Connect with us

Calcio

Quattro giornalisti ed un ex arbitro professionista raccontano la Coppa Passalacqua

Carlo Vellutini delegato provinciale Ussi

Quarantasette edizioni che hanno segnato la storia del calcio giovanile locale, ma anche del giornalismo grossetano. È grazie anche alla coppa Passalacqua che molti giovani giornalisti hanno mosso i primi passi in questo mondo e di questo non posso che esserne grato agli organizzatori, a tutte le testate, che nel corso degli anni hanno permesso una formazione importante sul campo ai nostri colleghi. A Francesco Luzzetti, al Milan Club che sapientemente dirige, ai suoi appassionati collaboratori, ai protagonisti del rettangolo verde ed a tutta la stampa impegnata nel Passalacqua auguro buon lavoro e buon divertimento, certo che ancora una volta il torneo saprà esaltare i valori dello sport.

Fabio Lombardi (direttore di Grossetosport testata online)

Tra pochi giorni si alzerà il sipario su una delle manifestazioni sportive più importanti della nostra provincia, la coppa Bruno Passalacqua. Un evento a cui noi di Grossetosport siamo molto legati e che ci ricorda quando siamo nati e cresciuti tra una cronaca e l’altra, tra una pagella contestata o meno.

Così siamo diventati “grandi”, ma l’attaccamento che abbiamo verso il torneo e l’organizzazione è sempre come quello del primo giorno con la tensione che avevamo per scrivere correttamente un articolo o un giudizio. Finalmente ritorna ad essere disputato il torneo dopo l’antipasto del mese di settembre. Dal 2 di maggio ci ritroveremo tutti sulle tribune a confrontarci con allenatori ed addetti ai lavori per scoprire i talenti che possono fare al caso delle prime squadre.

Noi di Grossetosport abbiamo deciso ogni settimana di trasmettere in diretta streaming i match clou cercando di portarvi a casa e dentro ai vostri dispositivi le emozioni di un torneo unico.

Il tempo passa, la tecnologia si evolve e si sviluppa, ma l’amore per la coppa Passalacqua rimane immutata.

Roberto Balestracci (Libero quotidiano – Dazn – Sport Mediaset)

Cos’è il Passalacqua?

<<È semplicemente dove è partito un sogno, il mio sogno, al fianco di persone la cui passione è senza limiti. Una grande famiglia dove il calcio è solamente l’ultima ruota di un carro fatto di amore e amicizia>>.

Lorenzo Falconi (Radio Sportiva)

Il Passalacqua è casa.

Ho iniziato a seguire il torneo a metà anni ’80. Ero un bambino che stava con la faccia attaccata alle recinzioni del Monterosa, a guardare i più grandi giocare quel torneo così importante che ogni sera faceva il pienone di spettatori. Sognavo il mio momento, quello in cui anch’io sarei stato su quel campo di terra, con i riflettori accesi, la terna arbitrale e così tanta gente sulle tribune. Quel momento è arrivato agli inizi degli anni ’90.

Ricordo l’agitazione prima di scendere in campo, la voglia di vincere e il desiderio di vivere una serata da protagonista. L’età però passa in fretta, così nei primi anni 2000 ho vissuto il torneo da un’altra prospettiva: quella dell’allenatore. Giornate spese a preparare la tattica migliore, sperando che funzionasse e comprendendo che stare dall’altra parte forse è più semplice. Ecco allora che il Passalacqua per me si è trasformato di nuovo, in un racconto giornalistico, in serate piacevoli in cui la narrazione accompagna l’evento. Anche oggi che la professione mi ha portato in una radio nazionale, al racconto di serate diverse come quelle di Champions League, ritorno con piacere al Passalacqua, un torneo che ogni volta mi riporta a casa.

Massimiliano Velotto (ex arbitro)

Sono trascorsi quasi 30 anni da quel giugno ’94 quando fui designato per la finale del Passalacqua.

Non ancora ventenne, arbitro da poco più di due anni, ricevevo la mia prima, grande soddisfazione: dirigere la finale del torneo giovanile più importante e seguito della provincia di Grosseto. Era per me un grande onore ma soprattutto una grande responsabilità quella di garantire il giusto rendimento affinché la gara non avesse problemi. Emozionato, ma allo stesso tempo concentrato, arrivai all’allora  campo di viale Monterosa insieme ai miei assistenti Loreno Trinci, che preferiva la fascia sotto la tribuna (quella calda), e Daniele Carpi. Due ottimi assistenti che mi accompagnarono anche gli anni successivi sui vari campi di Eccellenza e Promozione Toscana.

Ricordo la tribuna colma di persone per una finale che vedeva di fronte un derby sentitissimo come Nuova Grosseto – Sauro terminata 3-2 con una doppietta del compianto ed indimenticabile Marco Severi. Alla fine di quella gara molti furono gli attestati di stima e congratulazioni con la consegna del premio di miglior arbitro del torneo, un preludio ad una carriera che mi ha regalato tante soddisfazioni.

Un saluto a tutta l’organizzazione e un “In bocca a lupo” a tutti i partecipanti e soprattutto ai colleghi arbitri con la speranza che qualcuno di questi possa ricevere lo stesso premio e proseguire la carriera raggiungendo importanti obiettivi.

Copyright © 2021 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

error: Content is protected !!
0
Would love your thoughts, please comment.x