Grosseto: una città che muore di sport

Piazza Duomo a Grosseto. Il palazzo comunale (a sinistra) e il Duomo (foto tratta da: www.vinievino.com)

Grosseto. Grosseto una volta era una città che viveva per lo sport nelle sue molteplici discipline, praticate anche a livelli internazionali.
Basti pensare all’Us Grosseto in Serie B che nel recente passato ha sfiorato il sogno della massima serie, al baseball che ha vint0 4 scudetti e la Coppa dei Campioni tanto per citare due casi eclatanti.

Sapete qual è la situazione nel 2016? Andiamo ad analizzarla passo per passo.

Calcio. L’Fc Grosseto disputa il campionato di Serie D, quest’anno anche a bassi livelli, vista la posizione che occupa.
Grossa frattura tra società e tifosi e tra società e pubblica amministrazione, basta vedere il contenzioso in atto per il pagamento del canone del “Carlo Zecchini”.
L’unica società che con proprie forze sta emergendo è il Roselle della famiglia Ceri, che disputa il campionato di Eccellenza e che, proprio ieri, ha conquistato una finale di Coppa Italia di categoria.

Baseball. Ormai sparito e cancellato da due anni il glorioso Bbc, c’è adesso un tentativo di ripartire dal Bsc Grosseto grazie anche all’intervento della famiglia Croci. I tempi non saranno brevi per una nuova crescita e rinascita e gli appassionati del batti e corri  dovranno mettersi l’animo in paceancora per un po’.

Calcio a 5. L’Atlante partecipa al campionato nazionale di Serie A2, ma deve disputare le gare interne a Follonica, a causa dell’indisponibilità e delle carenze strutturali degli impianti sportivi cittadini.

Volley. Tante società che cercano di ritagliarsi il proprio spazio. Molto importante l’utilità sociale che hanno soprattutto per i giovani. L’Invicta è il fiore all’occhiello con una squadra maschile che gioca in Serie B. Da ricordarsi che però solamente due stagioni orsono la squadra del ds Masala fu costretta ad emigrare a Riotorto per le gare interne.

Hockey. Il Cp Grosseto proprio nella giornata di ieri ha rinunciato a partecipare al campionato di Serie B, non per problemi o motivi economici, ma per esigenze tecniche della prima squadra, ritenuta non all’altezza di prendere parte ad un campionato così competitivo.

Basket. Il basket, dopo varie vicissitudini, è ripartito grazie alla Gea Grosseto, con un notevole sforzo della dirigenza attuale, ma purtroppo ancora in categorie non esaltanti.

Rugby. Il rugby Grosseto è potuto ripartire solo grazie all’accordo e all’unione con Siena per dare vita ad un’unica compagine, altrimenti anche in questo caso lo sport della palla ovale sarebbe scomparso nel capoluogo maremmano.

Naturalmente ci sono tanti altri sport individuali che non abbiamo dimenticato, come, ad esempio, atletica, tennis e nuoto, che si basano più sulle qualità del singolo atleta, anche se in questo caso mancano le strutture.

Questo è il quadro che vi presentiamo e sia chiaro non vuole avere nessun connotato di carattere politico, anche se la politica il suo zampino nell’arco degli anni ce l’ha messo eccome, ma deve far riflettere sotto l’aspetto imprenditoriale e commerciale.
Sicuramente la crisi ha influito e non poco sotto questo aspetto, ma purtroppo Grosseto sportiva non si è saputa organizzare e trovare nuove forme per praticare discipline a determinati livelli.

7 Comments
  1. Michele 3 anni ago
    Reply

    E la pallavolo Invicta, in serie B?

  2. Andrea 3 anni ago
    Reply

    Non dimenticando l’Invicta Volley oggi in B1 che ha dovuto giocare per un intero campionato a Riotorto pur già disputando al tempo la B2….

  3. Tifoso 3 anni ago
    Reply

    Solo nel calcio considerando l’intera provincia e le 3 città maggiori sono in declino: Grosseto una serie d pessima, Follonica vicinissima alla terza con la società sull’orlo del fallimento ed Orbetello in seconda…le più grandi realtà sono disastrate. Per gli altri sport si salva un po la pallavolo e il calcio a 5 a gr e l’hockey a Follonica…per il resto il nulla

  4. Antonio 3 anni ago
    Reply

    Si potrebbe continuare con il Football Americano, i Condor praticamente spariti, la Boxe con la sola sig.ra Cavini a perseverare nell’organizzazione, ma come atleti dopo Scapecchi il buio, Il rally della Maremma del quale si sono perse tracce ormai da anni, iniziative popolari come la “meremmata” o raduni ciclistici, amatoriali e non, naufragati miseramente. Non voglio tediarvi oltre, ma l’elenco non finirebbe qui.

  5. Io sono il calcio 3 anni ago
    Reply

    SENSO DI APPARTENENZA : 0 !!!
    La dimostrazione e’ che tutti tifano tutti e odiano tutti.
    In una Grosseto cittadina di 80.000 e passa abitanti ci sono piu’ squadre, o meglio piccole squadre, che si contendono il primato cittadino. E chi e’ intelligente capisce quello che sto scrivendo.
    Se una squadra va bene…tutti a tifare quella squadra, l’importante e’ dire : io te l’avevo detto.
    Se una squadra va male…tanto ce ne e’ un’altra…., l’importante e’ dire : io te l’avevo detto.
    Io oggi ho vinto, Voi ??? E cosi’ via…..
    I ragazzi di oggi, la maggior parte, non hanno senso di appartenenza, non ci sono strutture degne di ospitare manifestazioni, i politici di questa citta’ siano di dx o di sn….NON FANNO NULLA in quanto occupati a fare altro.
    Non c’e’ un comune denominatore, o meglio non esiste un imprenditore, sia di fuori che tantomeno di Grosseto e dintorni, che voglia venire a cambiare le cose.
    Con il senno di poi, e non mi vergogno a dirlo, in quanto dico le cose come stanno chiedendo pure scusa se ho sbagliato, quando sento dire che Camilli ci ha ucciso…beh , io che l’ho criticato per gli ultimi 4 anni disastrosi rispondo : ci avra’ anche ucciso ma lo hanno aiutato, in tanti e di ogni risma, ad ucciderci !!!
    Una citta’ che muore di sport…una citta’ che sta morendo di turismo…una citta’ dove e’ cambiato poco negli ultimi 30 anni… una citta’ che a san Lorenzo era strapiena per vedere i fuochi e venivano da tutto il litorale…una citta’ dove le strade per andare al mare sono rimaste le stesse da 30 anni….una citta’ dove il tessuto industriale non esiste piu’…una citta’ dove da sempre l’ospite dopo 15 giorni puzza….una citta’ che aveva un aeroporto civile dove atterravano gli Svedesi…
    Una citta’ che ha sempre sofferto ed ha sempre combattuto quando, pero’, c’era un senso di appartenenza……e da quel giorno il Grifone fu armato di spada.
    Una citta’ che muore perché tutti si preoccupano del proprio orticello e non si preoccupano che anche le ferrovie ci saltano….
    Ma restera’ sempre GROSSETO !!!

  6. Futurama 3 anni ago
    Reply

    Alcuni mesi fa all’interno di un commento su questo sito feci presente le cose sopra descritte coinvolgendo anche altre situazioni non sportive. Finalmente qualcuno “del mestiere” che ne parla. E ancora una volta mi trovo in piena sintonia con Io sono il calcio.

  7. Lorenzo1964 3 anni ago
    Reply

    Pallamano in serie B e beach handball campioni italiani per sette volte è partecipanti alla Champions Cup……

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news