Connect with us

Grosseto Calcio

Us Grosseto, il pagellone del 2020

Riviviamo il 2020 dell’Us Grosseto attraverso un pagellone dove sono stati giudicati tutti i protagonisti biancorossi, tra D e C

Published

on

Il 2020, l’anno della pandemia mondiale di Covid, sta finalmente per chiudersi, ma per l’Us Grosseto e i suoi tifosi rappresenterà soprattutto il ritorno in Lega Pro (dopo cinque stagioni) e la bella figura che la squadra unionista sta facendo in questa prima parte di campionato di Serie C. L’idea che ci siamo prefissati è stata quella di fare una sorta di pagellone riepilogativo del campionato di Serie D (vinto dal Grifone, anche grazie al Covid 19, davanti al Monterosi) e delle 17 giornate di Serie C fin qui disputate.

US GROSSETO, 10 Squadra vera, con la esse maiuscola, con una duplice anima, grossetana e maremmana. Il campionato di Serie D vinto (dopo quello dominato a suon di record in Eccellenza), poi la bella conferma in Serie C con i 25 punti conquistati che, al momento, significherebbero l’ingresso nei play-off. Va ricordato che solo qualche clamorosa svista arbitrale ha impedito che la classifica odierna fosse ancora migliore. Molti singoli, poi, stanno crescendo e ormai hanno preso confidenza col professionismo. Ci sono ampi margini di crescita nonostante qualche lacuna come la mancanza di un trequartista di qualità e di una prima punta forte fisicamente e abile di testa, in grado di andare in doppia cifra.

TIFOSI, 10 Rappresentano il dodicesimo uomo, in campo e fuori (spesso con belle iniziative benefiche). Lo zoccolo duro della tifoseria biancorossa si è ricompattato e ha dato dimostrazione di attaccamento e di fiducia nella famiglia Ceri sottoscrivendo abbonamenti con lo stadio chiuso. L’incitamento alla squadra, in qualunque categoria, sia in casa che in trasferta, non è mai mancato. In tal senso, bello il colpo d’occhio degli oltre tremila tifosi unionisti nel match contro il Monterosi.

M. Ceri, 10 Mario è un vincente e ha il merito enorme di aver riportato (con suo nipote Simone) il Grosseto in C in appena tre anni. Badate bene, però, il tutto con un occhio al bilancio. Durante l’estate è stato sul punto di cedere il Grifone, ma poi ha capito che era meglio aspettare occasioni migliori, una delle quali (davvero allettante) non si è concretizzata solo per cause esterne. Una cosa è certa: Mario ama il Grosseto. Proprio per questo, non lo lascerà mai in cattive mani.

S. Ceri 10 Il vicepresidente unionista ama visceralmente il Grifone. Il suo sogno di creare una squadra in grado di avere una forte identità grossetana si sta realizzando. A volte è un po’ troppo istintivo e si lascia andare ad esternazioni forti, ma dietro certe frasi spesso ci sono delle verità condivisibili. Deve solo imparare ad essere un po’ più diplomatico per vivere meglio il calcio pro. Tuttavia, se il Grosseto a settembre non è caduto in mani sbagliate è stato soprattutto merito suo, poiché si è battuto apertamente per non vendere il club, pur sapendo le difficoltà economiche in corso.

all. Magrini, 10 Lamberto è stato il primo allenatore biancorosso a vincere due campionati consecutivi. Grosseto ormai è casa sua e lui non perde mai occasione per ribadirlo. Ha plasmato una squadra a sua immagine e somiglianza, capace di sopperire col collettivo ai limiti individuali. Tra l’altro, i risultati raggiunti sono sempre arrivati attraverso la ricerca del gioco, grazie anche a un gruppo molto unito dentro e fuori dal campo.

vice-all. Stefani, 10 Professionista esemplare e grossetano doc, è stato ed è il vice ideale di Magrini, col quale ha raggiunto un livello d’intesa davvero forte.

all. portieri Ferioli, 10 Sul lavoro è un duro, ma i portieri con lui finiscono sempre per crescere, come nel caso di Nunziatini prima e di Barosi poi. Rappresenta una delle professionalità interne costruite dalla famiglia Ceri e il suo percorso di crescita è stato più volte premiato dai colleghi preparatori.

dg Marra Cutrupi, 9 Arrivato a Grosseto in estate, in pieno tentativo di passaggio societario, ha saputo restare a galla ed è riuscito a risolvere alcune situazioni critiche. A volte, però, è troppo istintivo e prende decisioni delle quali si pente un minuto dopo.

ds Bicchierai, 10 Il buon Egidio ha vinto due campionati consecutivi (primo ds biancorosso nella storia) costruendo formazioni forti, ma piene di grossetani e costate pochissimo. Incredibilmente, l’ossatura del Grosseto in Serie C è ancora quella costruita dall’ex-ds biancorosso.

ds Minguzzi, n.g. Pochi mesi a Grosseto, con l’oggettiva difficoltà di lavorare dovuta prima ad alcuni tentativi di vendita societaria, poi a un budget eccessivamente ristretto che gli ha impedito di far sottoscrivere contratti a giocatori di qualità dopo trattative andate a buon fine, come, ad esempio, con i trequartisti Milani e Belcastro. Addio quasi dovuto, ma resta un professionista serio e preparato.

preparatore atletico Stagnaro, 10 È merito suo se i biancorossi hanno una grossa tenuta atletica e finiscono quasi sempre più freschi degli avversari. Professionista molto apprezzato da tutti.

Barosi, 8 Il portiere mantovano, classe 2000, ad appena 20 anni ha già alle spalle due campionati di Serie D e quasi mezza stagione di C da titolare. Alterna cose eccellenti a qualche errore evitabile, ma è cresciuto molto.

Polidori, 8 Arrivato in Maremma con l’obiettivo di essere la riserva dei centrali Gorelli e Ciolli, ha finito per diventare un titolare, ma sulla fascia difensiva destra. Giocatore serio, è molto apprezzato da mister Magrini che lo sta facendo crescere.

Gorelli, 10 Il Gigante è a suo agio in ogni categoria, dove continua a sovrastare in tutti i modi gli attaccanti avversari. Ha anche feeling col gol. Vicecapitano e grossetano, secondo alcuni addetti ai lavori potrebbe giocare con profitto anche in B.

Ciolli, 10 Dopo la bella stagione in D, il capitano unionista sta disputando una strepitosa prima parte di campionato di Serie C. Ha zittito i più scettici con prestazioni convincenti nella quali ha guidato i compagni in maniera autorevole. Leader riconosciuto in campo e fuori, ama il lavoro e i fatti concreti che antepone alle polemiche sterili.

Cretella, 9 Un infortunio ne ha condizionato il rendimento in questa prima parte di stagione, ma resta un elemento importante sia a livello di spogliatoio che in campo. Deve solo ritrovare condizione e convinzione.

Boccardi, 10 La Farfalla è il giocatore unionista cresciuto maggiormente in questi ultimi campionati. Ha esordito giovanissimo in Lega Pro ai tempi di Camilli, è sceso fino all’Eccellenza e ora è di nuovo in C, ma da protagonista assoluto. Le attuali sei reti realizzate, una più bella dell’altra, l’hanno consacrato come uno degli elementi più interessanti del girone A. Non stupitevi se per lui dovessero spalancarsi le porte della B.

Moscati, 10 Leader assoluto in D, ma utilissimo anche in C, dove, dopo una partenza a razzo, ha avuto una flessione superata nelle ultime partite. A Grosseto e in Maremma si sente come a casa.

Galligani, 10 Flipper è la tecnica fatta persona. Quando è in giornata è letteralmente imprendibile. Se solo fosse più disciplinato tatticamente sarebbe già in altri palcoscenisci.

Sersanti, 10 Il Gioiellino, classe 2002, è passato con disinvoltura dalla D alla C, sempre da protagonista e in continua crescita. Peccato solo che sia di proprietà della Fiorentina, perché è grossetano doc e veste con grande orgoglio la maglia biancorossa.

Fratini, 9 Emiliano è sempre stato un titolare aggiunto, uno di quelli su cui contare nei momenti più caldi o difficili delle partite. Mai sopra le righe. Lavoratore instancabile e silenzioso, si è creato un suo spazio importante anche in C.

Raimo, 9 Arrivato a dicembre 2019 dal Ponsacco, ha fatto subito bene, ma quanto mostrato finora in C è stato piacevolmente sorprendente. Tra l’altro, giocando come esterno basso di sinistra, non proprio il suo ruolo.

Vrdoljak, 8 Il croato è arrivato per la C e inizialmente è stato un punto di riferimento per la squadra, poi un infortunio ne ha frenato la crescita. Adesso, però, è in ripresa.

Sicurella, 8 Uno dei giocatori biancorossi con più esperienza professionistica, si è dimostrato un preziosissimo jolly e ha anche segnato il gol decisivo nel derby casalingo contro il Livorno. Sta migliorando costantemente.

Russo, 8 Voluto da Minguzzi, il classe ’99 si è dimostrato come uno dei più dotati tecnicamente. Ha aumentato progressivamente il minutaggio e in alcune circostanze è stato schierato titolare. Gli manca solo di trovare qualche gol per esplodere.

Kraja, 8 Giovane, ma tra i migliori nuovi arrivati a Grosseto. Ha disputato alcune prestazioni davvero buone e ha fornito anche degli assist. Lo continueremo a veder crescere.

Pedrini, 7,5 Il ragazzo, scuola Atalanta, ha talento vero ed è molto duttile, ma ogni tanto si fa fregare dal suo carattere istintivo. Nonostante ciò, ha fatto vedere cose molto interessanti.

Kalaj, 7 L’italo-albanese, nazionale U21 dell’Albania, fino adesso ha avuto un ruolo ben definito, che è quello di centrale difensivo di rincalzo. Ha buone qualità e, tutte le volte che Magrini l’ha mandato in campo, ha sempre offerto un buon contributo.

Antonino, 7 Arrivato per essere titolare, ha pagato l’errore col Renate e qualche atteggiamento giudicato sbagliato. Ha tutto, però, per giocare.

Campeol, 7 Ha qualità, ma non potuto ancora mostrare tutto il suo valore a causa di un infortunio.

GLI ALTRI, 7 Tanti giocatori, presenti e passati, giocano o hanno giocato poco, ma sono e sono stati preziosissimi a livello di spogliatoio, pronti a cogliere ogni minima occasione offerta loro da Magrini.

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Ha condotto per tre anni le trasmissioni web Il lunedì del Grifone e D lunedì c'è il Grifone. È il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv e su Eleven Sports, nonché del Follonica Gavorrano e dell'Us Grosseto Primavera 3. Ha collaborato anche con Sportitalia.




 

 

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x