Grifone, vittoria importante in chiave play-off, ma al momento non basta

Ieri agli uomini di Acori servivano assolutamente i 3 punti e questi, anche se con una certa fatica, sono arrivati. Infatti, il Grifone ha violato Pagani ed è rimasto agganciato al treno delle pretendenti ai play-off. Purtroppo, però, si è trattato di un successo dal valore quasi nullo, perché quasi tutte le squadre che precedevano (a distanza ragionevole) in classifica i biancorossi, hanno fatto bottino pieno, tutte tranne la Salernitana, agguantata beffardamente in “zona Frosinone” al Matusa. In pratica, il Grifone ha guadagnato due punti pesantissimi solo nei confronti dei campani, coi quali, peraltro, è in vantaggio anche nei confronti diretti. Il Pontedera, al contrario, che deve ancora riposare, è andato ad espugnare il campo de L’Aquila e si è preso tre punti pesantissimi in chiave play-off. Il Benevento, invece, ha maramaldeggiato in quel di Barletta e il Pisa ha asfaltato all’Arena Anconetani il malcapitato Prato, ormai fuori dai giochi promozione. Per i cugini nerazzurri una boccata d’ossigeno, ma il traguardo dei play-off o, per lo meno, delle migliori posizioni, non è ancora raggiunto né consolidato per due motivi semplicissimi: un calendario proibitivo e il turno di riposo ancora da osservare. Inutile, poi, il pari del Gubbio a Catanzaro, perché anche gli umbri ormai sono virtualmente fuori dalla lotta per l’accesso ai play-off. Insomma, a ben guardare il Grifone si è preso tre punti non troppo pesanti, ma che, se non altro, lo lasciano a ridosso delle prime nove. Il calendario degli unionisti, poi, domenica propone lo scontro casalingo col Lecce, formazione tornata in corsa per la vittoria finale dopo il mezzo passo falso del Frosinone. Chiaramente, i salentini sono bene consapevoli della cosa, così come sanno che all’ultima giornata riposeranno, pertanto dovranno fare bottino pieno nelle prossime tre partite per sperare nella promozione diretta (che in questo momento vede favorito il Perugia, ieri vittorioso all’ultimo respiro, in 9 contro 10, al Del Duca di Ascoli). Oltretutto, il cammino dei giallorossi pugliesi nel girone di ritorno è stato mostruoso, con 13 partite giocate, fatte di 10 vittorie, 1 pareggio e 2 sole sconfitte. In pratica, il Lecce è tornato quello che doveva essere ad inizio campionato, ovvero la squadra più forte di tutti. Questo non significa che i ragazzi di Lerda siano imbattibili, anzi, la sconfitta per 2 a 0 a Viareggio, patita il 7 marzo scorso, dimostra che pure i salentini possono essere messi sotto. Oltretutto, anche per un discorso di grandi numeri, il Grosseto dovrà pur battere prima o poi il Lecce! In altre parole, se i biancorossi troveranno la forza e le motivazioni per superare la corazzata leccese, otterranno una grandissima spinta in chiave play-off e, allo stesso tempo, chiuderanno le residue speranze giallorosse di vittoria finale. Ad ogni modo, considerato il successivo calendario, il Grifone potrà accontentarsi anche del pari, risultato che, al contrario, non servirà granché alla Lupa salentina.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news