Il giro saluta la Maremma

Bagno di folla anche a Grosseto per il Giro d’Italia. Tanta gente ha affollato il bel villaggio allestito alla partenza della tappa che condurrà la truppa rosa in quel di Fiuggi e, sotto la sapiente direzione degli speaker ufficiali della manifestazione ha potuto assistere alla sempre emozionante cerimonia della punzonatura.

Tutti i ciclisti, ad eccezione dello sfortunatissimo Colli, hanno preso il via. Compreso Contador che, alla fine, ha stretto i denti e ce l’ha fatta a partire. Che poi arrivi, però, è tutt’altra questione e la sensazione è che difficilmente vedremo il corridore iberico lottare per indossare la maglia rosa a Milano.

Mescolati tra gli spettatori abbiamo avvistato Enrico Grimani, Marcello Bartalini (oro alle olimpiadi di Los Angeles), ma anche il grande Vittorio Adorni ed il popolare “Cinghialino” mancianese Max Lelli. Proprio al maremmano abbiamo chiesto un parere sulla tappa odierna: <<Si tratta della tappa più lunga del Giro. Il tempo non è un granché, pioviscola e c’è vento. Questo potrebbe creare qualche problema. Contador c’è, è partito regolarmente, ma le sue condizioni sono precarie dopo la caduta di ieri. Staremo a vedere.>>

Oltre alle massime autorità cittadine, raggianti per il successo del Giro in Maremma, c’erano anche Gigi Consonni (ormai, quasi-autorità per meriti sportivi acquisiti…) ed abbiamo visto aggirarsi intorno alla partenza anche il coro folkloristico dei Briganti di Maremma e molti ragazzi delle scuole. La miglior lezione si impara sul campo e certamente questi ragazzi, tutti vestiti in rosa, oggi hanno appreso qualcosa in più rispetto a quello che può insegnare qualunque libro di scuola.

Arrivederci Giro, è stato bellissimo!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news