Promozione

San Donato: Travison esordisce con un pareggio

Nella foto il San Donato in azione (Di W.Scopetoni-maremmapress.it)

San Donato-Certaldo 1-1

Marcatori: 18° pt. Mori, 24° st. Rispoli

San Donato: Ricci, Cardelil, Martinacci, Rosi, Agnelli, Savini, Rispoli, Rigutini, Negrini L., Amorevoli M., Conti P. A disp.: Curti, Amorevoli G., Riccardo, Culmone, Mancini, Pira, Conti G. All. Travison

Certaldo: Nigi, Bullari, Bartali, Gallerini, Innocenti, Bandini, Calonaci, Giani, Tani, Mori, Tirinnanzi. A disp.: Ghizzani, Profita, Montagnani, Arfaioli, Livi, Kamberaj, Messeri. All. Deri

Arbitro: Tonin sez.Aia di Piombino
Assistenti: Cecchiero e Canu sez.Aia di Livorno

Il nuovo allenatore Travison bagna con un pareggio (1-1) l’esordio sulla panchina del San Donato, un buon punto vista la caratura e il blasone del Certaldo.
Una gara che, sostanzialmente, ha visto le due squadre dividersi il predominio un tempo per parte: meglio i fiorentini nella prima frazione, con Mori che porta avanti i suoi insaccando il rigore concesso al 15’; per il resto, la formazione di Deri mette in difficoltà la retroguardia locale con le ficcanti incursioni sulla fascia dei due esterni offensivi Calonaci e Tirinnanzi, mentre la reazione dei biancoverdi sta tutta in un paio di punizioni di conti che però non trovano la via della rete.
Di ben altra caratura la ripresa del San Donato, che entra in campo con una maggiore determinazione: Negrini si divora una clamorosa occasione a tu per tu con Nigi, mentre Rigutini si vede strozzato sulla linea da un difensore l’urlo di gioia per il gol. Il meritatissimo pareggio giunge al 20’ con Rispoli che, in tap-in, ribadisce in rete la respinta di Nigi sulla punizione di Marco Amorevoli.

mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all’interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E’ altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *