Connect with us

Calcio

Calcio in rete spacca il calcio maremmano?

Calcio in rete che sta approdando anche in Maremma ha di fatto diviso il mondo del pallone nella provincia di Grosseto.

Published

on

CALCIO IN RETE

GROSSETO –  Calcio in rete, spacca il calcio maremmano? Andiamo per ordine, intanto mettiamo meglio a fuoco che cosa è calcio in rete, a chi fa riferimento e quali sono i contatti che in maremma.
L’idea viene a Fabio Giorgetti, fiorentino, presidente della Commissione cultura e sport del comune di Firenze molto impegnato nel mondo del calcio dilettanti, in piena pandemia ha coordinato un gruppo di lavoro di cui inizialmente facevano parte 40 società del fiorentino denominato appunto Calcio in rete.

Spiega Giorgetti in un articolo rilasciato nel mese di giugno a La Nazione, il tutto in piena sintonia con il presidente regionale della Figc Toscana, Paolo Mangini. “L’obiettivo è quello di portare avanti iniziative di supporto logistico ed economico per le società e associazioni sportive nell’intento di riuscire a sopravvivere in questo periodo di pandemia, di affrontare questo difficilissimo momento unendo le forze- spiega Giorgetti- nell’interesse di tutti e nel reciproco rispetto. Vogliamo ricercare strumenti e soluzioni per fare in modo che questa pandemia, con impianti chiusi e zero incassi, non faccia morire economicamente nessuno”.

Per questo Giorgetti si prefigge di fare un fronte comune e quanto più allargato tra le società del calcio dilettantistico toscano, che faccia da tramite con le istituzioni intese come federazione toscana e regione toscana con l’unico intento – spiega – di portare proposte costruttive, fare istanze, che vadano in una specifica direzione, in favore del movimento dilettantistico toscano. Non contro qualcosa o qualcuno , ma nell’interesse generale, precisa. ” Qualche giorno fa, Fabio Giorgetti prende contatti con alcune società dilettantistiche maremmane, viene fatta una riunione dove le proposte, la visioni d’intenti trovano d’accordo molte dirigenti che danno la loro disponibilità al personaggio fiorentino per entrare in Calcio in rete. Portare direttamente ai palazzi che contano in maniera univoca le proprie proposte, la propria voce, avere un maggiore potere contrattuale con gli organi federali e la politica toscana, viene visto in maniera positiva. Questa sorte di unione con un fronte comune di alcune società ha fatto storcere il naso a qualcuno che l’ha fatto palesare.
Alcune società che inizialmente avevano aderito a Calcio in rete hanno fatto, per questo, un passo indietro. Altre sono rimaste nelle proprie convinzioni, altre ancora si riservano di valutare meglio il tutto. Lo stesso Giorgetti, vuole cercare di chiarire lo spirito di questo progetto, che, a suo dire, era stato sottoposto e ben accetto anche dal presidente della FgiC Toscana Mangini, quindi a maggior ragione potrebbe essere recepito da tutti. Siamo solo all’inizio, le parti in causa si confronteranno presto. Vedremo come andrà a finire, anche se riteniamo che qualsiasi cosa si possa fare per togliere dal torpore in cui versa il mondo del calcio maremmano, per dargli una voce ancora più forte, importante, possa essere solo positivo. E questo non deve suonare come una bocciatura per nessuno. Giorgetti o altri, chiunque voglia fare il bene del calcio dilettantistico maremmano deve essere ben accetto, a patto che sia lontano da qualsiasi ideologia o altro tipo di interesse se non quello prettamente calcistico.

Advertisement
Click to comment
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x