Diretta live: terminata con un incredibile 3 a 3. Colpo grosso del Gavorrano

La Curva della Robur Siena

Robur Siena – Gavorrano 3-3  (2-1)
ROBUR 4-3-3: Biagiotti; Mileto (24′ st Diomandè), Cason, Portanova, Varutti; Zane, Riva (20′ st Santoni), Minincleri; Rascaroli, Crocetti (20′ st Bigoni), Titone. A disposizione Tassi, Collacchioni, Nocentini, Giovanelli, Varricchio, Diomandè, Vianello. Allenatore Morgia.
GAVORRANO 4-2-3-1: Capuano; Aiazzi (28′ st Silvestri G.), Adamo, Sciannamè, Procacci; Ferreira (1′ st Silvestri R.), Conti; Tarantino (25′ st Ropolo), Giordano, Rubechini; Lombardi.  A disposizione Abibi, Balestracci, Capone, Costanzo, Zizzari , Tranchitella. Allenatore Nofri Onofri.
ARBITRO: Marini di Trieste; Esposito-Carotenuto.
MARCATORI: 6′ pt Portanova, 9′ pt Rubechini, 26′ pt Rascaroli; 10′ st Tarantino, 17′ st Tarantino, 44′ st Minincleri (rigore).
NOTE: angoli 9-2: spettatori 5000 circa; ammoniti Portanova, Riva, Varutti (R), Conti, Adamo, Capuano (G); recupero 0′ e 5′

Il Siena “toppa” la prima occasione per la Lega Pro e non va oltre il pareggio in casa con il Gavorrano. Festa rimandata e campionato ancora in bilico: deciderà l’ultima giornata. Grandi emozioni e pubblico da serie A al Rastrello, con annessa coreografia iniziale: maglia a scacchi in curva, bandierone e bandiere in tribuna, mentre la tribuna coperta è praticamente esaurita. Morgia conferma la squadra ipotizzata, Nofri Onofri toglie l’ex Silvestri un po’ a sorpresa, mischiando le carte in mezzo e spostando Tarantino sulla fascia destra. La Robur comincia subito bene: al 5′ Varutti sguscia a sinistra e piazza il diagonale, palla in angolo. Corner e Portanova, come in una favola, infila di testa: Robur già in vantaggio. Sembra già fatta, ma Rubechini confeziona la doccia fredda, sfruttando sotto porta un errore della difesa bianconera. Per la squadra di Morgia tutto da rifare. Al 14′ cross di Titone, Rascaroli impatta di testa, palla a lato. Dopo tre minuti ci prova Zane da fuori, palla a lato. La Robur continua a tenere in mano il pallino della gara, Gavorrano che si difende ordinato. Al 18′ Zane ci riprova da fuori, Capuano pasticcia sul rimbalzo, Crocetti prova il “tap-in”, ma l’estremo difensore gli dice clamorosamente di no, quindi il numero nove prova l’acrobazia, ma la palla finisce alta. Grande occasione per la Robur, con i maremmani che però cercano sornioni il contropiede. Ancora Zane spara da fuori al 23′, ma fuori misura. Mezza mischia al 25′ su un cross da sinistra, ma la Robur non ne approfitta. Un minuto più tardi i bianconeri ristabiliscono le distanze: palleggio proficuo sulla trequarti, Rascaroli liberato al limite, bella girata e palla nell’angolo alla destra di Capuano. Siena ancora in avanti. Il Gavorrano non demorde, ma con il passare dei minuti l’energia sprigionata dal Franchi pare farsi sentire. Al 36′, tuttavia, è Mileto a salvare su Lombardi lanciato a rete: palla in angolo, ma comunque Gavorrano pericoloso. A quattro minuti dalla fine del tempo la Robur potrebbe chiudere i conti: Minincleri , dopo una bella azione corale, viene atterrato da Capuano in area. Penalty che però lo stesso numero otto mette sul palo e poi non può deviare in rete. Gara che rimane in bilico. Si riparte con Silvestri in campo nel Gavorrano, Siena identico.  Al 5′ squillo di Lombardi, che sfugge ai centrali bianconeri, Biagiotti para a terra senza troppi problemi. E’ il presupposto del gol. Al 10′ arriva infatti l’altro pareggio del Gavorrano: è Tarantino che indovina l’angolo alto su punizione (Biagiotti sorpreso) e ammutolisce di nuovo i bianconeri. Rete inaspettata, ma i maremmani sono rimasti “sornioni” per tutta la gara.  Un minuto dopo Minincleri reclama un altro rigore, l’arbitro fa cenno che si può proseguire. La Robur si rimbocca le maniche, ma il Gavorrano va addirittura in vantaggio: l’ex Silvestri scappa a destra, appoggio per Tarantino che si beve mezza difesa e mette in rete. E’ il 17′ e la Robur sprofonda. Morgia mette dentro Santoni e Bigoni al posto di Riva e Crocetti: in pratica Siena con cinque punte. Al 22′ Bigoni infila di testa su angolo, dopo il tocco di Portanova: ma l’ex Vicenza è in netto fuorigioco. Bianconeri frastornati, ancora Bigoni ci prova di testa (27′) ma Capuano si distende e para. Alla mezz’ora Rascaroli ci riprova da fuori area, palla a lato: è un Siena che gioca con paura. A dieci dalla fine Cason si scontra con Sciannamè, quest’ultimo ha la peggio e deve uscire, Gavorrano che rimane in dieci per le sostituzioni esaurite. Titone sparacchia al 39′ da lontano, mentre Portanova si piazza addirittura al centro dell’attacco. Al 41′ Diomandè cerca l’angolo con il destro, palla a lato. Mega mischia al 43′, poi sull’angolo Portanova e Cason non trovano la deviazione  giusta. Proprio ad un minuto dalla fine altro rigore per la Robur: mano di Adamo in area e stavolta Minincleri segna, spiazzando il portiere. Nel recupero Santoni si mangia un gol fatto, ma era in fuorigioco, mentre il Gavorrano finisce in nove. Tutto rimandato.

Dalla redazione di www.sienasport.it – Alessandro Lorenzini –

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news