Calcio Eccellenza

Eccellenza: voglia di riscatto in casa Albinia

Dopo la sconfitta patita nello scorso turno di campionato a Pietrasanta, l’Albinia di Cameli sente voglia di riscatto ed è pronta alla sfida interna contro l’Urbino Taccola.
Con i pisani distaccati in classifica di un solo punto, i maremmani sanno di non poter dormire sonni tranquilli e puntano a tenere dietro l’avversario pur essendo costretti a fare a meno dello squalificato Conti.

Dopo dieci turni la graduatoria è molto corta ai piani bassi e la necessità impellente è quella di togliersi in fretta dalle zone calde a suon di risultati positivi anche per eludere il rischio di scivolare all’ultimo posto. L’Albinia ha tre lunghezze di margine sul Forcoli fanalino di coda, un margine che non sicurezza, anzi, preoccupa non poco.

Nelle scorse annate lo stadio Combi si è costruito una certa fama di fortino inespugnabile ed anche in questa prima parte di stagione le uniche vittorie albiniesi sono giunte in casa. La speranza in riva all’Albegna, neanche troppo nascosta, è quella che contro i termali i rossoblù facciano il loro dovere conquistando i tre punti.

Le possibilità ci sono e la voglia di mister Cameli di cancellare lo sfortunato ritorno sulla panchina rossoblù coinciso con il ko in Versilia potrebbe dare uno stimolo in più alla squadra. Le intenzioni sono nobili, ma anche l’Urbino Taccola ha identiche velleità arrivando dalla sconfitta casalinga subita contro il Cenaia e la partita si annuncia piuttosto insidiosa.

Sarà una sfida non semplice per Sgherri e compagni quella contro il team di Uliveto Terme che non potrà contare su Sammuri fermato dal giudice sportivo; una nuova sconfitta significherebbe impantanarsi seriamente nella palude della zona playout. Un rischio che l’Albinia non vuole correre.