Prima categoria: i risultati della terza giornata. Pari a Sorano, Alberese prima vittoria.

Nella foto mister Scheggi (di F.Linicchi)

ALBERESE – FONTEBLANDA  1-0

ALBERESE: Allegro, Camarri, Girardini (37’ st Fioretti), Ciavattini, Massieri, F. Pastorello, Paoletti (20’ Di Bonito – 35’ st W. Pastorello), Cucini, Pedroni, Brizzi, Savelli. A disposizione: Rabai, Tenucci, Coralli. All. Romagnoli.
FONTEBLANDA: Bartali, S. Lubrano, N. Lubrano, Ricci, Cerboneschi, Picchianti (43’ st Mazzoli), Boni, Giani, Falciani (27’ st Stella), Melchionda, Ricchiuti (43’ st Mandragora). A disposizione: Neagu, Cagnacci, Bifini, Mazzoli, Santini, Mandragora, Stella. All. Russo.
ARBITRO: Macripò di Siena.
RETE: 6’ (rig.) Pedroni.

L’Alberese, grazie a un calcio di rigore di Pedroni, ottiene la prima vittoria stagionale (1-0) ai danni di un Fonteblanda che rimane così all’ultimo posto della graduatoria, pur avendo offerto una prestazione nel complesso sufficiente.
Dopo una punizione di Cerboneschi ribattuta dalla barriera, i bianconeri trovano al 6’ il gol partita: fallo di mano in area di un difensore ospite e Pedroni, dagli undici metri, spiazza Bartali per realizzare la prima rete con il team del Parco. La reazione dei ragazzi di Russo si materializza con un diagonale da posizione defilata di Falciani, bloccato da Allegro, ma al 38’ è Di Bonito a sparare alto, ben servito da Savelli. A inizio ripresa un’occasione per parte, con Melchionda e Brizzi, poi l’Alberese riesce a difendersi con ordine ai tentativi neroverdi, ispirati da un ottimo Cerboneschi, che prima serve Stella (blocca Allegro) e poi effettua un diagonale che si perde a lato. Il Fonteblanda però non sfonda e, nel recupero, Pedroni spedisce fuori la palla del raddoppio a tu per tu con Bartali.

BADESSE – VALDARBIA 3-2

BADESSE CALCIO: Giannerini, Zacchia, Chellini, Landolfi, Barbi Daniel (dal 11’st Certosini) , Di Cicco (dal 29’st Barbi Davide), Giacopelli, Dezi, Giotti (dal 9’st Mascambruno), Polloni, Pecchi. A disposizione: Bianciardi, Bozzi, Romeo, Sardelli. All: Fusci
VALDARBIA: Neri, Donati, Machetti, Corti, Pellegrini, Andriolo, Ventrone, Mazzarella (dal 22’st Acerra), Donatelli (dal 9’st Ruggiero), Bonadonna (dal 15’st Corbelli), Fontani. A disposizione: Pistolesi, Albanese, Miraldi, Pittalis. All: Magneschi
ARBITRO:  Giobbi di Pontedera
RETI:  15’pt Pecchi, 20’pt Giacopelli, 42’pt e 9’st Bonadonna, 37’st Mascambruno

MAGLIANESE – CALDANA 1-1

MAGLIANESE: Cavallo, Sgherri, Bini, Darini, A. Venturini, Rotelli, Puccini, Ciavattini (15’ st Corridori), Sabatini (25’ st Petroselli), Gamberoni, Stringardi. A disposizione: Cucca, L. Venturini, Valentino. All. Boni.
CALDANA: Frattini, Creatini, Giorgetti, Casaccia, Tosi (10’ Benini), Zurlo, Vecci (1’ st Gualtieri), Filippini, Rotelli, Albonetti (30’ st Paumgharden), Felici. A disposizione: Berti, Germano, Voddo, Cerboni, Piras. All. Ruggeri.
ARBITRO: Falleni di Livorno.
RETI: 12′ Albonetti, 45′ Stringardi.
NOTE: espulso al 25′ st Stringardi.

Giusto pari tra Maglianese e Caldana (1-1 il finale) in una gara caratterizzata da un sostanziale equilibrio. Parte forte il Caldana che passa in vantaggio con Albonetti su calcio piazzato. Il pari giunge allo scadere con Stringardi che di testa beffa con un pallonetto il portiere Frattini. Il Caldana (che rimane in dieci per l’espulsione di Stringardi) nella ripresa colpisce una traversa
su punizione con Cucca.

PIEVESCOLA – ARGENTARIO 1-0

PIEVESCOLA:  Andreola, Palumbo, Sesto, Nannoni (83′ Langone), Di Libero, Pratesi, Schiano, Ioukan, Voidulla (90′ Esposito), D’Auria, Menichetti (60′ Poli). Allenatore: Tintisona.
ARGENTARIO: Scotto, Cedroni, De Pirro, Sordini, Moriani, Ferrari, Della Monaca (68′ Pennisi), Giovani, Castriconi, Alocci (71′ Vagnoni), Atzori. All Francioli.
Arbitro Magherini di Prato.
RETE: 36’ Schiano.

PONTE D’ARBIA – PIENZA 4-3

PONTE D’ARBIA: Lorenzetti, Cortonesi (46′ Padrini), Sampieri, Benocci, Camara, Binarelli (75′ Gurguska), Brizzi, Fantini, Forzoni, Manetti (85′ Sacchi), Tornesi. A disposizione: Anselmi, Tomei, Rubegni, Bonari. Allenatore: Fedeli.
PIENZA:  Minocci, Duchini, Mangiavacchi, Iammattei, Pasquetti (62′ Sabatini), Bindi G. (69′ Agnoletti), Fioravanti, Peruzzi (73′ Anselmi), Nocchi, Leporini, Bonari. A disposizione: Poggialini, Bindi E., Petreni. Allenatore: Battisti.
ARBITRO: Toscano della sezione Aia del Valdarno.
RETI: 9′ Nocchi, 17′ Forzoni, 27′ Duchini, 35′ Tornesi, 62′ Nocchi, 67′ Forzoni, 82′ Gurguska.
AMMONITI: Duchini, Peruzzi, Iammatteo, Benocci.
ESPULSI: 88′ Sabatini.

SAN QUIRICO – PAGANICO 2-0

SAN QUIRICO: Borghi, Provenzano,( 71 De Luca), De Bernardi M., Bianciardi, Bernetti, Marconi, Magini, Vento, (86 Martellini), Bindi, (58 Tollapi) ,Migliorini, Dionisi. A disp. Maramai, Dinetti, Martellini, De Bernardi R., All. Pecci.
PAGANICO: Marchi, Nelli, Marraccini, Modesti, Noferi, Paolini, Vacchiano, Agresti, Longino, Magnani, Pieri. A disp. Montani, Marzocchi, Pifferi, Biagini, Lavornia, Machetti. All. Agresti.
ARBITRO: Vagheggi di Arezzo
MARCATORI: 6° Provenzano- 85 Vento
ESPULSI: De Bernardi M., Migliorini, Noferi.

SORANO – CASTIGLIONESE 1-1

SORANO: Tramontana, Coli, Alborino, Brizi, Onori, Bufalini, Ventura (31’ st Bibi), Falchi, Sequino (35’ st Buosi), Esposito, Bacci. A disposizione: Cappelletti, Dominici, Santinami, Sonnini, Di Carlo. All. Gaggi.
CASTIGLIONESE: Marroccella, Caporali, Grossi, Mariottini, Marchi, Batazzi, Giagnoni (40’ st F. Magrini), Chiti, Caldelli, Ville, Smajli (32’ st L. Magrini). A disposizione: G. Romagnani, Baccetti, Guerriero, Andrei. All. Giagnoni.
ARBITRO: Pezzatini di San Giovanni Valdarno.
RETI: 16’ st Esposito, 30’ st Caporali.

Termina con un pareggio la sfida tra le prime della classe Sorano e Castiglionese (1-1 il finale); un risultato che sorride certamente di più alla truppa di Giagnoni, che mantiene vetta della classifica e imbattibilità di un campionato che sembra essere molto equilibrato e appassionante, visto che dopo tre giornate nessuna squadra si trova a punteggio pieno. Mastica invece amaro il Sorano, non tanto per la prestazione e per il risultato (il team di Gaggi non ha ancora conosciuto sconfitta in campionato, ottimo risultato per una matricola) quanto per le decisioni del giudice di gara, che, soprattutto in un paio di occasioni, ha sollevato le proteste della dirigenza locale.
Nel primo tempo le due squadre si affrontano a viso aperto, confermando la bontà dei rispettivi inizi di stagione, senza però riuscire ad avere la meglio l’una sull’altra. Al 20’ però, prime proteste dei locali, con Esposito fermato per un dubbio fuorigioco al momento di calciare verso Marroccella.
Il numero 10 locale ha però modo di rifarsi al 16’ della ripresa, telecomandando un calcio piazzato nell’angolo in cui Marroccella non può proprio arrivare; alla mezz’ora riequilibra però il parziale Caporali, difensore che conferma il vizietto del gol, girando di testa una punizione dalla destra. Al 40’ l’episodio che scatena le protrste locali, con il subentrato Buosi che viene strattonato e atterrato in area: l’arbitro lascia proseguire, e il pareggio diventa risultato finale.

VIRTUS CHIANCIANO – RIBOLLA 0-2

VIRTUS CHIANCIANO: Marianelli, Benicchi, Lodi, Riccio (45′ Miranda), Daviddi, Fei, Esposito, Cozzi Lepri (45′ Marchetti), Rosadini, Del Buono, Bernetti. A disp: Ramini, Mencarelli, Sgrelli, Poggiani, Landi. All. Ferraro.
RIBOLLA:Santini S, Ferrari (75′ Bruno), De Rose, Goanta, Franchi, Senserini, Marri, Santini F (70′ Meconcelli), Boschi, Burioni (81′ Pedone), Pieri. A disp: Bianchini, Salvatore, Magnani, Ceccarelli. All. Scheggi.
ARBITRO: Schiatti di Arezzo.

RETI:  20′ Franchi, 44′ Boschi.
ESPULSO: 75′ Del Buono.

GEOTERMICA – FOLLONICA 4-0

GEOTERMICA: Mazziotta, Baldini, Gucci, Luzzi, Camici, Frediani, Bozzi, Costagli, Tempini, Vecce, Rinaldi. A disposizione: Rosi, Brogi, Galluzzo, Ciaccio, Leone, Virdis. All. Guarguaglini.
FOLLONICA: Bigoni, Decembrini, Bucchioni, Garofalo, Tocchi, Errico, Batistoni, Bientinesi, Bruni, Duranti, Monterisi. A disposizione: Tinervia, Zinali, Cantini, Caratelli, Falleni, Kutinov, Gori. All. Ballerini.
ARBITRO: Paoletti di Livorno.
RETI: 25’ Bozzi, 12’ st e 30’ st Tempini, 40’ st Rinaldi.
NOTE: espulsi Garofalo al 35’ per doppia ammonizione e Bientinesi e l’allenatore Ballerini al 46’ per proteste.

