Coppa Passalacqua: Nuova e Piombino fanno 1 a 1

PIOMBINO – NUOVA GROSSETO 1-1

Piombino: Pantani, Tesi, Mangini (85′ Parodi), Consiglio, Paini, D’Acunto, Morle, Baccaro (57′ Campolmi), Biondi, Persico (71′ Ulivieri), Sene. A disposizione: Favilli, Sposato, Fedi, D’Amato. Allenatore Cinquemani

Nuova Grosseto: Benocci, Paglino, Breggia, Andolina, Damiani (78′ Rossi), Ferraro, Silvestri, Bovenzi, Cavazza (68′ Nocerino), Galloni, Naso. A disposizione: Mantiglioni, Di Santo, Lolli, Massaro, Caldara, Graziano, Bottone. Allenatore Bernabini.

Marcatori: 60′ D’Acunto (P) 89′ Nocerino (N)

Ammoniti: nessuno

Spettatori: 200 circa

Arbitro: Lamioni coadiuvato dagli assistenti Tafuro e Giuggioli

In collaborazione con Grossetooggi.net

BRACCAGNI (Gr) – Due reti in fotocopia consentono a Piombino e Nuova Grosseto di spartirsi la posta in palio: le due squadre, al termine di novanta minuti combattuti, portano a casa un punto che ha il sapore della beffa per i ragazzi di Cinquemani che a sessanta secondi dal termine stavano gestendo il vantaggio. Il Piombino, sin dalle prime battute evidenzia un maggior tasso tecnico mentre la truppa grossetana mette in mostra grande organizzazione tattica. Il mister dei livornesi imposta il suo scacchiere con un 4-3-1-2 con Persico a supporto dei due attaccanti Sene e Biondi. Bernabini, orfano dell’infortunato Vichi, disegna i suoi con un dinamico 4-3-3 in cui le tre punte Cavazza Galloni e Naso si alternano la posizione con frequenza. La prima emozione si materializza al quarto minuto, con una velenosa punizione di Morle bloccata a terra da un attento Benocci. Il Piombino si fa notare per il possesso palla, ma il meticoloso lavoro tattico dei ragazzi di Bernabini non consente ai livornesi di creare grattacapi alla difesa in maglia amaranto. Proprio i grossetani, intorno a metà tempo, sporcano i guantoni di Pantani con un calcio piazzato di Naso: bravo l’estremo difensore a schiaffeggiare lontano la sfera. Le uniche emozioni, in un primo round piuttosto bloccato, nascono solo ed esclusivamente da palle inattive: stessi protagonisti, stesso risultato con Benocci che salva sul solito Morle. La prima frazione quindi, visti i valori visti in campo, va in archivio con uno zero a zero che fotografa al meglio l’andamento della contesa.

La ripresa si apre senza novità tecnico tattiche, ma con una Nuova Grosseto rinfrancata dal pit-stop: un’autentica invenzione di uno scatenato Cavazza, strepitoso nel saltare come birilli la difesa del Piombino, rischia di stappare la partita ma Pantani prima, ed il palo poi, salvano i ragazzi in maglia gialla. Davvero eccezionale lo spunto dell’attaccante grossetano, che partendo dall’out di destra si era inventato un numero da applausi. Lo scampato pericolo non riesce a scuotere Biondi e compagni dall’andamento lento, ed il giro palla piuttosto prevedibile lascia tranquillo Benocci e i suoi difensori. Proprio come nel primo tempo, eccezion fatta per l’azione personale di Cavazza, i pericoli fanno capolino sui calci piazzati: un corner calciato a meraviglia da Morle, intorno al quarto d’ora, consente al difensore centrale D’Acunto di spaccare l’equilibrio con un’incornata da pochi passi. Uno a zero Piombino, grazie alla perfetta scelta di tempo del numero 6 e alla parabola deliziosa disegnata da Morle. Bernabini, costretto a rincorrere, pesca il jolly dalla panchina intorno a metà tempo: lo stanco Cavazza, unico ’95 della Nuova, lascia spazio a Raffaele Nocerino. Proprio il numero 18, con un colpo di testa a dieci dal termine, sfiora il pareggio. E’ il preludio al gol che ristabilisce la parità: quasi sul gong, per la precisione al minuto 89, il nuovo entrato approfitta di un’uscita imprecisa di Pantani per insaccare di testa un angolo calciato da Naso. Uno a uno ad una manciata di secondi dal triplice fischio, con il risultato che non subirà variazioni fino ai titoli di coda. Un pareggio sostanzialmente giusto quello centrato nel finale dal team grossetano: Fabio Bernabini, con in campo ben 10/11 classe ’96, imbriglia un Piombino che si è fatto apprezzare per il tentativo di giocare sempre palla a terra ma che si è rivelato poco brillante in fase offensiva.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW