Il punto dopo la 18° giornata in Prima Categoria: una stagione da guinness dei primati

NOVE SQUADRE IN SEI PUNTI..UN CAMPIONATO PAZZESCO Alzi la mano chi in questo momento si voglia prendere la briga di indicare la favorita alla vittoria finale: a dodici giornate dal termine, le prime nove (nove!!) della classe sono racchiuse nell’arco di soli sei punti, due vittorie per intenderci. Una stagione da “settimana enigmistica”, che di domenica in domenica analizziamo con piacere ma che al momento è davvero di difficilissima soluzione. Certo, c’è chi sta meglio (Torrenieri, San Quirico, Sant’Andrea) e chi peggio (Gracciano), ma, come detto, bastano appena due partite per ribaltare completamente lo scenario. In questo senso il focus sul Gracciano spiega a meraviglia questo concetto: il team di Calà Campana, a cavallo dei due gironi, ha avuto le occasioni se non per “ammazzare” il campionato, almeno per indirizzarlo in maniera decisa, ma è uscito da una serie di scontri diretti con il solo punticino di San Casciano. Quindi, tutto riaperto: San Quirico e Sant’Andrea, dopo la partenza ad handicap, sono le due squadre con il ruolino di marcia migliore e con l’entusiasmo a mille, mentre il Torrenieri, ora primo in solitaria, è premiato al momento dalla regolarità del proprio cammino. C’è poi il Quercegrossa, che ha dato un calcio al periodo di appannamento con il tris di Chianciano. Argentario e Manciano, in questo contesto, possono ancora dire la loro, nonostante i punti persi per strada. Ma, come visto con Sant’Andrea e San Quirico, la stagione 2018/19 è un campionato che ti sa aspettare, ma che, dall’altro lato, non ti permette mai di stare rilassato: i buoni risultati di Fonteblanda, Pianella e Bettolle alzano il livello di guardia di tutte le squadre, anche di quelle che finora si sono ben comportate come lo Scarlino e che mai sono state in pericolo. Nel girone D, invece, situazione più fluida per il Massa Valpiana, che allunga la striscia positiva con il pareggio contro il Capanne: un punto da accogliere con positività, viste le assenze pesanti patite da Cavaglioni, nonostante il gol degli ospiti sia arrivato nella parte finale di gara.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news