Pesante battuta d’arresto (4-0) per il Follonica nella trasferta pisana di Larderello, con la partita dei biancozzurri che dura praticamente un tempo soltanto.
Infatti, dopo aver subito il vantaggio della Geotermica firmato dal numero 7 Bozzi, la partita prende una brutta piega per la giovane truppa di Ballerini, visto che, dieci minuti dopo lo svantaggio, il direttore di gara Paoletti allontana Garofalo dal campo per doppia ammonizione. Decisione che non va giù all’entourage follonichese, come dimostrato dal parapiglia generatosi all’intervallo: l’arbitro si erge di nuovo a protagonista, espellendo per proteste sia Bentinesi che l’allenatore Ballerini.
Nella ripresa la Geotermica ha quindi vita facile, con i gol che arrivano a grappoli: a scavare il parziale decisivo ci pensa bomber Tempini, a segno con la doppietta che piega le gambe al Follonica. Nel finale, sugli sviluppi di una mischia, è Rinaldi a entrare nel tabellino dei marcatori, siglando il definitivo poker.

 

MONTEROTONDO – AQUILA SCINTILLA 1-1

MONTEROTONDO: Paone, Lorenzini, Barsacchi, Giacomini, Castellani, Ciaravolo, Cascinelli, Giulivi (10’ st Gragnani), Khouribeck,  Perciavalle, Civitillo. A disposizione: Flori, Norfini. All. Cavaglioni.
AQUILA SCINTILLA: Ghelardi, Spada, Simoncini, Codini, Hemmy, Santerini, Di Giovanni, Ciadrelli, Cerrai (45’ st Cerri), Eliani, Sechi. A disposizione: Marazzato, Giuliani, Balagi, Conti, Rafaniello, Leoni. All. Bonfanti.
ARBITRO: Lumetta di Piombino.
RETI: 20’ st Sechi, 25’ st Khouribeck.

Pareggio in rimonta per il Monterotondo (1-1) che recupera dopo pochi minuti il vantaggio iniziale dell’Aquila Scintilla.
Dopo un primo tempo chiuso sul parziale di apertura, gli ospiti rompono l’equilibrio al 20’ della ripresa con la realizzazione di Sechi, abile a trafiggere Paone. I rossoverdi, però, pareggiano cinque minuti più tardi grazie alla magistrale punizione di Khouribeck, che non lascia scampo a Ghelardi. Padroni di casa polemici con il direttore di gara, reo di non aver concesso due rigori apparsi netti.

7 Comments
  1. auuu 6 anni ago
    Reply

    fonteblanda che conci!!!!!! auuaaaaaaa

  2. Amiatensis 6 anni ago
    Reply

    S.QUIRICO D’ORCIA – PAGANICO= 2-0

    Boccone davvero amaro per il Paganico nella bella e stavolta ingrata terra di Val d’Orcia.
    Partita subito in salita(eravamo al 5° del p.t.)quando un inopinato errore del pur bravo Marchi portava in vantaggio i locali, increduli di fronte a tanta inaspettata generosità: andando a raccogliere la più innocua delle conclusioni da lontano, l’estremo bianconero si vedeva la sfera beffardamente sgattaiolare prima tra le braccia e poi fra le gambe per poi sorpassare mestamente la linea di porta,concretizzando così il peggior incubo di ogni portiere.
    Il resto del primo tempo ha visto il Paganico in avanti ad esercitare una sterile superiorità territoriale, che però mai è riuscita a creare seri grattacapi alla retroguardia e alla porta locale.
    Ripresa dello stesso tenore, con gli ospiti che premevano ancor di più sull’acceleratore in un assedio perentorio che pareva, da un momento all’altro, poter condurre al meritato pareggio quando, a pochi minuti dal termine, una palla persa malamente a centrocampo dai bianconeri, innescava una ripartenza del San Quirico in superiorità numerica che metteva Vento in condizione di superare agevolmente Marchi.
    Ultimi sprazzi ancora in avanti per il Paganico, ancora altre situazioni pericolose davanti alla porta locale , ma senza che il risultato si schiodasse dal 2-0, neanche per il gol della bandiera.
    Il calcio è questo, vince chi la mette dentro ed il Paganico non c’è riuscito mentre il San Quirico(bene o male)in rete l’ha messa due volte: una partita in cui il Paganico non ha per niente demeritato, probabilmente agevolato anche dalle due espulsioni rimediate dai locali, contro quella di Noferi per i maremmani, in un incontro anche troppo spigoloso e maschio che, oltre ai tre rossi, ha costretto l’arbitro aretino a sventolare il giallo in parecchie altre occasioni.
    Paradossalmente, la difesa oggi è parsa più affidabile del solito, mentre è stato l’attacco a suscitare, ancora una volta, le maggiori perplessità anche se a seppur parziale scusante delle punte c’è da dire che troppo spesso vengono servite con palle alte e morbide e rigorosamente con spalle alla porta e quasi mai con un bel suggerimento teso a rientrare dalla fascia o ancora meglio, dalla linea di fondo….
    Naturalmente, vista la classifica, un rapido miglioramento sarebbe urgente e,stasera come non mai, davvero auspicabile….

  3. Sportivo 6 anni ago
    Reply

    Penso che il signore che ha scritto questo articolo su san quirico-paganico abbiamo visto totalmente un altra partita,oppure la pioggia che e’ caduta nel comune senese gli ha affannato la vista! Nei 90minuti non si registrano tiri nella porta del san quirico,gli unici pericoli per la porta senese sono stati i classici traversoni della disperazione,classico di una squadra prima di idee e di giuoco. Il giocatori bianconeri e mister compreso farebbero meglio a riordinare le idee e a trovare il bandolo della matassa,e magari potrebbero cercare di stare piu’ tranquilli in campo,visto che pensavano piu’ a dare botte che a cercare di giocare la palla! Per quanto riguarda il san quirico, squadra giovane e messa male fisicamente,provavavo a giocare la palla anche con buoni risultati,e il solo Vento ha tenuto in apprensione l’incerta difesa maremmana! Se poi si regalano gol come il primo…
    Caro Paganico meno articoli favorevoli,meno chiacchere e battersi le scarpette nel culo..la salvezza si ottiene con le unghie e con i denti,non che le chiacchere!

    • Amiatensis 6 anni ago
      Reply

      Caro Sportivo,
      sinceramente non capisco perché dica “che ho visto totalmente un’altra partita” quando lei sostiene tesi praticamente sovrapponibili alle mie: non sarebbe meglio, prima di mettersi davanti alla tastiera, leggere CON ATTENZIONE quel che la gente scrive?
      Di una cosa mi ero dimenticato nel mio intervento: complimenti per lo splendido impianto e per la correttezza del foltissimo pubblico di San Quirico.

  4. Scarso 6 anni ago
    Reply

    Proprio così! È il campionato di prima categoria più scarso della storia. Gioca certa gente che 10-15 anni fa non avrebbe calcato neanche i campi di terza categoria

  5. Sportivo 6 anni ago
    Reply

    Io ho letto con attenzione,nel tuo commento si cerca di giustificare la prestazione del Paganico o quanto meno di far passare il paganico come sfortunato! penso che la prestazione dei Bianconeri sia stata totalmente insufficiente,perche’ come ho scritto in precedenza,in 90 minuti non ha mai tirato in porta! Mi e’ sembrata una squadra senza identita’ priva di idee e senza una trama di giuoco e con una difesa molto leggera, io ho visto una leggera supremazia,e mi sembra sia stata dei padroni di casa non certo della formazione di Agresti! Inoltre,ripeto ho visto solo tanto nervosismo e tanti falli dei biamconeri e anche in 9 contro 11 (giuste le espulsioni locali) non ho notato quella rabbia per cercare il pareggio,anzi con una difesa messa malissimo hanno subito la seconda rete! Un arbitro sicuramente non all’altezza ma se finiva 8 contro 8 non cera da dire nulla! Come gia’ detto penso che le armi del paganico per salvarsi debbano essere altre..meno chiacchere e piu’ fatti!

    Con sportivita’…lo sportivo!

  6. Sportivoduevolte 6 anni ago
    Reply

    A Paganico ‘un si fa chiacchiere………..le chiacchiere le fanno altri.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW