Connect with us

Calcio

Larini: “Impensabile ripartire quest’anno. Sono però fiducioso per la prossima stagione”

Published

on

GROSSETO/PORTO SANTO STEFANO L’avvento in corso nella passata stagione di mister Antonio Larini al Manciano ha letteralmente salvato le castagne dal fuoco per la compagine biancorossa, che stava sprofondando sempre più in zona retrocessione. Il filotto di risultati ottenuto proprio prima del primo stop per Covid19 aveva rigenerato un ambiente e riportato alla ribalta uno dei tecnici più apprezzati del panorama calcistico provinciale : “il Manciano era una delle due squadre che mi potevano far tornare le “farfalle nello stomaco” (l’altra sarebbe stata l’Argentario n.d.r.)– ammette Larini intervenuto ieri al Processo di Gs – avevo sempre sentito ben parlare dell’ambiente ed ero curioso di poterci lavorare visto che non lo avevo mai fatto in precedenza. A distanza di un anno posso davvero dire di aver toccato con mano la qualità e la bontà della dirigenza e di tutto il paese”.

Anche l’inizio di questa stagione era iniziato in linea con i propositi e la linea dettate dalla società: “Praticamente siamo imbattuti da un anno – ammette tra il serio e lo scherzoso il tecnico – dal ko maturato in pieno recupero proprio sul campo dell’Argentario (Larini era collegato proprio dal Maracanà insieme a Domenico Picchianti e al nostro Vittorio Patanè). Scherzi a parte, forse questa stagione non sarebbe nemmeno dovuta iniziare vista la situazione straordinaria che stiamo vivendo ( e chi meglio di lui lo potrebbe raccontare vista la sua esperienza lavorativa)”.

Parlando della possibile ripartenza dei campionati, con molte squadre che online avrebbero espresso la volontà di ripartire, Larini è secco: “Probabilmente hanno sbagliato a cliccare – ironizza – non capisco davvero come si possa pensare di ripartire in queste condizioni, è impensabile. La voglia di tornare in campo c’è ma ci vuole lucidità e senso di responsabilità . Come sarebbe possibile fare i tamponi ai giocatori nei dilettanti 48/72 ora prima della gara e poi metterli come in una bolla fino alla partita? Forse con il passare dei mesi ci stiamo scordando i discorsi che facevamo a settembre/ottobre. In diverse squadre molti giocatori erano timorosi, giustamente, di pregiudicare la propria posizione lavorativa in caso di contagio o quarantena conseguente alla disputa delle partite. I tempi poi sarebbero già stretti, anche decidendo di ripartire a breve, nella migliore delle ipotesi prima di marzo inoltrato il campionato non ripartirebbe e con i lavori stagionali che ripartono tante squadre, e non solo della nostra provincia, avrebbero seri problemi di organico, Poi tutta la questione dell’assenza di pubblico..”.

Diverso il discorso per il prossimo anno, dove Larini è fiducioso “ se il piano vaccinale proseguirà nei tempi giusti, secondo me con l’inizio della nuova annata calcistica potremo tornare a giocare. Noi come Manciano siamo già rivolti a programmare e progettare infatti il futuro. Ma ora non è davvero il momento”.

Advertisement
2 Comments
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Un grande allenatore che sa inquadrare benissimo il momento incerto. D’accordissimo sullo stop definitivo dei campionati. Prepararsi per settembre è un imperativo d’obbligo. Preparare il format dei futuri campionati compresa la parte economica per le società nella speranza che il covid non faccia cambiamenti improvvisi. La federazione non perda più tempo.

[…] negativo delle tre compagini maremmani di cui abbiamo parlato ieri. Aurora Pitigliano, Sorano e Manciano infatti non sembrano essere favorevoli ad una ripartenza come del resto la stragrande maggioranza […]




 

 

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: