Grosseto-Astrea 4 a 2. Vittoria sofferta, ma è di nuovo primo posto!

Di Gennaro sigla il momentaneo 2 a 1

Grosseto Il Grifone batte 4 a 2 l’Astrea, ma lo fa soffrendo, sorpreso dal gol a freddo degli ospiti, capaci di rimanere in partita fino alla rete finale di Nappello, una vera e propria liberazione per la truppa di Giacomarro. Grazie a questo successo e ai pareggi di Rieti e Viterbese, il Grosseto ha anche ritrovato la testa della classifica, un risultato importante, seppur provvisorio, che deve riportare serenità in casa maremmana dopo le polemiche interne seguite al beffardo pari a Lanusei. Obiettivo fondamentale, perché domenica prossima i biancorossi si recheranno sul difficilissimo campo di Olbia, dove dovranno fornire una prestazione da squadra importante e matura.

Doccia fredda e poi pareggio Il Grosseto affronta il fanalino di coda Astrea e deve sfruttare al meglio questo turno casalingo. Giacomarro fa esordire subito il neo-arrivato Peana e lo schiera come difensore di destra tra i tre centrali. I capitolini, che da due domeniche hanno in panchina un nuovo tecnico, Simone Rughetti, partono con un 5-3-2 piuttosto difensivo. Nonostante ciò, al 4′ gli ospiti passano in vantaggio grazie a Belardinelli, lasciato libero di toccare di testa il pallone giuntogli dalla destra. Gagno non può nulla. Non impeccabile, però, la fase difensiva biancorossa. Il Grifone, colpito a freddo, impiega qualche minuto a riorganizzare le idee, ma al 20′ riesce a pareggiare con la deviazione decisiva di Nichele, bravo a inserirsi sulla punizione calciata dalla trequarti destra. Tra il 30′ e il 39′, poi, i biancorossi sfiorano il vantaggio con il tocco di Di Gennaro su punizione di Zotti e i tiri di Olivieri, ma l’Astrea prova a non arretrare troppo e a pungere con veloci ripartenze. Gli ospiti, pur non riuscendo a rendersi pericolosi, creano qualche apprensione di troppo alla retroguardia maremmana, chiaramente preoccupata dopo lo svantaggio iniziale. Il primo tempo si chiude così sul risultato di 1 a 1, con 1′ di recupero, nel corso del quale non accade niente.

Nappello blinda il risultato La ripresa mostra il Grifone voglioso di passare in vantaggio, ma è troppo frenetico nelle giocate. Al 56′, però, Di Gennaro non si ferma mentre i capitolini invocano il fuorigioco e batte Placidi con un rasoterra. Come per incanto, i biancorossi prendono a fare giocate fluide, ma è un fuoco di paglia, perché al 64′, ancora Belardinelli, sempre di testa, salta indisturbato in area grossetana sugli sviluppi di un corner e ristabilisce la parità. Tuttavia, al 66′, una clamorosa incomprensione tra Di Fiordo e Placidi porta all’autogol ospite e al nuovo vantaggio maremmano. Subito dopo Giacomarro avvicenda Olivieri, applauditissimo, con Vaccaro, mentre nel frattempo Rughetti ha già effettuato due sostituzioni. Il match rimane in bilico, ma l’ingresso di Nappello all’82’ per Palumbo offre nuova linfa offensiva ai biancorossi e proprio il neo-entrato chiude la pratica Astrea con un bellissimo gol personale. Lo Zecchini esplode di gioia e i biancorossi in campo sommergono di abbracci la punta, al rientro dopo il secondo infortunio stagionale. La partita finisce così 4 a 2 e il Grifone, grazie ai risultati dagli altri campi, ritrova il primo posto in classifica.

Grosseto Il Grifone batte 4 a 2 l’Astrea, ma lo fa soffrendo, sorpreso dal gol a freddo degli ospiti, capaci di rimanere in partita fino alla rete finale di Nappello, una vera e propria liberazione per la truppa di Giacomarro. Grazie a questo successo e ai pareggi di Rieti e Viterbese, il Grosseto ha anche ritrovato la testa della classifica, un risultato importante, seppur provvisorio, che deve riportare serenità in casa maremmana dopo le polemiche interne seguite al beffardo pari a Lanusei. Obiettivo fondamentale, perché domenica prossima i biancorossi si recheranno sul difficilissimo campo di Olbia, dove dovranno fornire una prestazione da squadra importante e matura.

Doccia fredda e poi pareggio Il Grosseto affronta il fanalino di coda Astrea e deve sfruttare al meglio questo turno casalingo. Giacomarro fa esordire subito il neo-arrivato Peana e lo schiera come difensore di destra tra i tre centrali. I capitolini, che da due domeniche hanno in panchina un nuovo tecnico, Simone Rughetti, partono con un 5-3-2 piuttosto difensivo. Nonostante ciò, al 4′ gli ospiti passano in vantaggio grazie a Belardinelli, lasciato libero di toccare di testa il pallone giuntogli dalla destra. Gagno non può nulla. Non impeccabile, però, la fase difensiva biancorossa. Il Grifone, colpito a freddo, impiega qualche minuto a riorganizzare le idee, ma al 20′ riesce a pareggiare con la deviazione decisiva di Nichele, bravo a inserirsi sulla punizione calciata dalla trequarti destra. Tra il 30′ e il 39′, poi, i biancorossi sfiorano il vantaggio con il tocco di Di Gennaro su punizione di Zotti e i tiri di Olivieri, ma l’Astrea prova a non arretrare troppo e a pungere con veloci ripartenze. Gli ospiti, pur non riuscendo a rendersi pericolosi, creano qualche apprensione di troppo alla retroguardia maremmana, chiaramente preoccupata dopo lo svantaggio iniziale. Il primo tempo si chiude così sul risultato di 1 a 1, con 1′ di recupero, nel corso del quale non accade niente.

Nappello blinda il risultato La ripresa mostra il Grifone voglioso di passare in vantaggio, ma è troppo frenetico nelle giocate. Al 56′, però, Di Gennaro non si ferma mentre i capitolini invocano il fuorigioco e batte Placidi con un rasoterra. Come per incanto, i biancorossi prendono a fare giocate fluide, ma è un fuoco di paglia, perché al 64′, ancora Belardinelli, sempre di testa, salta indisturbato in area grossetana sugli sviluppi di un corner e ristabilisce la parità. Tuttavia, al 66′, una clamorosa incomprensione tra Di Fiordo e Placidi porta all’autogol ospite e al nuovo vantaggio maremmano. Subito dopo Giacomarro avvicenda Olivieri, applauditissimo, con Vaccaro, mentre nel frattempo Rughetti ha già effettuato due sostituzioni. Il match rimane in bilico, ma l’ingresso di Nappello all’82’ per Palumbo offre nuova linfa offensiva ai biancorossi e proprio il neo-entrato chiude la pratica Astrea con un bellissimo gol personale. Lo Zecchini esplode di gioia e i biancorossi in campo sommergono di abbracci la punta, al rientro dopo il secondo infortunio stagionale. La partita finisce così 4 a 2 e il Grifone, grazie ai risultati dagli altri campi, ritrova il primo posto in classifica.

12 Comments
  1. Dario 4 anni ago
    Reply

    Vinicius nemmeno in panchina??

    • attilio regolo 4 anni ago
      Reply

      E che capperi Dario! Ma un po’ di esultanza per la vittoria e il primato in classifica no?

      • Dario 4 anni ago
        Reply

        L’ho scritto quando si perdeva….

  2. Gianni 4 anni ago
    Reply

    Forza torelli… Viterbo m…a

  3. Gian 4 anni ago
    Reply

    Buona la vittoria e il primato solirario in classifica, pero’ penso che il mister debba trovare un assetto piu’ equilibrato a centrocampo, non può insistere così, prendere sempre due gol anche dall’ultima in classifica. Sempre forza Grosseto stringiamo i denti E vinciamo questo Benedetto campionato.

  4. Fede80 4 anni ago
    Reply

    L’unica nota positiva sono i risultati dagli altri campi.. noi si continua a prende valanghe di gol, anche dagli ultimi in classifica, e questo fa molto male in prospettiva futura con avversari di ben altro spessore, si continua a cambiare portieri e difensori e a comprarne di nuovi, ma non cambia niente.. svegliaaaa!

  5. Doc55 4 anni ago
    Reply

    Fede80 hai ragione! Forse la cerniera di centrocampo, forse il mancato abbassamento degli esterni, fatto sta che due gol pure con questi mi sembrano troppi. Il Trastevere ha fatto tre pallini al Lanusei….

  6. Buttero70 4 anni ago
    Reply

    Dispiace dirlo, ma ZOTTI + 2 punte non c’è lo possiamo permettere, si è visto anche oggi contro una squadra che ha 30 punti meno di noi….ripeto, il periodo migliore è stato con 2 punte, Olivieri,Vaccaro e Lauria…..Mister pensaci….

  7. Gian 4 anni ago
    Reply

    Vedo che altri la pensano come me, tre davanti non ce lo possiamo permettere anche se oggi ho visto Zotti giocare piu’ indietro, ma si vede che non e’ il suo ruolo, il miglior periodo e’ stato con va caro è Olivieri in campo e due punte. Spero che se ne sai accorto anche il mister e che faccia un
    Passo di umilta’ indietro come asserito dal presidente, visto che ora ci aspettano partire come Olbia, Rieti, muravera e viterbese. Forza ragazzi manteniamo la testa raggiunta oggi con fatica. Sempre forza Grosseto

  8. Lupo 4 anni ago
    Reply

    Oggi di buono i tre punti ed i risultati degli altri campi, dal punto di vista della gestione nervosa io mi immagino questo campionato come una gara di moto g.p. con sorpassi e controsorpassi fino alla fine. I pregi (attacco prolifico) ed i difetti (difesa insicura) del Grosseto ormai sono chiari, quello che mi auguro e’ che la condizione atletica ci assista in questa volata finale.
    Spero anche in un utilizzo maggiore di Nichele, perché gol a parte mi sembra l’unico nella rosa che ha forza fisica e capacità di recuperare palloni.

  9. Corrado 4 anni ago
    Reply

    Il Grifone, a mio modesto parere, non è stato all’altezza delle precedenti prestazioni viste allo “Zecchini”; prendiamoci questi benedetti 3 punti, che ci regalano la vetta della classifica, e concentriamoci subito sul prossimo, difficilissimo impegno contro l’Olbia. Molto belle le reti di Nìchele, Di Gennaro e (soprattutto) Nappello, ma troppa sofferenza contro un avversario tutto sommato modesto. Vaccaro e Nappello sono, sempre a mio modesto parere, assolutamente fondamentali!

  10. Grifo65 4 anni ago
    Reply

    Per me la squadra deve giocare con Olivieri, Vaccaro e Nappello! Inutile giocare con Zotti, che in questo momento non è in forma! poi credo che quando hai giocatori che tirano le punizioni, come Olivieri e Zotti e non cerchi mai le punizioni dal limite, è come schiacciassi i testicoli con i mattoni! ieri solo due punizioni dal limite!!!
    Frorza ragazzi! lavorare a testa bassa e massima concentrazione!
    FORZA GROSSETO DOMENICA VALE 6 PUNTI!!!!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news