi, gli sponsor e gli abbonati, entrambi encomiabili per il sostegno in una stagione così. Insieme copriamo circa il cinquanta per cento dei costi del campionato che superano facilmente il milione; quello che manca dobbiamo trovarlo con minutaggi, con la legge Melandri, le valorizzazioni, ecc. Di una cosa però potete andar fieri: la fideiussione non è falsa e grossi debiti non ci saranno. E poi, se proprio dovete cercare il colpevole…prendetevela con noi! Con le nostre scelte, con i nostri errori e le nostre poche disponibilità, con il nostro modo di vedere il calcio o con la nostra sincerità: in fondo il pesce puzza sempre dalla testa. Ci dispiace non farvi sognare, ma sono più di tre anni che vi diciamo ciò che è e ciò che non può essere. Siamo in Serie C e nessuno ci pensava; abbiamo fatto 25 punti nel girone di andata e… volete spiegarmi cosa possono darci di più questi ragazzi? Perché da domenica si respira un’aria cosi negativa? Vada per la brutta partita con la Pistoiese, ma contro l’Olbia con un po’ di fortuna potevamo pareggiare nel finale senza aver rubato niente. Abbiamo sbagliato mentalità per 25 minuti, poi però abbiamo mostrato buone cose. E allora? Voglio essere chiaro e non lo dirò più: stiamo calmi e teniamo serena e unita la nostra famiglia. Alla fine, poi, tireremo le somme. Ma ora no, ancora è presto. Ora dobbiamo tutti tenere sereni i nostri ragazzi e allontanare le loro paure. Un’ultima cosa, anche questa già detta, ma giova ricordarlo: se retrocediamo non sarà un dramma, soprattutto guardando che fine stanno facendo squadre blasonate del Granducato. E tenete in mente che se escludiamo la parentesi Camilli, è la prima volta che siamo nei Pro in 40 anni. È tempo di tornare a ordire tutti insieme la stessa trama, almeno tutti quelli che hanno a cuore l’Unione sportiva Grosseto 1912. La critica è utile quando è costruttiva. Quindi stiamo uniti che ancora è lunga e stare insieme tutti dalla stessa parte è l’unica base solida su cui costruire il futuro. “Tutti insieme uniti avanzeremo, come un’onda che non si fermerà!”. Avanti Grosseto!

Simone Ceri, vicepresidente Us Grosseto 1912>>.

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Conduce la trasmissione web Il lunedì del Grifone ed è il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv.

Advertisement
2 Comments
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Credo che nessuno metta in discussione il fatto che sia un mezzo miracolo essere tornati in C e fare il giro di boa con 25 punti, come è pacifico che non si può immaginare che la società sia in grado di ingaggiare i cosiddetti “top players”, tuttavia ritengo inevitabile che un tifoso ragioni, appunto, da tifoso e che di fronte a prestazioni oggettivamente inguardabili e inaccettabili come quella contro la Pistoiese provi sconcerto e giramento di zebedei, anche perché è sembrato di notare in campo un certo “mosciume” o comunque un atteggiamento incomprensibilmente compassato e inadeguato rispetto alla situazione; se poi si è trattato di un’errata percezione da parte mia, nessun problema, meglio così. L’importante è che già dal prossimo turno ci sia una svolta nel gioco e soprattutto nel rendimento, perché non credo che le rivali per la salvezza stiano con le mani in mano.

Per quanto mi riguarda, massimo sostegno alla squadra ed allo staff tecnico, perché sono convinto che ce la stanno mettendo tutta.
È chiaro,che da tifoso, mi auguro che la squadra venga rinforzata con giocatori/e d’esperienza.
Anch’io sono dell’idea che non ci servono “figurine” ricordo sempre i flop di Robbiati e Garzia, l’altra settimana ho fatto l’esempio di Giacomo Vanni, due anni fa in Eccellenza un rinforzo mirato contribuì a raggiungere la vittoria del campionato. Secondo me, non servono nomi altisonanti, ma un rinforzo mirato di categoria (da individuare il ruolo dove serve) sarebbe molto importante e nell’interesse del Grosseto e da tifoso, spero che la società faccia uno sforzo, anche perché purtroppo il mercato estivo non ha dato i frutti sperati.
Per il resto, torti arbitrali e regole cambiate in corsa sulla ripartizione del minutaggio, pieno sostegno alla società che ha tutto il diritto di lamentarsi. A proposito, la società è stata sempre chiara sull’impiego di 5 under, però, almeno nei prossimi imminenti ed importanti scontri diretti che ci attendono, mi auguro che la società riveda questa decisione, per dare più esperienza alla squadra.
Concludo con l’ipotesi (speriamo di no🤞🤞🤞) di retrocessione in serie “D” la mia paura è che il quel malaugurato caso, si perda oltre alla categoria professionistica, anche parecchio slancio nel progetto giovani (che a me piace moltissimo) perché in quel caso temo che molti giovani promettenti emigrerebbero verso altri settori giovanili professionistici.
Forza Grosseto!

 

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: