Calcio Scuola Calcio Settore Giovanile

Clamoroso: nelle finali regionali Esordienti l’Invicta fa giocare atleti più grandi?

GROSSETO. Nelle finali regionali a 7 degli Esordienti pare che l’Invicta Calcio abbia schierato dei giocatori nati nell’anno 2001 e non 2002. Queste sono le voci che si rincorrono nelle ultime ore e a  testimonianza di ciò pare esserci anche un video che circola in rete.

Nel frattempo, si sta muovendo qualche società che potrebbe sporgere denuncia alla Federazione.

Nelle prossime ore avremo notizie più chiare sulla vicenda.

mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all'interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E' altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Anno 2002.Se cosi fosse sarei curioso di sapere cosa possono aver detto ai bambini rimasti a casa dalle loro finali conquistate sul campo,portiamo loro xche dobbiamo vincere?. Cosa viene insegnato ai nostri piccoli che conta solo vincere? Penso i valori della vita e dello sport siano altriììììììììììììììì

  • Prima di giudicare bisogna assolutamente constatare la realtà e la modalità dei fatti….da genitore sempre presente nella vita e nello sport di mio figlio, penso sia esagerato anche perché si sta parlando di giorni di FairPlay dove non c’è nessun vincitore….

    • sarò pure come dici tu, che è solo un campionato fairplay, che non c’è classifica…ma gli articoli sui siti e sui giornali nei quali l’invicta ha pensato bene di pubblicizzare quella vittoria parlavano appunto di “VITTORIA” e di “PRIMI IN CLASSIFICA”… Io dico che se questa cosa fosse appurata e corrispondesse a verità, di tutto si può parlare fuorché di fairplay, anzi si tratterebbe solo di secchiate di m…a

      • …non c’è classifica? solo Fair play? vai a vedere gli articoli che si sono fatti fare sui giornali così esaltanti e trionfalistici e vedi se si tratta solo di fairplay…

    • La classifica c’è e si chiama “meritocratica”, altrimenti se non ci fosse nessun tipo di classifica come si farebbe a determinare chi va alla finale? Quindi se non lo vogliamo chiamare vincitore diciamo chi ha raggiunto il punteggio migliore, è solo ipocrisia…

  • Io non so se sia vero, ma fare un processo all`intenzione é grave io credo che prima di parlare dovrete essere sicuri altrimenti dopo dovete chiedere scusa , visto che l’articolo finisce con un punto interrogativo alla fine

    • Per correttezza abbiamo deciso di non pubblicare le prove che circolano sui canali di internet, perchè – giustamente – trattandosi di bambini, per etica professionale dell’ordine dei giornalisti, non possiamo e non vogliamo farlo.
      Naturalmente, prima di scrivere un articolo del genere, ci siamo ben documentati. Mi sembrava doverosa come precisazione.

  • Niente male per una società che svolge la propria attività al Sacro Cuore!!!!! Ma monsignor Cetoloni lo sa’ che a questi innocenti viene insegnato a dire le bugie???
    Ah già prima di tutto il risultato……che neanche esiste in quel tipo di manifestazione….si so inventati anche quello!!

  • il bello è che in FEDERAZIONE SANNO TUTTO!!! E NON HANNO LE PALLE DI INTERVENIRE!!!
    AH,SÌ COMPLIMENTI ALL’EDUCATORE CHE “INSEGNA” CALCIO A QUEI RAGAZZI DELL’INVICTA

  • CLAMOROSO !!! Addirittura clamoroso!!! Ma pensate alle cose serie e smettete di rosicare !!!!
    “Provare invidia è umano, assaporare la gioia per il danno altrui è diabolico”.
    Arthur Schopenhauer

    • Scusa…mi sai dire quali sono le cose serie se non il valore che NON è stato insegnato ai ragazzi…come lo vuoi chiamare quello che è stato fatto…truffa, imbroglio, scorrettezza… Nei grandi sono reati! Io pensavo che, almeno ai più piccoli, si insegnassero altri valori, ma forse hai ragione te, le cose importanti sono altre, poi però non ci lamentiamo se i ragazzi crescono deviati…la colpa è nostra che li cresciamo facendogli credere che pur di vincere si può fare tutto… Mi dispiace, puoi dire ciò che vuoi, ma il messaggio lanciato è questo!

  • Chiedo subito le dimissioni del responsabile del settore tecnico della Figc Grosseto che ha favorito in tutte le competizioni l’Invicta. Vergogna!

  • Credo sia giunta l’ora di mettere fine a questa querelle indegna. Sono state fatte accuse precise nei confronti della Federazione che avrebbe saputo e taciuto, accuse alla società che avrebbe imbrogliato consapevolmente. Trattandosi di ragazzini, se qualcuno ha sbagliato in buonafede, è giusto che se ne assuma le responsabilità, esiste una giustizia sportiva e sono convinto che farà le sue imparziali valutazioni. Non voglio fare l’avvocato del diavolo ma magari ci sono state delle motivazioni che, se fosse vero, hanno portato una società a comportarsi in una determinata maniera. Certo è che quanto dice “FOLLONICA” risponde a verità fino ad un certo punto perché la classifica meritocratica vale fino a livelli provinciali, poi si tratta di una FESTA REGIONALE, dove non esistono né vinti né vincitori e dove non è fatta nessuna premiazione che risponde a una classifica, ma tutte le squadre sono considerate alla stessa stregua, per cui i titoli sui giornali di cui parla “TORATORA”, se ci sono stati, sono del tutto sbagliati. Questo clima che si è creato danneggia esclusivamente quei bambini (che non dimentichiamoci, hanno al seguito i genitori) che hanno intenzione di avvicinarsi al calcio. Ormai siamo stufi di leggere di combine nel calcio dei GRANDI, sarebbe penoso doverlo cominciare a leggere nel calcio dei nostri amati PICCOLI. Chiudo dicendo che se ci sono state delle valutazioni errate sia da parte della Federazione sia da parte della Società sarebbe opportuno fare un passo indietro e restituire la serenità ai bambini che hanno partecipato alla manifestazione, loro non c’entrano nulla, sono sempre gli adulti a sbagliare.

  • Io spero che si accerti la VERITA’.
    Mi auguro che tutta la vicenda sia solo una “bufala”, ma se disgraziatamente non fosse così, spero in una PUNIZIONE ESEMPLARE che possa servire da monito per tutti i “FURBETTI del QUARTIERE”.

  • I genitori dei bambini del 2002 e del 2001 sono complici.
    E sono da condannare unitamente all’allenatore se non di più.
    Come vi giustificate per aver permesso una cosa simile che eravate tutti presenti?
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: