Iuri Pezzatini: “Che lotta con San Quirico e Fonteblanda. Il campionato si deciderà all’ultimo minuto di campionato…”

Nella foto il tecnico Iuri Pezzatini, quando era tecnico della Chiantigiana

SIENA. Quattro giornate al termine del campionato di Prima Categoria con tre squadre racchiuse in soli tre punti.
Chiantigiana, San Quirico e Fonteblanda lotteranno fino all’ultimo minuto di campionato come ci viene confermato dal tecnico della Chiantigiana, Pezzatini.

Allora Iuri avete tre punti di vantaggio, potrebbero essere fondamentali?

“L’unico vantaggio che abbiamo, se così si può chiamare è che siamo a 10 punti dalla vittoria matematica. Se poi si focalizza l’attenzione sui 10 punti si capisce la difficoltà che avremo per portare a casa il risultato. “

Lo scontro diretto con il San Quirico potrà essere decisivo?

“Non penso assolutamente che sarà tutto deciso a San Quirico con 12 punti in palio, anzi credo che sia imprescindibile pensare a Caldana che nel prossimo turno viene a Gaiole.”

Temi di più il San Quirico o il Fonteblanda?

“Quando si parla di Fonteblanda e San Quirico, parliamo di due società, due allenatori e due rose di giocatori organizzate per giocare tranquillamente in Promozione. Non vedo una squadra più forte dell’altra e per noi è una grande soddisfazione duellare contro di loro.”

Qual può essere la vostra arma in più?

“Noi dovremmo essere solo noi stessi e fare quello che abbiamo fatto fino ad ora, cercando di rimanere il più possibile concentrati per limitare gli errori. Questo campionato si decide all’ultimo minuto dell’ultima partita e forse non basterà…”

8 Comments
  1. Esperto prima 3 anni ago
    Reply

    la chiantigiana se perderà questo campionato sarà un flop clamoroso.
    squadra costruita solo per vincere che a questo punto avrebbe dovuto avere già le mani sulla categoria superiore.

    Fonteblanda e San Quirico ottime rose costruite per far bene, ma ripeto, Chiantigiana doveva uccidere il campionato.

  2. Esperto 3 anni ago
    Reply

    Completamente d’accordo con la rosa fatta ad Agosto forse doveva andare come hai detto, ma invece alcune defezioni importanti già da Settembre, una su tutte Iacona, poi la lunga squalifica di Violetta, hanno indebolito la rosa anzi ridotto numericamente e qualitativamente la rosa a disposizione di Mister Pezzatini! In un campionato come quello di I categoria pieno di insidie e didifficoltà perdere 2 /3 pedine per tutta la stagione o anche solo per alcuni mesi vuol dire rischiare di perdere il ccampionato! Il San Quirico se ne sta accorgendo ora che ha perso alcuni titolarissimi, comunque la Chiantigiana è prima come da te pronosticato aspettiamo 4 partite per parlare di eventuale fallimento!

    • FALCO 3 anni ago
      Reply

      Scusate l’intromissione, ma esattamente di cosa sareste esperti voi?

  3. Il saggio 3 anni ago
    Reply

    Parliamo seri…..

    La Chiantigiana ha uno squadrone costruito senza dubbio per vincere,sono stati scelti giocatori,non hanno progetti per inserire ragazzi del paese o cose simili,sono tutti giocatori selezionati e presi,che magari il prossimo anno verranno ricambiati..il mister e’ ottimo,ma se non vince sara’ un bel flop!

    Detto questo non penso che la squadra di gaiole perda questo campionato ormai vinto.
    Vedo bene il Fonteblanda per i play-off,allenati benissimo e preparati i ragazzi di Ripaldi che non falliscono gli appuntamenti importanti

    • FALCO 3 anni ago
      Reply

      È esperto anche il saggio. Volevo ricordare che il Saline ha disputato la finale di coppa Toscana 1′ categoria……

    • Fazzoletti Tiempo 3 anni ago
      Reply

      Probabilmente ti sfugge la locazione demografica di Gaiole in Chianti, il numero di abitanti, e la reale possibilità di creare un settore giovanile che possa essere da serbatoio per la prima squadra. Detto questo sicuramente la Chiantigiana è’ partita con un obbiettivo importante, come minimo il raggiungimento dei play off, ma come giustamente ricordato da Esperto, ha subito durante l anno defezioni e squalifiche importanti : Iacona lascia dopo 5 giornate per motivi lavorativi, Rega giovane/vecchio su cui si puntava tanto lascia a fine del girone di andata per motivi fisici, Pellegrino lascia per 6 gare per motivi lavorativi, Machetti out per 8 gare totali per infortunio, Inciocchi out da 4 gare per infortunio con rientro non definito, Violetta fuori per 4 turni di squalifica rimediati in Coppa Toscana più che discutibili, De Gennaro 4 turni di squalifica per un espulsione altrettanto discutibile..e tanto altro..
      Ma come vedi caro Saggio la Chiantigiana non si piange addosso, non recrimina per i rigori assegnati alle altre compagini, e va avanti per la propria strada con grande rispetto per le avversarie che hanno dato vita al girone di Prima Categoria girone F più bello degli ultimi 8/9 anni. Tutto il resto come diceva il Grande Califfo..è’ noia..

  4. Il saggio 3 anni ago
    Reply

    Se andiamo a vedere ogni squadra ha subito defezioni infortuni e squalifiche. Ma il discorso era un altro,Si parla di progetti e di ambizioni,magari finito il budget o il capriccio di chi mette i soldi a gaiole la squadra torna in seconda o terza categoria,o magari come le auguro andra’ in promozione ed eccellenza..poi se ha la coda di paglia e’ un altro discorso.

    Un progetto tipo Roselle,che ha dato negli anni un impronta ben precisa,con un gruppo consolidato,non il cambiare giocatori e giocatori ogni anno,dare un identita’ alla squadra,il discorso era questo ,poi come loro avendo a disposizione tanti giocatori di categorie superiori e’ giusta la vostra promozione..ma sicuramente all’inizio dell’anno eravate la squadra da battere,perche’ in pochi si possono permettere certi giocatori come Machetti,Violetta,DeGennaro,Inciocchi,Baiocchi …! Quindi onore a voi ma piangete come tutti

  5. Gaiole 3 anni ago
    Reply

    Fazzolettini tiempo ovvero mister pezzatini concentriamoci più sul campionato e non rispondiamo a queste provocazioni

    Un giocatore

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news