Promozione

Benassi saluta il San Donato: “La storia d’amore più bella di sempre”

Nella foto Benassi (di F.Linicchi Maremmapress.it)

Si conclude il rapporto tra Lorenzo Benassi ed il San Donato. Una relazione che, negli ultimi 4 anni, è stato qualcosa di più di un rapporto giocatore-società. Una passione forte, iniziata dopo l’esperienza di Benassi alla Castiglionese, e cresciuta anno dopo anno. Dopo quattro stagioni però il centrocampista saluta la società biancoverde per motivi logistici: le strade si separano ma il legame a quanto pare resterà indissolubile.

Dopo 4 stagioni la storia d’amore tra Benassi e il San Donato sembra giunta alla fine.

“Una storia d’more vera e propria direi, iniziata in modo un po’ travagliato per alcuni guai fisici ma che poi si è rivelata in assoluto l’esperienza calcistica più bella e emozionante della mia “carriera”. Venni a San Donato grazie a mister Tommasi e Matteo Pira, e forse non finirò mai di ringraziarli”.
Da cosa è dipesa questa separazione?

“Motivazione strettamente logistica: lavorando a Castiglione e facendo la stagione per me il periodo della preparazione è sempre stato il più duro e faticoso: partire da qua andare a San Donato e la sera dopo gli allenamenti tornare a lavoro è un sacrificio che purtroppo quest’estate non posso fare”.
Quattro anni speciali per lei. I ricordi più belli e La partita che non dimenticherà mai?

“Quattro anni meravigliosi e per ogni anno ho un bellissimo ricordo, dal gol salvezza a San Quirico nella prima stagione alla vittoria del campionato nella seconda fino ad arrivare alla “famosa” trasferta di Tirrenia per poi finire con un gol vittoria al 94’in questa stagione. Potrei scrivere un libro. Di partite poi ce ne sarebbero tante ma così su due piedi dico San Donato-Pienza, la partita che ci proclamòcampioni di Prima categoria nella stagione 2011-2012: ho ancora i brividi se ci penso. Ma anche i due big match contro la Castiglionese sempre in quella stagione furono “tanta roba”.

Cosa ha significato per lei indossare quella maglia?

“Arrivai che praticamente nessuno mi conosceva, avevo perso un anno o quasi a Castiglione, per me è stata una rivincita una rivalsa, un riscatto, inizialmente. Poi via via la mia piccola importanza mi ha addirittura portato ad essere uno dei “vecchi” a far parte di quello zoccolo duro. Come ho detto prima è stata una vera e propria storia d’amore iniziata così senza aspirazioni particolari né altro ma che alla fine si è rivelata la più bella di sempre”.
Ora il futuro. Con quale maglia la vedremo ad agosto?

“Sinceramente non lo so, e momentaneamente non voglio pensarci. “Assaggiare” per 4 anni un ambiente come è San Donato è stupendo ma separarsene sarà un vero colpo al cuore. Non cerco gloria né altro solo star bene in un ambiente sano come quello in cui ero”.

Ringraziamenti?

“E’ scontato ringraziare tutta la dirigenza, dal primo all’ultimo, le nostre donne e cuoche, il presidente, Donato Zauli, Luca Teglia e tutti gli allenatori che ho avuto a San Donato da Luciano Tommaso a Giorno Guidi fino ad arrivare a Marco Travison, ma anche Davide Lesti e Roberto Santini: ognuno di loro mi ha lasciato qualcosa e ne farò tesoro. Poi quei maledetti 23-24-25 giocatori che ho avuto l’onore di conoscere, compagni di squadra in quel rettangolo, amici fuori dal campo, alle cene e a quei terribili aperitivi del venerdì. Loro veramente non potranno mai in nessun modo uscire dai miei ricordi, dalla mia testa ma sopratutto dal mio cuore. Sapere che il nostro rapporto non finirà qui un po’ allevia questo mio non apparente ma profondo dolore. Vi voglio bene”.

Andrea Capitani

Responsabile Terza categoria e Altri sport

Email: a.capitani@hotmail.it

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Caro Lorenzo, sei tu che resterai sempre nei nostri cuori. personalmente sono molto dispiaciuto di questa notizia, anche per i ns. rapporti con la tua famiglia. cmq un grande in bocca al lupo. da virgilio

  • Grazie di tutto Lore, e te sai cosa intendo per “tutto”.
    Ti auguro il meglio perché te lo meriti, gran giocatore, ma soprattutto VERO AMICO!

  • Prima che compagno di squadra se ne va un amico,una persona vera,sincera!! un grandissimo in bocca al lupo perchè te lo meriti tutto. E sono convinto che sentiremo la tua mancanza..anche se il digiuno del venerdì non ce lo toglierà nessuno!! 😉

  • Ciao lore, è inutile dire che con te se ne va una persona speciale,una persona che in questi 2 anni mi è stata sempre vicino, dandomi consigli e indicazioni,mi hai sostenuto sempre in ogni situazione per questo te ne sarò per sempre molto grato..un saluto e un in bocca al lupo dal “tuo uomo” ciao benny…
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: