Connect with us

Grosseto Calcio

Grifone, mercoledì partitella a Manciano e sabato amichevole con la Fiorentina Primavera

Published

on

Grosseto. Mercoledì pomeriggio, alle ore 18, il Grifone sosterrà una partita di allenamento al Niccolai di Manciano, dove affronterà proprio il club di casa, neo-promosso in Promozione. Sabato pomeriggio, invece, sempre alle 17, i biancorossi di Giacomarro sfideranno la Fiorentina Primavera in un’amichevole che si disputerà allo Zecchini.

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Conduce la trasmissione web Il lunedì del Grifone ed è il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv.

Advertisement
9 Comments
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

9 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Scusate la banalità della domanda ma l’US Grosseto non è fallito giusto? allora il titolo sportivo appartiene sempre a camilli o di fatto non esiste più?

La società US Grosseto non è fallita è di proprietà dei Camilli, esiste ma non è stata iscritta ad alcun campionato.

ma siamo sempre a criticare cazzo ma pensate in positivo visto come eravamo ridotti cazzo

Forse sarà bene e opportuno che i nostri bravi giornalisti della Redazione di Grosseto Sport evitino d’ora in poi di edulcorare e minimizzare troppo gli impegni prossimi del neonato Football Club Grosseto ricorrendo a termini quali ad esempio “partitella” o “amichevole”.
Mi spiego meglio e senza infingimenti; FC Grosseto è sorto quasi dal nulla per certi versi miracolosamente ma da una situazione improvvisa imprevista e disperata per una comunità sportiva e per un’intera città: la morte traumatica dell’US Grosseto che aveva oltre 100 anni di storia.
Una morte drammatica le cui responsabilità si tende oggi a scaricarle esclusivamente su di un’unica persona, l’imprenditore viterbese Piero Camilli ( lo Schettino o l’untore di turno ) ex proprietario e presidente del club calcistico appena defunto, Responsabilità che invece una più accurata consapevole e approfondita analisi andranno giustamente ritrovate e spalmate su una molteplicità di soggetti sia pubblici che privati.
Ebbene, dovrebbe essere chiaro che il nuovo club sorto sulle ceneri di quello appena morto, se da un lato ha risvegliato interesse e speranze nella abbattuta e sfiduciata tifoseria sportiva locale, dall’altro è inutile nasconderselo sarà soggetta ad un continuo e severo esame da parte dell’opinione pubblica sportiva grossetana così duramente colpita e offesa e tutti i soggetti coinvolti nella nuova impresa, dalla Dirigenza all’allenatore fino all’ultimo dei giocatori, che hanno avuto questa insperata occasione di accedere ad una del tutto nuova ribalta, dovranno dare sempre e comunque il meglio e il massimo di se per conquistarsela giorno dopo giorno questa nuova fiducia a cominciare dalle “Partite” con il Manciano e con la “Primavera della Fiorentina”.
Perché la prossima volta volta non saranno più ammessi e perdonati errori di sorta.

Va bene, va bene, Yuri Galgani, non prendere per favore le mie parole come una critica al vostro operato professionale di cui ho alta stima peraltro già altre volte dichiarata proprio in questo blog-forum calcistico di Grosseto Sport.
Desideravo solo esprimere il convincimento che, con tutto quello che la comunità sportiva non solo calcistica Grossetana ha dovuto sopportare in questa infernale estate e non solo per il troppo caldo pur ringraziando il Cielo per come le cose si sono insperatamente aggiustate all’ultimo tuffo, non bisogna assolutamente abbassare la guardia e dopo un giusto e meritato periodo di plauso e rilassamento nei riguardi di chi si è preso la responsabilità gestionale e finanziaria della nostra malconcia baracca calcistica è necessario da ora in avanti premere il piede sull’acceleratore innanzitutto con un’ incessante azione pungolatrice nei confronti di chiunque giornali e giornalisti compresi si trova ad essere comunque interessato allo sviluppo degli eventi in campo.

Condivido quello che hai scritto attilio Regolo.
Aggiungo solo che dal presidente alla squadra fino al magaziniere devono dare il 110% di impegno e dedizione alla causa Grosseto.

ma tutta questa diffidenza dove era quando serviva ????

 

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

9
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: