Calcio Eccellenza Primo piano

Ceri-tifosi: l’incontro all’Hotel Airone di Grosseto

Galgani intervista patron Ceri

Roselle. Cambio di programma o meglio cambio di sede per quanto riguarda l’incontro tra l’attuale dirigenza del Roselle con in testa il presidente, Simone Ceri e la tifoseria biancorossa. Infatti, se in un primo momento l’incontro si sarebbe dovuto svolgere il giorno 14 giugno, alle ore 21, in Via Giordania, presso la sede della Grosseto Sviluppo, adesso la sede sarà quella dell’Hotel Airone, all’interno del quale c’è una sala conferenze da ben 3oo posti (250 a sedere). Una scelta intrapresa per aver la massima condivisione di tifosi e per potersi confrontare con tutti loro, visto il grande interesse suscitato dopo la pubblicazione della notizia. Naturalmente, verrà fatta chiarezza sul futuro e sulle intenzioni della famiglia Ceri circa il suo arrivo a Grosseto per prendere le redini del calcio cittadino.

Loading...
mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all'interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E' altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ottima cosa che si cerchi di ripartire, ottima a prescindere dalla categoria da cui si ripartirà, ma, a costo di essere noioso e inopportuno, ripeto un concetto: se esiste una strada per evitare l’Eccellenza, la si percorra anche se le chances di riuscirci sono minime. Non ne ho la certezza assoluta, ma credo che non esista in tutta Italia un solo centro con più di 80.000 abitanti con la squadra di calcio in Eccellenza o categorie inferiori e il fatto si commenta da solo…il rischio di diventare una specie di barzelletta purtroppo c’è. Se poi questa è una medicina che non si può non prendere, pace, ci adatteremo.

      • Okay, ho premesso che non ero sicurissimo, ma quand’anche ce ne fossero altre due o tre, la sostanza purtroppo non cambierebbe granché e la faccenda rimarrebbe abbastanza deprimente.

  • Sesto ciao, la categoria del grosseto è la serie D. In 105 anni di storia, 88 sono stati passati tra interregionale eccellenza e promozione… quindi fatevi 2 domande. Buona serata !

    • Miura,
      prima di fare certe affermazioni, è bene documentarsi! 😉
      Hai detto una cosa assolutamente falsa. 😉
      Ecco i dati:

      2° livello –> 6 campionati di Serie B (consecutivi)
      3° livello –> 31 campionati (4 di Prima Divisione, 22 di Serie C, 3 di C1, 1 di Lega Pro Prima Divisione, 1 di Lega Pro unica)
      4° livello –> 24 campionati (7 di C2, 12 di D, 1 di Interregionale, 3 di IV Serie, 1 di Promozione interregionale)
      5° livello –> 12 campionati (1 di Interregionale 2ª categoria, 5 di Interregionale, 3 di Cnd, 3 di Serie D)

        • Vero, prima di Camilli la B non l’abbiamo mai vista, ma la C sì e tanta, anche se siamo stati per 20 anni consecutivi (1983-2002) tra i dilettanti.
          Con Camilli, 6 anni di B, 3 di C1, 1 di Lega Pro Prima Divisione, 1 di Lega Pro unica, 3 di C2 e 2 di Serie D.
          Grosseto, per storia calcistica ha come categoria la C/Terza Divisione/Lega Pro unica/C1, visto che è il campionato disputato maggiormente.
          Tu, in ogni caso, hai detto altro. 😉



















Loading…

 










 

 

 

 



















Loading...

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.