Calcio Terza Categoria

Atletico Grosseto: si è dimesso Silvestro?

Grosseto. Voci sempre più insistenti, ma non confermate dalla società, parlano delle dimissioni del responsabile del settore giovanile, Silvestro.
Ancora ignote le cause di un suo eventuale e volontario allontamento. Solamente nelle prossime ore potremo capire se la notizia trova fondamento.

Redazione

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ahahah aBorracelli in un anno ti sono andati via 9 allenatori mica sarà sempre colpa degli allenatori ?!
    Chiudi che fai più bella figura

  • gugol cosa vuol dire indovina perché? Ci possono essere tanti motivi oppure sai di più?

  • scusate c’è qualcosa che non mi torna come fa l’altletico grosseto a giocare all’ Arcille essendo fuori comune? l’art 19 NOIF parla chiaro.
    Art. 19
    Impianto sportivo
    1. Le società debbono svolgere la loro attività sportiva nell’impianto sportivo dichiarato
    disponibile all’atto della iscrizione al Campionato. L’impianto sportivo, dotato dei requisiti
    richiesti, deve essere ubicato nel Comune in cui le società hanno la propria sede sociale.
    2. In ambito professionistico, l’utilizzo di un impianto sportivo ubicato in un Comune diverso, è
    regolato dalle norme sulle Licenze Nazionali, emanate annualmente dal Consiglio Federale.
    3. In ambito professionistico, le Leghe, su richiesta delle società o d’ufficio, in situazioni
    eccezionali e di assoluta urgenza correlate alla singola gara, possono disporre secondo la rispettiva
    competenza e per fondati motivi, che le medesime società svolgano la loro attività in impianti
    diversi.
    4. In ambito dilettantistico e di settore giovanile, su richiesta delle società, la L.N.D., i Comitati e
    le Divisioni, secondo la rispettiva competenza, possono autorizzare le medesime società, in via
    eccezionale e per fondati motivi, anche per situazioni di urgenza correlate alla singola gara, a
    svolgere la loro attività in impianti diversi e, per le società partecipanti al Campionato Nazionale
    di Serie D e ai Campionati Nazionali di Calcio Femminile, necessariamente non al di fuori della
    Provincia in cui ha sede la società, ovvero in Comune confinante di Provincie e/o Regioni diverse.
    La Divisione Calcio a Cinque può autorizzare, in caso di mancanza di struttura idonea, le società
    che hanno l’obbligatorietà di giocare su campi coperti a svolgere la propria attività in impianti
    sportivi di province limitrofe, dotati di campi coperti.
    5. In caso di mancato accoglimento dell’istanza di cui ai commi 3 e 4, le società possono chiedere
    il riesame della stessa:
    – al Consiglio Federale se sono società del settore professionistico;
    – al Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti se sono società del settore dilettantistico o
    di settore giovanile.
    – al Consiglio Direttivo della Divisione Calcio Femminile, se sono società partecipanti ai
    Campionati Nazionali Femminili;
    6. Salvo deroga, per quanto di competenza della Federazione, delle Leghe, dei Comitati e delle
    Divisioni, non può essere considerato nella disponibilità di una società un impianto sportivo che
    sia già a disposizione di altra
    datemi voi una risposta per faore

  • buonasera invidiosi, diamo cosi tanto fastidio che dovete parlare male …..dichiaratevi e non vi nascondete.
    Invidiosi Invidiosi Invidiosi
    Ciao Ciao

  • Ahahah a ma invidiosi di cosa di te? Mi ci viene solo da ridere.
    Ma c’è lo dici oppure no ma Silvestro si è dimesso oppure no? Visto che ancora non hai risposto alla domanda