Connect with us

Grosseto Calcio

Amedeo Gabbrielli: “Il progetto di Ceri è la proposta più seria e percorribile”

Published

on

GROSSETO. Abbiamo ricevuto e pubblichiamo integralmente la lettera di Amedeo Gabbrielli, noto professore di educazione fisica, preparatore atletico, dirigente calcistico, esponente politico di buon livello e…Tifoso biancorosso.

<<Sono un tifoso ed ex-tesserato biancorosso, negli anni Novanta come preparatore atletico di Marco Cacitti ho vissuto quei momenti entusiasmanti che riportarono il Grosseto dalla promozione alla lega nazionale dilettanti. Sono rammaricato perché a così a pochi giorni dall’iscrizione ancora non si sia trovata una soluzione per il Grosseto Calcio nonostante in tanti si siano impegnati a trovare una soluzione. Penso che la soluzione prospettata dalla famiglia Ceri sia la più concreta ed attuabile, considerato che quella rappresentata dall’ingegner Luigi Mansi sembra impossibile. Giuste le dichiarazioni rilasciate dal sig. Ceri: <<Tra la Promozione che non costerà nulla e l’Eccellenza é poca la differenza, ma una squadra vincente può ricreare l’entusiasmo. Basterà avere pazienza due-tre anni e fare un programma quinquennale per rientrare tra i professionisti>>. In questo momento occorrono soluzioni semplici, concrete ed immediate. All’inizio del mese proposi l’iniziativa “batte il cuore biancorosso”, aperta ai Grossetani che volessero offrire gratuitamente la loro opera per il Grosseto Calcio. I contatti ricevuti li ho trasmessi ai riferimenti in Comune, tra questi anche un imprenditore che ha partecipato alle riunioni indette dal Comune e quelli di alcuni professionisti. Conosco Simone Ceri esperto è capace e come imprenditore, vincente come dirigente sportivo. Simone è un trascinatore, riuscirà a dare identità alla società trasmettendo passione ed entusiasmo ed i risultati arriveranno. Il progetto potrebbe essere aperto anche alle associazioni calcistiche della nostra provincia che con una quota potrebbero partecipare nella società>>.

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all'interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E' altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Advertisement
30 Comments
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

30 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

in questo momento va benissimo la promozione,ottimo la fam.ceri,tutti allo stadio e in trasferta….nel frattempo un’anno 2 anni e speriamo che si faccia avanti uno con tantissimi soldi,russo,cinese,insomma chi è veramente ricco e gli faccia appetito la maremma per investire e divertirsi. abbiamo un’areoporto,il mare,abbiamo una terra ancora da sfruttare….siamo chiusi perchè non si conta un cazzo! ma se tiri fuori i SOLDI avoglia se conti!

Mi nascondo? Quando vuoi ci sono. Ciao, a presto.

Ci sono troppi palati fini in questa città di palloni d’oro e scarpe d’oro. Io se fossi uno della famiglia ceri, terrei il roselle in promozione e lascerei il grosseto alla grande città. Visto che sanno solo criticare e denigrare il vostro sapere imprenditoriale. Vi meritate la banca della Maremma e caiata.

vuoi sapere Chi sono? Io sono uno dei Pochi grossetani.sempre presente.soprattuto in trasferta.( cmq firmati tu.io Non ho problemi a farlo.xche’ giorni fa ho detto Chi sono) mentre tu ti nascondi.da sempre

caro mare, chissà chi cavolo sei, ma noi teniamo alla ns città forse più di te e quando eravamo in categorie a noi consone, sia pure che nn ti aggradi, era una soddisfazione x un maremmano che vive e lavora fuori! La promozione va benissimo al Roselle, con tutto il rispetto x i grandi ceri, ma x il Grosseto è veramente poca cosa!

Camlliano e mikele e basta.Ma andante a viterbo!!!!!!

Certo ripartire dalla promozione per una città di ottantamila abitanti e’ una cosa da non credere. Autentici raggruppamenti di case fanno la lega pro ! Ma che cazzo di città’ siamo. Tutte quelle famiglie che si reputano ricche e che quasi tutti conosciamo, le manderei tutte a spalare e poi magari, anzi senza il magari, sono quelle che in combutta con le amministrazioni locali hanno sempre remato perché Camilli se ne andasse. Loro dovrebbero essere cacciate dalla Maremma !!

Ti volevo ricordare che siamo sì 80.000 abitanti ma la metà non sono grossetani ma del meridione e che del Grosseto non gliene frega proprio niente di grossetani veri siamo si e no 30.000 quindi riportiamo i numeri alle loro dimensioni reali

Ma non ti vergogni a usare quel nome come nickname? Dopo quello che ci ha fatto?

Il ceri e’ una brava persona e indubbiamente incontra i favori di tutti anche se purtroppo a solo più su dell’eccellenza non può. Ma meglio lui di tante leggere locali. La banca non meraviglia perché riflette se stessa cioè il fare furbesco e intrallazzone che hanno tutte le banche dove non fanno niente senza un loro tornaconto, garantivano per quel Caiata e si sono fatti indietro davanti ad un latro soggetto che chiedeva solo di dialogare e vedere se ci poteva essere un intesa ed era doveroso per l’Istituto parlare anche con l ‘imprenditore romano. Ma cosa ti vuoi aspettare dalle banche che ripeto intervengono solo quando c e’ da guadagnare. Che schifo !!

Anche Camilli c’è stato fino a che ha avuto un suo tornaconto e se ne è andato quando non aveva più nulla da spremere. E non venitemi a parlare di sentimenti nei confronti della squadra : poteva iscriverla e poi metterla in vendita. Si sarebbe comportato da signore, ma non ha voluto metterci soldi né più né meno come quelli che vengono definiti furbi e intrallazzoni

Meglio lottare per vincere in promozione che lottare per salvarsi in eccellenza… Vi ricordo solo 2 partite: spareggio con il Volterra tanti al seguito, spareggio con il San Quirico d’Orcia 5000 persone… Le vittorie riportano entusiasmo e con Mario e Simone meglio ripartire da un gradino più basso e programmare tutto…

L’azionariato popolare può essere un progetto valido, ma fatto x bene riconoscendo le quote a chi partecipa. Non mi sembra di aver sentito di qualcosa di organizzato seriamente. Sul discorso abbonamenti, io vivo e lavoro fuori Grosseto da 20 anni, ma dal ritorno in c2 mi sono sempre abbonato fino anno scorso, ora mi sembra un po’ dura digerire la promozione! Non è mai stato fatto nulla per trattenere il Camilli e renderlo attaccato alla ns città! Ognuno si assuma le proprie responsabilità e le proprie colpe. Camilli voleva fare il mattatoio, non gli è stato permesso nemmeno quello! Tutti i 10 mula che erano a festeggiare la b che fine avevano fatto?? A gr manca senso di appartenenza alla città, ben lontani dalle altre città toscane! Fino alla fine solo forza Grosseto

Ma non era amico con lucchesi lo chiami adesso che la trattativa con la carrarese è saltata vediamo se è capace di coinvolgerlo .basta chiacchiere al vento tutti ora escono con progetti e soluzioni…… fatti e basta

Lucchesi l’ho chiamato io, ancor prima di Amedeo. Ci ho parlato anche recentemente, ma dopo la trattativa saltata con la Carrarese per motivi che non sto qui a spiegare, il noto dirigente mi ha detto con la massima sincerità di non essere interessato al mondo del calcio dilettantistico. Stop.

Sono un amico di Fabrizio Lucchesi ed é vero che nei giorni successivi alla non iscrizione del Grosseto al campionato professionistico, lui mi chiamò per dirmi che, seppur impegnato nella trattativa con la Carrarese, offriva la disponibilità sua e del suo staff gratuitamente per aiutare il Grosseto.
E’ vero che Lucchesi in questo periodo é stato molto impegnato, ma nessuno l’ha più cercato in merito alla sua disponibilità.
Io, Yuri Galgani e Marco Coralli (che sarebbe dovuto essere dello staff di Gattuso alla Carrarese) lo abbiamo sentito più volte dal 2 luglio.

É arrivato il momento di ricostruire e se dobbiamo ripartire dal basso tanto vale farlo con programmazione e con entusiasmo.
Stiamo parlando di Eccellenza o Promozione…non di Eccellenza e Lega Pro..quindi speriamo che questo ipotetico progetto vada in porto.

Gli ex giocatori e compagnia del Grosseto che scrivono tutte queste lettere appassionate per cercare di non far morire il Grosseto, i soldi li tirano fuori? o sono solo parole? Un appunto anche ai tifosi che parlano di fare o non fare l’abbonamento, non è stato chiesto questo ma di dare un contributo per fare l’iscrizione e la gestione della società. Finora ho letto soltanto dei proclami ma nessuno ha detto vado e contribuisco.

Quale progetto?

Complimentoni vedo che siete tutti veri tifosi e’!!! La squadra la maglia si sostiene in tutte le categorie!!! Troppo facile fare i tifosi e venire a festeggiare a padova o andare tutti a livorno per lo spareggio!! Vergognatevi! Grosseto si merita il peggio per gente come voi!!!

Sembra che la trasformazione del Roselle in Grosseto non sia più possibile, almeno così ho letto in un quotidiano. A questo punto partire dall’eccellenza con una sola squadra, tenere una in promozione ed una. Eccellenza e’ una assurdità , e scorporare la gestione del settore giovanile lasciando la gestione alla famiglia Ceri. Nel frattempo costituire una società con solide basi anche se al momento le disponibilità sono limitate, per scalare nel tempo le varie categorie e cosa importante rimanerci. Grifo 64 la us grosseto 1912 e’ morta grazie a qualcuno. Si tratta di rifare qualcosa di nuovo e sono d’accordo con la nuova denominazione proprio perché sia chiaro che la vecchia us e’ stata uccisa. Punto

Io sono qui, ero con lo staff sanitario dal 2005 fino a giugno, poi sono in attesa. A disposizione, e solo in biancorosso, a vita!!!

in questo momento credo che sia importante ripartire dal basso ma con un progetto serio, che ripartire da una categoria più in alta ma con approssimazione.

Pensiamoci, ma é il caso di spenderli questi 100.000 euro solo per fare una categoria superiore? Forse il Grosseto non avrebbe i mezzi per vincerla, mentre con la soluzione Ceri si potrebbero risparmiare questi soldi e la squadra solo con qualche ritocco potrebbe lottare per vincere il campionato. L’azionariato popolare e tutte le altre forme di finanziamento diventerebbero solo un nuovo modo per coinvolgere i grossetani nella società, però non sarebbero fondamentali per l’iscrizione e per lo svolgimento del campionato. Penso che per far partire queste iniziative occorra del tempo, ma che sia stato importante averle avviate. Vorrei al Grosseto persone innamorate della città e del calcio.

Gr in promozione e poi tutti a fare l’abbonamento! Ma per favore! Dal ritorno in c2 sono stato sempre abbonato, ma ora abbonarsi in promozione mi sembra un po’ ridicolo! Oramai comunque non c’è tempo neanche x l’azionariato popolare che avremmo dovuto fare con un progetto serio e con veri diritti a chi avesse partecipato! Gr la peggiore della Toscana! Oramai non c’è più nulla!

Ma perchè non si chiude con dignità!
C’era la gloriosa U.S. Grosseto 1912.
E per chi l’ha distrutta un bel vaffanhulo.

il prossimo anno derby….. Col San Donato
Ci sarebbe solo da vergognarsi

Ma per favore, ci chiedete i soldi e poi volete fare la promozione ? E spacciandola anche per un successo!
Ma che promozione!!!!!!!!

Ma non si parla neanche più di eccellenza . cioè il Grosseto in promozione. Ma100 mila euro per l eccellenza non ci sono? Onore a Ceri ma la promozione no via!

Allora avanti così. Il tempo stringe e la Soluzione Ce…




 

 

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

30
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: