Miano: “Ringrazio pubblicamente tutto il mio staff”

mister Miano

Piombino (Li) Seba Miano è tornato a farsi sentire dopo l’intervista di ieri. Il motivo è semplice e rende l’idea della bella persona: l’ex-mister unionista si è reso conto di non aver ringraziato pubblicamente lo staff col quale ha lavorato a Grosseto e così ha voluto inviarci questo messaggio:

<<Ieri, durante l’intervista mi sono scordato di fare una cosa importantissima, ovvero quella di ringraziare, uno ad uno, gli elementi dello staff, persone e in alcuni casi amici con i quali ho lavorato in questi mesi a Grosseto. Dunque, grazie a Matteo Faenzi, Raffaele Ferioli, Nicola Stagnaro, Roberto Tempestini e Claudio Bocchi. Un grazie davvero speciale, poi, va a Manuel Madau, perché è quello che mi ha sopportato più di tutti in questo periodo>>.

3 Comments
  1. grifos 6 mesi ago
    Reply

    Sempre stato dalla parte dei Ceri per quello che hanno fatto!!! stavolta ribadisco che abbiamo perso un ottimo allenatore, una persona seria ,preparata e corretta caratteristiche rare nel mondo del calcio che andrebbero valorizzate….avanti grifone!!!

  2. ser 6 mesi ago
    Reply

    Sarebbe bello se ci fosse chiarezza da parte di tutti circa le motivazioni che portano alle decisioni societarie dal momento che si fa sempre appello ai tifosi

    • Yuri Galgani 6 mesi ago
      Reply

      Penso che la società abbia valutato Miano dalla sconfitta di Fucecchio in avanti, visto che per la parte stagionale precedente il percorso dei biancorossi in campionato è stato quasi netto (8 vittorie e 1 solo pareggio) e in coppa è stato costituito solo da successi.
      Al contrario, dal match contro il Fucecchio (10^ giornata) a domenica scorsa (16^ giornata, 1^ di ritorno), i biancorossi hanno perso 2 incontri, ne hanno vinti 4 e pareggiato 1.
      Mettici, poi, la sconfitta in semifinale di Coppa Italia fase regionale e il quadro è completo.
      Tra l’altro, il presidente Mario Ceri ha detto pubblicamente di non essere soddisfatto del gioco espresso dal Grosseto.
      Si può condividere o meno le scelte societarie, ma questa è la situazione che è stata valutata dal club per giungere all’esonero.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news