Baseball: doppietta anche per il Jolly Roger. Munoz, è no-hit

Anche il Jolly Roger, come l’Enegan Grosseto, ottiene una bella doppietta nel primo weekend del girone di ritorno. A cadere sotto i colpi dei pirati sono le Pantere Potenza Picena che escono sconfitte 3-1 e 12-0 nelle partite disputate nella giornata di domenica in terra marchigiana.

In garauno il manager Rullo affida la palla a Ciampelli ed il pitcher rimane in pedana per cinque riprese concedendo quattro valide e cinque basi ball prima di venir rilevato da Omarini che si comporta bene con tre strike out ed una sola valida concessa.

Sono i castiglionesi a sbloccare il risultato al secondo inning e, grazie ad una palla mancata e ad una base gratuita, si portano sul 2-0. La partita è bella e soltanto nel corso della settima ripresa il Jolly Roger riesce ad allungare con il singolo di Mejia che porta a casa Ferretti.
Al cambio di campo un errore difensivo permette ai padroni di casa di accorciare le distanze realizzando un punto, ma alla fine sarà il Castiglione a festeggiare per un meritato successo.

Motivi per festeggiare non mancano al team maremmano neanche in garadue poiché nel 12-0 in sette riprese con cui schiantato le Pantere, i castiglionesi inseriscono alcune di ciliegine niente male: Miguel Munoz, grande lanciatore, lascia al piatto ben 16 avversari e firma una storica no-hit che resterà negli annali, mentre Emiliano Aprili si prende il lusso di battere la propria prima valida in serie A.

Fa particolarmente piacere elogiare Emiliano Aprili perché la sua storia di giocatore è molto particolare ed affonda le proprie radici ormai quindici anni fa nella squadra degli Warriors Grosseto (lo storico gruppo di tifosi del baseball grossetano) che venne fondata proprio da Aprili con un gruppo di amici e disputò alcune stagioni in serie C.

Emiliano, fratello del noto “Daddo”, è l’emblema di chi riesce a realizzare i propri sogni partendo da pochi mezzi spesso sgangherati, un esempio di passione e dedizione che merita di essere portato alla ribalta.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news