Grifone, preparazione estiva e un’altra stagione da affrontare al Palazzoli e allo Zecchini. I biancorossi necessitano di manti erbosi perfetti

L'aspetto del terreno dello Zecchini il 23 dicembre 2017
WhatsApp-Image-2018-06-23-at-22.53.23 WhatsApp-Image-2018-06-23-at-22.53.231 WhatsApp-Image-2018-06-23-at-22.53.24 WhatsApp-Image-2018-06-23-at-22.53.241 WhatsApp-Image-2018-06-23-at-22.53.242 WhatsApp-Image-2018-06-24-at-06.06.53 WhatsApp-Image-2018-06-24-at-06.06.531 WhatsApp-Image-2018-06-24-at-06.06.532 WhatsApp-Image-2018-06-28-at-11.44.29 WhatsApp-Image-2018-06-28-at-11.44.291 WhatsApp-Image-2018-06-28-at-11.44.292 IMG-20171223-WA0000-1024x576

Grosseto Ci siamo, luglio è alle porte e con esso inizierà ufficialmente la stagione agonistica 2018-19. Si cominceranno a depositare i contratti, si parlerà ancor di più di calciomercato e tanti club inizieranno anche la preparazione atletica. L’Us Grosseto, ad esempio, comincerà la preparazione pre-campionato il 30 luglio, ma questa volta, tutti d’accordo, sul terreno del Nilo Palazzoli. Il campionato unionista, invece, dando per scontato che sarà ancora quello di Eccellenza, prenderà il via a settembre. Ebbene, poiché noi di Gs siamo soliti mantenere gli impegni presi, siamo qui, puntuali, a ricordare al Comune di Grosseto che tanto i manti erbosi del Palazzoli, ma soprattutto dello Zecchini necessitano di interventi corposi e risolutivi. Sia chiaro, questo articolo non vuole essere un attacco a nessuno. Lo specifichiamo perché il lavoro portato avanti dalla ditta Barbini per la manutenzione dei manti erbosi tanto del Palazzoli che dello Zecchini è stato davvero lodevole. Questo nonostante le difficoltà oggettive affrontate. Alla stessa maniera, come promesso dall’assessore Rossi, il Comune si è mosso dando un incarico tecnico a un noto professionista del settore (uno che ha risolto i problemi dei terreni dell’Olimpico di Roma e del Meazza di Milano), il quale dovrà consegnare a giorni una relazione per gli interventi da sostenere sul manto erboso dello Zecchini. Tra l’altro, a sentire la ditta Barbini, la tempistica al momento è rispettata, anche perché operazioni profonde come quelle previste per ridare vita al terreno del nostro stadio vanno effettuate a settembre. Premesso tutto ciò, torniamo a parlare direttamente delle strutture sulle quali lavorerà e giocherà l’Us Grosseto. Ad esempio, sempre secondo la ditta Barbini, il fondo del Palazzoli è piuttosto duro e sconnesso, anche se per il momento il verde copre tali imperfezioni. Tuttavia, proprio in vista della preparazione estiva, è normale che in casa biancorossa possa esserci più di una preoccupazione, perché c’è il desiderio di evitare infortuni dovuti al terreno imperfetto. In ogni caso, la cosa più urgente in assoluto resta il manto erboso dello Zecchini, che necessita di interventi davvero importanti, come quelli elencatici a suo tempo da Andrea Barbini, dell’omonima ditta, che ci ha detto: <<Credo sia utile sottolineare che per avere dei terreni di gioco perfetti, occorrono operazioni complete di mantenimento che devono essere abituali, non straordinarie>>. Le immagini che vi mostriamo parlano chiaro e adesso sta al Comune passare dalle promesse ai fatti. Ricordiamo che lo stesso assessore Rossi durante l’ultima puntata del 2017 de Il lunedì del Grifone ha affermato che il Comune avrebbe risolto il problema del manto erboso dello Zecchini durante l’estate 2018 con un intervento completo. Nel frattempo, però, noi di Gs ci siamo mossi e abbiamo chiesto allo stesso assessore quando e se partiranno i lavori manutentivi per il terreno dello Zecchini e se sono previsti interventi anche sul manto del Palazzoli. Ecco cosa ci ha risposto Rossi: <<Per il terreno dello Zecchini stiamo aspettando la relazione dei periti incaricati per procedere. Il Palazzoli, invece, verrà trattato a parte, al di fuori della trasemina o di cosa è necessario fare. D’altronde, non siamo noi profani a dover dire che cosa fare, ma gli esperti incaricati che hanno già effettuati i sopralluoghi>>. Al di là delle risposte rassicuranti e tempestive dell’assessore allo Sport, resta l’esigenza di mettere a disposizione dell’Us Grosseto un’impiantistica adeguata, sia per gli allenamenti, che per le partite casalighe, perché consentire di giocare ancora una volta su un manto erboso spelacchiato come quello dello Zecchini durante l’inverno scorso è stato e sarebbe davvero indecoroso, soprattutto per una città come la nostra, capoluogo provinciale.

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news