Grosseto Calcio Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Serie D: l’undicesimo turno di campionato

. Siamo ormai ad un terzo del cammino di questo campionato di serie D e le gerarchie incominciano a delinearsi sempre più; intendiamoci, il Grosseto (18) nell’ultima di campionato ha rimediato una bella scoppola in casa della capolista Arzachena e quello che preoccupa più di tutto non è l’entità del risultato finale, nè il modo con cui è maturato, infatti una giornata storta può sempre capitare, ma il punto fondamentale è che la squadra biancorossa non riesce mai a chiudere una partita senza subire reti e spesso ne subisce più di una, il che obbliga l’attacco a dover segnare tante reti per portarsi a casa i tre punti, e questo non è facile mai, a nessun livello.Se poi le reti subite nascono da errori grossolani della nostra difesa, allora la frittata e veramente completa. Certo, ci sono molte attenuanti e c’è da dire che la società è già al lavoro per porre rimedio a tale situazione, però gennaio 2016 è ancora abbastanza lontano e, con il turno ancora da giocare, ci sono ben otto partite da disputare che possono cambiare radicalmente la classifica; Il Grosseto dovrà solo cercare di “contenere” il distacco dalle prime per poi porre rimedio con un mercato invernale che, però, difficilmente porta grandi stravolgimenti, anche se un precedente ci dovrebbe dare maggior fiducia; infatti proprio nel campionato 2006 2007, quello della promozione in serie B, a Gennaio arrivarono quegli elementi che poi sono risultati decisivi per il grande salto e anche in quell’occasione il Grosseto riusci a rimediare nel girone di ritorno ad una prima parte non certo troppo esaltante. Avversaria di turno domenica allo Zecchini l’Ostiamare (18) in uno scontro al vertice tra immediate inseguitrici delle prime, con la squadra romana reduce da uno stop interno che ne ha frenato la corsa verso il vertice; la squadra romana, inoltre, è l’unica a non aver mai pareggiato avendo vinto 6 partite e perse 4. Sono poche le notizie storiche su questa società che, nata nel 1945 si è sempre contraddistinta partecipando sempre a campionati più eleveti nel rango dilettantistico. Il massimo della propria storia lo ottenne alla fine degli anni ’80 inizi ’90 quando partecipò per due campionati di seguito all’allora serie C2, miracolo che fu reso possibile anche grazie al sostegno economico della A.S. Roma che sotto la presidenza di Dino Viola cercava nell’Ostia Mare di fare una società satellite della maggiore dove trovare e far maturare i giovani calciatori; dal 2011 partecipa ininterrottamente alla serie D.
Le altre partite del fine settimana Flaminia (11) – Castiadas (5) con i sardi già pericolosamente invischiati in zona retrocessione, mentre i padroni di casa sembrano avviati ad un campionato di metà classifica, forse con una salvezza anticipata; Lanusei (14) – Albalonga (21) può essere comunque l’occasione per gli ospiti per allungare e magari portarsi in testa alla classifica; in Muravera (10) – Cynthia (13) dovrebbe essere una partita delicata che varrà 6 punti per le zone basse della classifica, mentre la Nuorese (16), da annoverare tra quelle che possono ambire alle zone alte della classifica, riceverà il fanalino di coda San Cesareo (4) che sembra essere una delle maggiori candidate alla retrocessione.
Si prosegue con Olbia (13) – Arzachena (23) dove le insidie per la capolista sono nascoste più dal fatto di disputare un derby che non dall’avversaria; la sorpresa Rieti (20) riceverà la Viterbese (17) ormai rientrata nelle zone importanti della classifica, mentre Torres (15) – Astrea (5) potrebbe consentire ai Sassaresi di rientrare nella zona che conta. Chiude il programma dell’11a giornata Trastevere (9) – Budoni (13) che potrebbe valere la salvezza diretta o l’accesso ai play out. (AS)




















Loading…