Connect with us

Grosseto Calcio

Verso la Lega Pro unica: Lombardia mattatrice, ma restano 11 posti da coprire.

Published

on

Dopo i quarti di finale di ieri e la retrocessione ufficiale della Reggina dalla Serie B abbiamo conosciuto altri 9 nomi di formazioni che parteciperanno alla prossima Lega Pro unica. Pertanto, rispetto alla settimana passata, siamo passati da 40 a 49 club su 60. La Regione che padroneggia questa sorta di classifica parziale è la Lombardia, che è già certa di poter contare su ben 10 formazioni, ma tale numero potrebbe crescere ulteriormente fino ad un massimo di 12 (in caso di mancata promozione della Cremonese e di retrocessione dalla B del Varese). Subito dopo c’è la nostra Toscana, con 7 squadre, un numero che potrebbe crescere fino a 9, in caso di mancata promozione del Pisa e di vittoria dei play-out del Tuttocuio. La terza piazza è occupata dalla Campania, con 6 club, ma anche tale dato è parziale e incrementabile fino a un massimo di 2 unità. Per facilitare la lettura di tali numeri, ecco il totale parziale suddiviso per Regioni (al momento, ne sono rappresentate 15 su 20, più San Marino):

10 Lombardia (AlbinoLeffe, Como, FeralpiSalò, Giana Erminio, Mantova, Monza, Lumezzane, Pro Patria, Pavia, Renate)
  7 Toscana (Carrarese, Grosseto, Lucchese, Pistoiese, Pontedera, Prato, Viareggio)
  6 Campania (Casertana, Ischia Isolaverde, Juve Stabia, Paganese, Salernitana, Savoia)
  4 Calabria (Catanzaro, Cosenza, Reggina, Vigor Lamezia)
  4 Emilia-Romagna (Pro Piacenza, Reggiana, Santarcangelo, Spal)
  4 Veneto (Bassano, Real Vicenza, Vicenza, Unione Venezia)
  2 Abruzzo (L’Aquila, Teramo)
  2 Basilicata (Matera, Melfi)
  2 Marche (Ancona, Ascoli)
  2 Puglia (Barletta, Foggia)
  1 Friuli Venezia Giulia (Pordenone)
  1 Lazio (Lupa Roma)
  1 Piemonte (Alessandria)
  1 Sicilia (Messina)
  1 Umbria (Gubbio)
  1 San Marino (San Marino)

Guardando, poi,  i suddetti numeri dal punto di vista delle macro-regioni italiane, ovvero Nord, Centro e Sud (più isole), il risultato è il seguente:

21 Nord
11 Centro
17 Sud (più isole)

Questo significa che alcune formazioni del Nord dovranno essere dirottate nel girone del Centro, poiché molte delle 11 squadre che completeranno i posti della prossima Lega Pro unica saranno certamente club settentrionali. Ecco perché  è ragionevole pensare che le squadre dell’Emilia-Romagna e il San Marino saranno dirottate nel girone centrale. Infatti, resta difficile credere che, in un momento in cui si cerca di contenere i costi, la Lega Pro deciderà di suddividere le squadre in 3 gironi a composizione verticale (ovvero ognuno da Nord a Sud), anziché orizzontale, come, appunto, quelli da noi prospettati.

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Conduce la trasmissione web Il lunedì del Grifone ed è il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv.

Advertisement
9 Comments

9 Comments

  1. andrea

    12 Mag 2014 at 13:07

    Ma dalla serie D non potrebbe salire una tra Pianese (che ieri ha vinto il primo spareggio con lo Scandicci) ed Arezzo??

    • Yuri Galgani

      12 Mag 2014 at 13:27

      Ciao, Andrea.
      Nel calcio, soprattutto negli ultimi anni, abbiamo visto accadere un po’ di tutto, per cui, non mi sento di escludere niente a priori.
      Comunque, stando a quanto sappiamo noi di Gs, la Lega Pro applicherà gli stessi criteri di ripescaggio della stagione scorsa. Pertanto, verrà tenuto conto – in primis – dei meriti sportivi con un maggior coefficiente e poi delle altre voci.
      In pratica, credo proprio che avranno maggiori possibilità di ripescaggio le formazioni retrocesse dalla Seconda Divisione rispetto alle vincenti dei play-off di Serie D.
      Questo, se non altro, in riferimento alla formazione che sarà ripescata al posto della Nocerina.

      • andrea

        12 Mag 2014 at 14:49

        ok grazie per la risposta, pensavo un posto per diritto lo acquisivano anche le formazioni vincenti dei vari play off in serie d…

        • Yuri Galgani

          12 Mag 2014 at 21:40

          Andrea,
          a rafforzare quanto ho detto, ecco le parole di Ghirelli, dg della Lega Pro, in un’intervista rilasciata ai colleghi di Tuttosalernitana.com il 21 aprile scorso.

          La Serie C unica a 60 squadre deve pensare già alla prima defezione. Chi sostituirà la Nocerina?
          <<Applicheremo gli stessi criteri di ripescaggio dell’anno passato. Premieremo i meriti sportivi con un coefficiente maggiore. Poi verrà tutto il resto, quindi allo stato attuale dovrebbe avere maggiori possibilità l’ultima che retrocede dalla Seconda Divisione, ma aspettiamo la fine dei campionati per tirare le somme. Non ci inventeremo nulla>>.

  2. Dio

    12 Mag 2014 at 18:37

    L’arezzo è ripescato al 90%

    • Yuri Galgani

      12 Mag 2014 at 22:27

      Arezzo è una bella piazza. Me lo auguro per i cugini aretini.

  3. mister x

    12 Mag 2014 at 18:40

    Quindi con tre gironi di C unica avremo sei promozioni totali in B e sei squadre che scenderanno dalla serie cadetta ?

    • andrea

      12 Mag 2014 at 19:27

      No le promozioni restano 4, le prime classificate dei 3 gironi, più una quarta data da un play off incrociato tra i 3 gironi (le seconde, le terze e le quarte)

  4. Il bersani

    15 Mag 2014 at 21:39

    Al posto della Nocerina ripescano la Viterbese…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

 

Advertisement




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi