Calcio Prima Categoria

ll punto dopo la 27esima giornata in Prima Categoria: un campionato che diventa sempre più ingarbugliato

Nella foto Alessandro Renaioli con il proprio staff

I PUNTI SI FANNO SEMPRE PIU’ PESANTI Tre giornate al termine del campionato di Prima Categoria: ormai non è più il momento di guardare a chi gioca più o meno bene, a chi ha meritato o no. Inizia il periodo delle “calcolatrici”, vedere quanti punti mancano al raggiungimento dell’obiettivo e magari sperare di trovare nelle ultime gare squadre che non hanno più niente da chiedere al campionato per non dannarsi troppo l’anima. In vetta, il Mazzola Valdarbia ha operato il sorpasso al Montalcino che da una parte ha pagato le fatiche di Coppa, dall’altra ha forse in staccato un po’ la spina visto che il trionfo in Coppa ha spalancato ai biancoverdi le porte della Promozione. C’è da capire (e si attendono lumi anche dalla Federazione) come questo potrà avere ripercussioni sulla zona playoff (in caso che il Montalcino arrivi secondo), visto che si tratta di una casistica particolare che il comunicato n.26 emesso a novembre può essere soggetto a diverse interpretazioni. In sintesi: il Montalcino, avendo già acquisito il passaggio di categoria, disputerebbe i playoff, oppure sarebbe affare tra la terza, quarta, quinta e sesta? E se tra i biancoverdi e il resto della compagnia ci fossero più di dieci punti che valore avrebbe il meccanismo della forbice? Domande lecite e che si prestano a tutte le interpretazioni del caso, su cui proveremo a fare chiarezza nei prossimi giorni. Intanto però i gialloblù non sanno più vincere, fermati sul pari dallo Scarlino, mentre Ambra e Gracciano, dopo un periodo di alti e bassi, sembrano aver ritrovato la brillantezza giusta, con l’Amiata che, seppur stoppata nel derby dal Castell’Azzara, rimane sempre una delle migliori formazioni del 2018. Castriconi punisce con una doppietta la sua ex squadra e quasi regala al Quercegrossa la salvezza matematica, mentre Scarlino e Manciano, come detto, escono indenni da due trasferte terribili e si avvicinano all’obiettivo. Stop doloroso per l’Alberese, che molto probabilmente si giocherà la salvezza nello scontro fratricida con il Castell’Azzara, mentre il ko interno della Castiglionese contro il Torrenieri di fatto spinge i rossoblù verso la retrocessione in Seconda Categoria. Nel girone D ko sfortunato per il Massa Valpiana, che perde in zona Cesarini contro il forte Castiglioncello. Per i ragazzi di Cavaglioni la zona playout è ora solo a tre punti, con lo spettro dei playout che può essere sicuramente allontanato collezionando sette punti.

Davide Sbrolli

Pubblicista, responsabile della Prima Categoria. Ha lavorato anche per il Corriere di Maremma.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  • se il Montalcino dovesse arrivare secondo il regolamento prevede che sia la sesta classificata a fare i playoff…..sempre con il discorso forbice di dieci punti……..

    “nell’ipotesi che una delle suddette società, abbia già acquisito il diritto di partecipare al campionato di categoria superiore, disputerà i play-off, al posto di quest’ultima, la società 6^ classificata del girone interessato, la quale dovrà occupare l’ultimo posto nella graduatoria delle 4 partecipanti;

  • Ma nella forbice dei 10 punti se secondo arrivasse il Montalcino, si inizia a considerare dalla terza oppure conterebbe sempre il punteggio del Montalcino?
    Grazie

    • La forbice va dalla terza alla sesta, a questo punto il Montalcino è come se fosse fuori classifica, avendo già ottenuto il diritto alla Promozione.
      È la stranezza che si crea giocando così presto lafinale di coppa, successe caso analogo col Manciano secondo e vincente coppa.

  • Dopo esserci documentati a fondo, sentendo direttamente le fonti ufficiali, lo scenario è proprio quello descritto da “Pensiero”. In caso di arrivo al secondo posto del Montalcino, playoff dalla terza alla sesta e non contano i punti di distacco dai biancoverdi. Di fatto, ripeto, da seconda in classifica, il Montalcino di fatto sarebbe fuori classifica. Giustissimo il pensiero sul “timing” della finale di Coppa: volente o nolente tutto ciò può avere delle grandi ripercussioni su tutta la classifica.
































%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: