Baseball: Parata di stelle allo Jannella

Più di Trenta stelle del batti e corri grossetano sono state omaggiate prima di garadue tra Enegan Grosseto e Black Panthers Ronchi dei Legionari dalla società di Viale della Repubblica con un tributo che attestasse quanto abbiano contribuito alla storia del baseball, una storia iniziata alla fine della Seconda Guerra Mondiale e che prosegue nonostante gli scossoni ricevuti negli ultimi anni

Le glorie biancorosse si sono ritrovate, tra baci e abbracci, nella sala stampa “Fabrizio Masini” dello Jannella ed un emozionatissimo presidente Mario Mazzei (Ex arbitro, ma anche ex giocatore del Bbc) ha salutato i presenti ricordando episodi di un baseball che stava nascendo all’ombra delle mura medicee a  Grosseto.

Rivedere pionieri come Walter Biadi, Adriano Bronchini con gli occhi lucidi è stato toccante. Non erano gli unici ad avere i lucciconi: anche negli occhi di Bruno Vinciarelli, Franco Bellugi e di tanti altri c’era un filo di commozione, magari nascosta tra un sorriso e l’altro.

A rappresentare il mito e la storia del Bbc Grosseto, tutte le generazioni che si sono succedute dapprima alla vecchia pista di Via Manetti, poi al campo Amiata ed allo Stadio Comunale Olimpico ed infine allo Jannella (Passando per una prima versione dello stadio di Viale della Repubblica che era leggermente più indietro rispetto all’attuale impianto): da Angelo Fanara a Mauro Bertaccini, passando per Roberto Piccioli, Francesco “Pise” Petruzzelli ed un Francesco Casolari sempre in ottima forma…per non parlare del manager azzurro Marco Mazzieri, di Fabrizio Macchi, Rolando Cretis e Alessandro Cappuccini che hanno effettuato il primo lancio di garauno, Fabio Toniazzi, David Rigoli, Daniele Del Santo, Roberto Di Vittorio, Igino Monaci, Luciano Varricchio, l’ex tecnico Beppe Pegoraro, il manager dei primi scudetti Vic Luciani.

Tutti insieme, da Marco Felici a Fabio Toniazzi, a Lino Luciani, Gianfranco e Ildo Guazzini, agli ex presidenti Falconi e Banchi, agli ex dirigenti Fausto Maggio, Mario Marcoaldi, Alvaro Biagianti, Gigi Pegoraro, Brunero Attriti. Davvero un momento di altissima emozione.

Alcune glorie non hanno potuto partecipare fisicamente, ma sarebbero venute volentieri ed hanno mandato un saluto: Riccardo Luongo, Adolfo Marciano, Maurizio Camusi, Gianmario Costa, Leonardo Mazzanti, Federico Cipriani, Stefano “Steve Supercini” Cappuccini, Marcello Verni, Daniele Peccianti, Alessandro Monaci, Federico Giannoni, Roberto De Franceschi, Raffaele Gandolfi, Claudio Dionisio, l’ex presidente Giorgio Ciampolini e gli ex dirigenti Beppe Retali, Bruno Tascini e Gabriello Tosi.

Erano, infine, presenti alla cerimonia il vicesindaco Borghi ed un oggetto che ha quasi il valore di reliquia: il guantino da battuta dell’indimenticabile Craig Stimac. Craig ci sarebbe stato, Craig c’era, e con lui c’erano anche tutti gli altri che in questi decenni hanno reso Grosseto una realtà così importante nel panorama del batti e corri.

1 Comment
  1. sturm und drung 5 anni ago
    Reply

    mi sembrava strano che giamma costa si presentasse…………….
    da uno che non concede l’amicizia su facebook a chi lo ha sempre incitato e sotenuto; che del Grosseto baseball gli frega il giusto mi aspettavo questo ed altro…………..
    stattene pure a casa tua che qui a Grosseto NON TI VOGLIAMO!!!!!!!!!!!!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news