Connect with us

Altri Sport

“Social Tour Perù” Silvia Giannetti dona materiale didattico, per l’igiene personale e diversi giocatoli alle popolazioni indigene dell’Amazzonia

Published

on

Grosseto “ Dopo una settimana passata in giro a non fare nulla, finalmente è arrivata la moto, tutta smontata” spiega la rellysta grossetana Silvia Giannetti al Porto di San Antonio, principale snodo marittimo cileno situato sull’oceano pacifico. La seconda edizione del “Social Tour Perù ha avuto così inizio ufficialmente lo scorso 23 dicembre. Come si ricorderà la motociclista maremmana, dopo la bella esperienza dello scorso anno che l’aveva portata a contatto con alcune delle popolazioni della Sierra Central in Perù, ne era rimasta talmente affascinata, da ripeterla anche quest’anno. Da quel momento, Silvia, ha cercato di fare il possibile per raccogliere fondi e aiutare quelle popolazioni, per la seconda edizione del “Social Tour Perù”. Grazie all’aiuto di privati, istituzioni, sponsor grandi e piccoli è ripartita per il paese sudamericano dove proprio in questi giorni ha incontrato circa 1000 bambini delle scuole e popolazioni in difficoltà che vivono nella foresta amazzonica donando loro oggetti di uso quotidiano, oltre al materiale didattico e per l’igiene personale e diversi giocatoli per un totale di circa 5000 persone. Un viaggio lunghissimo che ha visto la maremmana partire il 16 dicembre in aereo per il Sud America, per ritrovare la sua moto “Africa Twin”, spedita via mare, solo il 23 dicembre. Un viaggio attraverso parte del Cile nel deserto di Atacama vicino la famosissima Hand of the Desert, la Mano del Deserto. “Dalla Costa con 30°, alla Sierra sulle Ande a 4725 metri sul livello del mare con molto gradi in meno fino  a Satipo nella Selva Central. In pratica 15 ore di moto per percorrere solo 580 chilometri, ma ne valeva la pena” aggiunge ancora Silvia, stanca dal lungo trasferimento durato fino al 29 dicembre, ma soddisfatta e pronta a mettersi subito a lavoro, senza perdere tempo. La grossetana ha trascorso il nuovo anno nella comunità di San Jeronimo, che si trova in una zona estesa di 274.690 ettari ed è situata nel dipartimento di Madre de Dios, nella provincia di Tambopata. Anche in Perù si è festeggiato il 6 gennaio. Ma qui i tempi e sopratutto le distanze si allungano moltissimo. Quindi la sveglia è suonata prestissimo per la grossetana, che si è alzata alle ore 4,00 del mattino per consegnare in tempo tutto il materiale. Silvia si è trasformata in una sorta di befana sud americana, che invece di arrivare a cavallo della sua scopa lo ha fatto a bordo di un pick up utile per trasportare tutto il materiale da distribuire. Sono sei le comunità raggiunte dalla motociclista maremmana. Oltre alla comunità di San Jeronimo, Silvia ha visitato quelle di Otishi. Cogontia, Santa Teresita, Huantashiri. Chikiriari. “Ringrazio tutte le persone che hanno creduto in me ed hanno reso felici tanti bambini e tante persone del luogo” fa sapere attraverso i canali social, la grossetana, che è già tornata in sella alla sua moto per proseguire il viaggio. Massimo Galletti

Advertisement
Click to comment
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Copyright © 2021 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x