45ˆ coppa Bruno Passalacqua, le pagelle di Albinia – Nuova Grosseto: Vettori da applausi, Lelli cecchino. Sabatini ha il dono dell’ubiquità

Albinia: 

Cogno 8,5: una piccola indecisione in avvio su cui però è fortunato e aiutato dal palo, nella ripresa si traveste da supereroe e salva la porta dell’Albinia in più circostanze con interventi da applausi e sicuri
Barbini 5,5: nel primo tempo bene anche se spinge poco, nella ripresa entra Mangiaracina e son dolori
Piersanti 6: i pericoli corsi dall’Albinia sono sulla fascia opposta alla sua, normale amministrazione dalla sua parte
Biagiotti 6,5: di testa le fa tutte sue, bravo anche con i piedi con lanci e disimpegni sempre precisi e puliti. Sempre concentrato, contiene bene Angelino
Delle Piane 6: segue bene il compagno di reparto ma rischia il secondo giallo nel secondo tempo quando stende un avversario al limite dell’aerea da ammonito
Mecarozzi 6,5: gara ordinata e senza sussulti in mezzo al campo, cresce nella ripresa quando trova un assist al bacio per Vettori (dal 32’st Calussi: Sv)
Troncarelli 6: meno pimpante del solito, tiene bene la posizione sulla destra con qualche sgroppata sporadica. Conclude poco in porta dedicandosi di fatto di più alla fase di contenimento
Vettori 8,5: una doppietta bellissima, il primo gol è un siluto dai 30 metri, nel secondo dimostra di avere tempo di inserimento e freddezza a tu per tu con il portiere. Giocatore completo, abbina una qualità da far invidia a molti a una fase di interdizione eccellente. Centrocampista totale e, bisogna sottolienarlo, classe 2003! Annotarselo grazie. (dal 45’st Caprini: Sv)
Sabatini 7: non segna, non ha una posizione ben definita in campo, ma signori e signore, se molti giocatori avessero un terzo della sua voglia di sacrificio e voglia di lottare con tutti probabilmente sarebbero in serie A. Lo si trova ovunque, terzino, centrale, centrocampista, punta, non c’è avversario che vinca un contrasto con lui. Fisico imponente e voglia di far bene per sè e i compagni, numero 9 atipico ma averceli di giocatori così…
Lelli 7: tantissime buone giocate (finalmente) sulla destra. 1VS1 continui, assist smarcanti e soprattuto, il gol con uno splendido sinistro e la traversa successiva (dal 20’st Giudici 6: buon ingresso sulla corsia destra, copre molto bene aiutando la squadra a mantenere il vantaggio)
Conti 7: gioca molto spalle alla porta, tiene bene contro i centrali difensivi avversari ed è bravo a smistare palloni a destra e sinistra. Splendido il gol che porta sul 3-0 l’Albinia, coefficiente di difficoltà altissimo! (dall’11st Orsini 5,5: ha qualche buona progressione, ma non riesce mai a concludere come vorrebbe)
Allenatore D’Arrigo 7: semifinale conquistata con merito. Primo tempo dove la sua squadra ha sfruttato tutte le occasioni create tenendo in maniera perfetta il campo e il pallone. Un po’ in calo nella ripresa ma era auspicabile, un super Cogno lo tiene a galla con super interventi

Nuova Grosseto: 

Stefanini 4: due gol su cui si fa sorprendere in maniera clamorosa, un altro mezzo pasticcio dove si salva in extremis sulla traversa. Non dà la sicurezza sperata
Camerlengo 5,5: contiene bene Troncarelli ma quando si propone non è spesso preciso 
Ortis 5: Lelli gli fa venire il mal di testa, esce all’intervallo (dal 1’st Cosci 6: quanto meno Lelli lo contiene in maniera più decisa, buon ingresso)
Mariotti 5: non brilla la stella del numero 4, spreca delle buone chance su punizione e la sua regia è spesso imprecisa (dal 1’st Mangiaracina 7,5: il suo ingresso è determinante per la Nuova Grosseto per rialzare quantomeno la testa. Inspiegabile la sua panchina)
Magini 5: dalla sua parte arrivano i pericoli maggiori con Lelli e Sabatini che spesso sfondando. Freddo dal dischetto
Buccianti 5,5: contiene meglio sulla destra con qualche lettura intelligente e d’anticipo
Ferrari 6: non gioca una partita eccellente ma è anche uno dei pochi a provarci per la Nuova, inspiegabile il cambio (dal 18’st Giustarini 6: va a fare il terzino alzando Camerlengo, ordinato senza sbavature)
Pacchini 5: in mezzo al campo tocca pochissimi palloni lasciando campo aperto agli avversari (dal 31’st Laurenti: Sv)
Angelino 6,5: lotta con tutti i difensori avversari, nel primo tempo è troppo solo, meglio nella ripresa dove trova anche il gol da vero rapace
Brasini 5: impalpabile la sua prova, avrebbe lo spazio per far male ma non incide (dal 1’st Ferraro 5,5: messo in un ruolo non suo, ovvero centrocampista centrale, dimostra di poterci giocare ma spesso è frenetico e con le idee un po’ confuse, normale quando non si gioca nel proprio ruolo naturale)
Martini 5: si divora un gol clamoroso a 15 minuti dalla fine della partita spedendo al lato da dentro l’area piccola. Molto in ombra, non dà continuità alle buone prestazioni precedenti
Allenatore Vallefuoco 4: regalare un tempo alla squadra avversaria non se lo può permettere sempre, soprattutto in una partita secca. Rinunciare a Ferraro, Mangiaracina, Calzolani e Bojinov dall’inizio o a gara in corso è stata una scelta che si è rivelata suicida. 

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news