Esclusiva Gs – il presidente Balloni (Gavorrano): “Mister Bonuccelli valore aggiunto e a maggio…”

L'ing. Luigi Mansi e il presidente del Gavorrano Paolo Balloni (a destra)

Gavorrano (Gr) Abbiamo intervistato in esclusiva il presidente del Gavorrano, Paolo Balloni, col quale abbiamo fatto una veloce chiacchierata sul momento esaltante che sta vivendo il suo club, primo in classifica nel girone E di Serie D. Abbiamo anche parlato dell’aggressione subita dal dg Vetrini e di una possibile amichevole tra Gavorrano e Grosseto, che avrebbe un significato ben preciso, auspicato sicuramente da tutti i tifosi maremmani.

Budget ridotto, ma un bravissimo allenatore e tanti giocatori interessanti. Vi aspettavate di essere primi a questo punto del campionato?
<<Inizialmente no. Pensavamo di poter disputare un campionato differente rispetto a quello passato, quando abbiamo raggiunto la salvezza con grande sofferenza, tra l’altro proprio contro la corazzata Siena. Resta il fatto che questa squadra ha dimostrato di meritare la prima posizione, sciorinando prestazioni che l’hanno portata al comando della classifica. Mister Bonuccelli ha creato un gruppo eccezionale e i risultati si stanno vedendo>>.

Con quali propositi eravate partiti?
<<Come le ho detto, volevamo disputare un campionato tranquillo. L’obiettivo iniziale era quello del mantenimento della categoria, già molto importante per un Comune che non arriva a diecimila abitanti. Ovviamente, la salvezza ormai è acquisita e l’obiettivo è cambiato>>.

Il patron Mansi che cosa dice?
<<L’ing. Mansi è molto contento e soddisfatto. Non si aspettava questa risposta dalla squadra. Tra l’altro, compatibilmente con i suoi impegni lavorativi, cerca di essere sempre presente. Suo figlio Lorenzo, poi, è il vice-presidente del club e questo testimonia la vicinanza della famiglia Mansi e dello sponsor al Gavorrano. Noi gavorranesi non possiamo che essere felici di un rapporto tanto speciale>>.

Chi l’ha colpita maggiormente nella rosa del Gavorrano?
<<Mi creda, mi ha colpito il gruppo nel suo insieme. Quest’anno c’è una coesione incredibile. Il merito è di mister Bonuccelli, bravissimo a creare tale unità e voglia di lottare tutti insieme. Ad esempio, lo scorso anno i nomi in rosa erano anche più importanti, ma lo spogliatoio non funzionava, non c’era amalgama. L’esatto opposto di ora>>.

Ci sono novità sull’entità dell’infortunio di Conti?
<<Conti è un giocatore fondamentale per il Gavorrano. Contiamo di riaverlo in campo entro il mese di febbraio>>.

Quanto merito c’è di suo e quanto di Filippo Vetrini nell’allestimento di una rosa così competitiva?
<<Non amo prendermi meriti che non ho. Le mie indicazioni a Filippo sono state solo quelle di allestire una rosa rispettando il budget. Mi fido ciecamente di lui, che ha lavorato davvero in simbiosi con Vitaliano, il mister. Dunque, il merito di questa rosa va dato a Vetrini e Bonuccelli. Qui da noi c’è un gruppo molto unito anche a livello dirigenziale. Non ci sono invidie né gelosie. Siamo una famiglia. C’è armonia e questo porta al naturale rispetto dei ruoli, nonché a un gruppo unito e affiatato anche a livello societario>>.

A proposito di Vetrini, da San Giovanni è arrivato un comunicato di un gruppo ultras che si è dichiarato estraneo alla “presunta” aggressione al vostro dg. Insomma, indipendentemente dagli autori, c’è stata o no questa aggressione?
<<Le rispondo dicendole che Filippo ha riportato una prognosi di cinque giorni, regolarmente refertata. Da solo, di certo, non si è aggredito. Gli inquirenti, poi, faranno luce sulla vicenda. In ogni caso, la nostra società ha già espresso vicinanza a Filippo e ha condannato il vile gesto, che non ha nulla a che fare col calcio>>.

Torniamo al campionato. Domenica arriverà il Viareggio per un derby toscano contro una società blasonata. I bianconeri sono a metà classifica. Che partita vi aspetta?
<<Sarà una partita molto particolare, perché, come saprà, Bonuccelli è stato un importante giocatore del Viareggio. Sono certo che i nostri ragazzi proveranno a regalare una soddisfazione al mister, uno davvero bravo. Mi creda, se una buona squadra come il Gavorrano si è trasformata in un ottimo complesso è soprattutto merito del nostro Vitaliano, capace di trasmettere il suo modo di fare calcio a trecentosessanta gradi ai suoi giocatori>>.

A quello che potrebbe succedere a maggio ci pensa o ci pensate mai?
<<Credo che non sia necessario essere scaramantici, ma realistici. Diciamo che cinque punti iniziano ad essere un vantaggio interessante, ma è ancora presto per parlare di fuga decisiva. D’altronde, il nostro è un girone molto equilibrato. Non c’è un Siena nettamente più forte delle altre come lo scorso anno. Non a caso, anche quando abbiamo perso, nessuno ci ha mai messo davvero sotto. A gennaio, poi, crediamo di esserci rinforzati con Moscati, Boccardi e Granatiero. A questo punto, cercheremo di essere primi a maggio. Le garantisco che qui siamo tutti tranquilli, ma coscienti di vivere un sogno. Se resteremo umili, potremo coronare il sogno. L’unico problema è l’esiguità della rosa. Speriamo che gli infortuni ci lascino in pace>>.

Con quale auspicio vogliamo salutarci?
<<Da maremmano non posso che sperare che a maggio ci possa essere una grande amichevole tra Gavorrano e Grosseto, un match per festeggiare un doppio successo. Ecco, questo è il mio auspicio>>.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news