Baseball: il punto sul campionato

GROSSETO. Le prime due partite di semifinale hanno portato alcuni spunti interessanti in casa Enegan Grosseto: il team allenato da Carlo Del Santo ha mostrato grandi doti di freddezza e determinazione non facendosi intimorire da un Foggia che ha dimostrato ancora una volta di essere compagine mai doma e molto combattiva.

Lo spauracchio di una sconfitta in garauno per i biancorossi si è però smaterializzato con il passare delle riprese ed il Grosseto ha saputo scavare un piccolo solco tra sé ed i pugliesi che hanno poi ceduto definitivamente all’ottava ripresa subendo cinque punti.

Proprio nell’incontro del pomeriggio si è registrata l’unica nota stonata per la società presieduta da Mazzei: lo sfortunato Giovannini, tornando verso il sacchetto di seconda base, ha avuto un problema al ginocchio ed a Foggia non ci sarà. Auguri di pronta guarigione, sperando di rivederlo contro Collecchio o Bollate.

In una garadue in cui i lanciatori partenti Marquez e Parra non hanno tradito le attese (solido anche il grossetano Mazzocchi entrato a chiudere l’incontro) lo spettacolo non è mancato. Chi ritiene la serie A federale un campionato di poco spessore viene smentito quasi ogni settimana dall’evidenza dei fatti.

La notizia più bella del weekend in casa Enegan è, senza ombra di dubbio, il ritorno in campo di Roberto Toniazzi dopo lunghi mesi di stop. L’infortunio rimediato in preseason è ormai un ricordo e l’esperto grossetano ha lavorato alacremente per tornare a calcare la terra rossa in queste settimane. Obiettivo centrato.

Vedersi scaldare quella casacca numero 10 è stato un brivido che difficilmente dimenticherà chi era presente allo Jannella in quel momento, ma veder coronato il rientro con una valida preziosissima che ha portato un punto a casa forse nemmeno Andersen nelle sue favole lo avrebbe ipotizzato.

Toniazzi ce l’ha fatta. Una volta raggiunta la prima base tra le ovazioni del pubblico è stato sostituito da Brandi ed è rientrato in dugout, accolto da un’esplosione di gioia biancorossa e dai propri tifosi scattati in piedi a tributargli un omaggio più che sacrosanto.

Parlando di omaggi, non si può non citare l’altro momento toccante dello Jannella. Era stato annunciato dalla società che il primo lancio di garadue sarebbe stato effettuato dall’ex stella biancorossa Francone Casolari, ma al giocatore anziate si è aggiunto a sorpresa un altro big del recente passato targato Bbc.

Niccolò Badii, ex lanciatore grossetano ormai da tempo trapiantato lontano dalla Maremma per motivi di lavoro, ha affiancato Casolari in un amarcord di quello scudetto 2004 conquistato dal Grosseto sotto l’acqua contro il Bologna. Emozione pura. Si tratta di storia, anche se sembra accaduta un attimo fa.

Ai giocatori che oggi difendono i colori dell’Enegan Grosseto tocca il compito di rinverdire quei fasti. Manca un solo successo (che va conquistato e guai a sentirselo già in tasca!) da ottenere a Foggia, poi in finale tutto può accadere contro Bollate o Collecchio.

La speranza del popolo maremmano del batti è corri è quella di bissare lo scudetto 2014, ma i successi si costruiscono un mattone alla volta ed ora è fondamentale per Bindi e compagni strappare in terra foggiana quella vittoria che serve a continuare a vivere il sogno più bello.

Risultati

Bollate-Collecchio 1-5, 5-2
Enegan Grosseto-Foggia 10-3, 4-0

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news