Connect with us

Grosseto Calcio

Pincione da New York: “Bonifazi, promesse non mantenute. Il Comune faccia il primo passo e pagheremo i 5 mila euro”

Published

on

New York Il presidente biancorosso, Max Pincione, non appena ha letto l’intervista rilasciataci da Paolo Borghi ci ha chiesto di intervenire telefonicamente per chiarire il punto di vista dell’Fc Grosseto sulla problematica sorta col Comune in merito alla convenzione pluriennale e alla presunta morosità.

Buonasera, presidente. Cosa desideri puntualizzare?
<<Ciao, Yuri e buonasera ai lettori di Gs. Ho terminato di leggere da poco le parole di Paolo Borghi e penso che sia giunto il momento di chiarire alcuni aspetti di questa assurda vicenda in corso col Comune di Grosseto>>.

Da dove vogliamo partire?
<<Beh, dall’inizio, ovvero dal luglio 2015, quando siamo venuti a Grosseto a delle condizioni ben precise>>.

Di quali condizioni stiamo parlando?
<<Soprattutto della concessione di una convenzione quinquennale per sviluppare il nostro progetto. Richiesta fondamentale, di primaria importanza, avanzata da noi e accettata dal Comune. Se ci avessero detto che ci avrebbero fatto una convenzione annuale saremmo andati via subito, te lo garantisco. Al contrario, il sindaco Bonifazi in persona, davanti a me, a Iapaolo (che, nel frattempo, ci ha confermato la circostanza, ndr), ai soci della Grosseto Group, ai nostri legali e ad altri soggetti del Comune, ci ha garantito che ci avrebbe affidato lo Zecchini per cinque anni e che per farlo ci sarebbe voluta l’approvazione del Consiglio comunale, prevista nel primo mese utile, ovvero a settembre 2015. Il tempo, poi, si è dilatato: ci hanno parlato di ottobre, poi di novembre, successivamente di dicembre, di gennaio e febbraio, fino ad arrivare ad oggi, che siamo addirittura considerati morosi. Per questo, ci hanno detto che non è possibile affidarci lo Zecchini e le altre strutture necessarie>>.

Noi di Gs crediamo che, aldilà delle ragioni delle parti in causa, sia stato sprecato del tempo prezioso.
<<Esatto, Yuri! Per quello che mi riguarda, non saremmo neppure dovuti arrivare a questa situazione. Sarebbe bastato che chi ha fatto certe promesse le avesse mantenute. Al contrario, adesso siamo qui e per 5 mila euro del canone di locazione non pagate, a fronte, però, di circa 40 mila non dovuti da noi già anticipati per la manutenzione straordinaria dello Zecchini, veniamo considerati morosi! Queste cose possono accadere solo in Italia>>.

Effettivamente, la cosa agli occhi della gente comune suona assurda, di fatto vantate un credito di 35 mila euro, ma siete morosi… Tuttavia, le norme vigenti prevedono l’impossibilità da parte di un ente come il Comune di affidare un impianto sportivo a chi ha delle morosità in atto. Solamente sanate tali morosità, poi, l’ente può concedere in affidamento una struttura sportiva. Questa è la situazione.
<<Te lo ripeto: sarebbe bastato che avessero mantenuto quanto promessoci. Tra l’altro, l’assegno da 5 mila euro è pronto da tempo, ma non lo farò versare fino a quando il Comune non mi riconoscerà quanto speso e non dovuto, apponendo il suo timbro sulle nostre fatture. Facciano loro il primo passo e io pagherò subito i 5 mila euro. Non ho bisogno di rientrare subito dei soldi spesi in più e non dovuti. Su quelli sono pronto ad accordarmi col Comune, ma prima devono essere gli amministratori a fare tale gesto. È un fatto di principio, è una questione imprescindibile. Subito dopo, poi, mi aspetto la firma della convenzione pluriennale. Questo se al Comune interessa che la Grosseto Group rimanga a fare calcio con un progetto ambizioso e pluriennale>>.

Siamo arrivati ad un assurdo braccio di ferro, che i tifosi non gradiscono e che noi di Gs non avremmo mai voluto vedere.
<<A chi lo dici! Noi stiamo facendo la nostra parte, che facciano la loro quelli del Comune! Tra l’altro, tutte le spese straordinarie effettuate le abbiamo sempre comunicate preventivamente tramite pec, la posta elettronica certificata. Credimi, se cominciassi ad entrare mentalmente negli assurdi meccanismi della burocrazia italiana diventerei pazzo. Guarda che confusione c’è dietro la vicenda del progetto dell’Ac Roselle, dove degli imprenditori seri come i Ceri sono costretti a minacciare di andarsene perché si sentono presi in giro. Noi stessi abbiamo avuto a che fare con degli interlocutori anche tra i dipendenti comunali che sembra si siano divertiti o si divertano a trovare degli intoppi>>.

Concludendo, ci sono speranze di chiudere positivamente questa vicenda?
<<Certo, ma non dipende da noi. Noi siamo pronti a mantenere gli impegni presi, ma prima lo faccia chi ci ha promesso determinate cose>>.

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Conduce la trasmissione web Il lunedì del Grifone ed è il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv.

Advertisement
18 Comments

Commenti

18 risposte a “Pincione da New York: “Bonifazi, promesse non mantenute. Il Comune faccia il primo passo e pagheremo i 5 mila euro””

  1. MaremmanoDoc ha detto:

    Roba che solo in Italia può accadere! Poveri Noi! Presidente siamo tutti con Lei!.
    E che questa amministrazione si muova!!! non ce la facciamo più noi tifosi! ma ci fate godere un pochino anche a Noi dopo gli ultimi anni di sofferenza????.
    Ma bastaaa….
    Forza Grosseto!

  2. Michele ha detto:

    Se hanno trattato con gli stessi metodi Camilli, l’unica cosa da non credere è che li abbia sopportati per 15 anni. Tutta la mia solidarietà ed il mio appoggio al presidente Pincione.

  3. Buttero70 ha detto:

    Ovvia, sentiamo anche Bonifazi ormai e hanno parlato tutti…..tanto alla fine, come sempre, a rimetterci siamo sempre noi tifosi….che SCHIFO.

  4. MaremmanoDoc ha detto:

    Approposito Yuri, ma questi 40 mila euro il comune li darà o no?.
    Cioè questa manutenzione “straordinaria” verrà restituita, oppure ci sono problemi perchè devono essere restituiti solo quelli della manutenzione “ordinaria”? Fammi capire!….di queste cose non me ne itendo molto. 🙂

    • Yuri Galgani ha detto:

      Non credo di dover essere io a rispondere al tuo quesito. Vedremo gli sviluppi della vicenda. Altri parleranno di sicuro.

      • MaremmanoDoc ha detto:

        allora chiedete a Bonifazi….se si dovesse far andare via Pincione e Soci per 5000€, oppure perchè non si rimborsano certi soldi (40.000€), siamo veramente arrivati alla frutta!.

        • Yuri Galgani ha detto:

          Sarà fatto molto presto.

          • Cuginover33 ha detto:

            Invece del contributo per le primarie a questa gente perchè non facciamo una colletta per sanare questi 5.000 euro e dare uno schiaffo a chi pensa di tutelarci invece non sa che sta affondando la cultura sportiva?una volta sanato tutto con una colletta, se il ns presidente vorra’ ,anche lui simbolicamente ci ridara’ la quota parte o magari la destiniamo a cause migliori!

          • MaremmanoDoc ha detto:

            Gli puoi chiedere anche la differenza tra queste 2 terminologie (delle manutenzioni)?.
            Perchè mi pare che il il Sg. Pincione, se ha fatto fare determinati lavori dentro lo stadio (che siano ordinari o straordinari), li ha fatti per il bene di tutti (In Primis del Comune e di Noi cittadini) visto che ha “restaurato”, pitturato e fatto certi lavori di un luogo di Pubblico utilizzo, rendendolo migliore, per certi aspetti.
            Quindi che non si riesca ad aggirare certe “terminologie” che solo in italia portano confusione e trambusto, non ci credo.
            Se anche fossimo arrivati a fare mansioni “straordinarie” sarebbe il caso solo di ringraziare e di guardare come fare e restituire certi soldi…
            Spero che anche il Comune sia stato chiaro nel dire quali sarebbero stati certi lavori da fare (quindi “coperti”) e certi no, altrimenti come detto prima, siamo alla frutta! Poveri noi….
            Comunque Grazie Yuri per tutto quello che fate per NOI e per il Grosseto!

  5. Grifone nato ha detto:

    Secondo me entrambe le parti devono fare un passo indietro ( nel senso di darsi una calmata) e poi uno in avanti ( nel senso di incontrarsi Con serenità). A me sembra assurdo che persone intelligenti e capaci non riescono a trovare un accordo visto che tutto sommato uno vuole dare lo stadio e l’altro vuole prenderlo. Mi sbra come quel marito che per fare un dispetto alla moglie si taglia le palle

  6. Focus ha detto:

    Sara anche colpa dei politici strambi e incoscienti ma a me pare che tanta gente non sa come funziona una amministrazione pubblica, comune, prefettura o ASL che sia. Se tu sei moroso non hai diritto ad avere via libera per altre procedure amministrative. Un amministratore pubblico amministra, bene o male, soldi pubblici e deve rispettare le leggi in vigore, giuste o sbagliate che siano. Non esiste solo la magistratura ordinaria a guardare le carte; oggi interviene anche la Corte dei Conti che…rimette il conto anche a distanza di anni. A me fa specie che una societa che ha ambizioni , dicono, e tanti soldi dietro, dicono, faccia bloccare una procedura per 5000 miseri euro, spesi senza una preventiva autorizzazione obbligatoria e indispensabile per poter avere un rimborso. Forse negli USA non …usa cosi, ma in Italia la burocrazia borbonica impera. Siamo tutti tifosi e abbiamo tutti speranza di soluzione di questo spinoso caso, ma non si può sempre dare la colpa ad una parte sola. Le croci si fanno con due legni, uno piu corto e uno piu lungo, ma sempre con due legni. Uno pero viene appoggiato per primo!

    • ser ha detto:

      Io non so da quale parte stia la ragione ma se avessi a cuore il futuro del Fc Grosseto e di un progetto ambizioso lascerei, per il momento , da parte la questione ” di principio”, verserei i 5000 euro e così passerei dalla parte della ragione e non ci sarebbero più scuse per la convenzione. Una volta ottenuta questa, se le mie carte fossero in regola, metterei io in mora il Comune. Noi ci siamo tutti i giorni in mezzo alla burocrazia e Pincione se ne deve fare una ragione. A pensare male si fa peccato ma: visto che la promozione è lontana e che il marketing non è quello sperato, i 5000 euro non saranno una scusa per mollare tutto?

    • Ricca ha detto:

      Condivido e approvo quello che hai scritto.

  7. Ricca ha detto:

    Ragazzi se ci sono delle regole andrebbero rispettate, prima Pincione versi il canone di affitto poi ti faranno la convenzione quinquennale.
    Mi sembra che la societa’ stia cercando con questo braccio di ferro pretesti per scappare!
    Sono abbonato da sempre in curva nord e tengo tanto al Grosseto, credo che chi viene in Italia si debba adeguare alle regole, magari cercando di cambiare quelle assurde, ma non in questo modo.
    Riccardo

  8. Dario ha detto:

    Scusate ma come fate a ragionare cosi.. La proprietà non se ne vuole andare, se non costretta dalla’amministrazione, come successo con la precedente e come sta succedendo con i Ceri.
    Quindi io non credo che tutti questi siano scemi e si in ventino le cose, quindi inutile continuare a difendere e giustificare i signorini in poltrona, solo per partito preso.
    Dobbiamo avere la forza di cambiare le cose..o per lo meno di riuscire a fargliele capire..perché solo Grosseto succedono questi intoppi e la gente sta muta, perche come tutti dicono ognuno pensa al suo orticello e abbassa la testa, da vera mentalità ottocentesca….quindi Sveglia siamo nel 2016….o noi rimarremmo sempre lo zimbello della Toscana!

    • ser ha detto:

      Vedi Dario io non difendo nessuno ma quando credo in una cosa gli ostacoli che mi vengono posti davanti hanno l’effetto di farmi continuare a combattere per raggiungere il mio obbiettivo principale che in questo caso dovrebbe essere la squadra e dopo farei valere le mie ragioni ad ogni costo. In Italia c’è troppa burocrazia, c’è troppa politica ( nel senso peggiore del termine ) è vero ma nessuno può costringere qualcuno a fare una cosa che non vuole

  9. maremmanodoc1 ha detto:

    Cosa si aspettava Sig Pincione da due persone (ma in realtà xxxxxxxxx) del Comune di Grosseto, e, soprattutto xxxxxx comunisti, sanno e hanno preso per il culo la gente maremmana che ancora oggi li difendono, sono con Lei e spero per il bene della Grosseto Calcio che non si debba salutare come abbiamo fatto con il Sig. Camilli anche Lei che è venuto da lontano a salvarci. Grazie per quello che ha fatto fino ad oggi.

    • Focus ha detto:

      Te hai qualche problemino politico che ti fa ragionare avsenso unico. I debiti si pagano anche in America. Anzi in America se non li oaghi ti arrestano. Pincione sta facendo una manfrina inqualificabile. Perche? Cazzo c’entrano i comunisti, visto che al governo della citta ci sono cattolici e ex democristiani? Ragiona invece di sproloquiare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook Comments

 

 

Advertisement

Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi