Grosseto-Olbia: le interviste. Giacomarro: “Zotti un lusso per la categoria”. Biagioni: “Grosseto cinico”

Giacomarro in conferenza stampa - foto Yuri Galgani

Grosseto. Ecco le dichiarazioni rilasciate in sala stampa al termine di Grosseto-Olbia 3 a 1.

Giacomarro (allenatore del Grosseto): <<Oggi abbiamo visto la qualità di Zotti sulle palle inattive. In ogni caso, voglio criticare la squadra per l’atteggiamento degli ultimi dieci minuti. L’arbitro, poi, ci ha messo del suo, non dandoci un rigore solare nel primo tempo e regalandone uno all’Olbia nel secondo. Infortunio a Lauria? No, per fortuna solo crampi. Complessivamente, siamo andati in difficoltà a tratti contro il 4-3-3 dell’Olbia. Zotti ha 35 anni, ma è un giocatore che in questa categoria è un lusso. Averlo o non averlo in squadra fa la sua differenza. Ha un piede importante. Abbiamo giocato bene, palla a terra. L’Olbia , però, è una bella squadra con elementi importanti in attacco. Noi andiamo avanti per la nostra strada pensando solo a fare bene. Cremonini l’ho adattato come quinto di difesa e ha fatto benino la fase difensiva. La partita di Coppa Italia? Giocheremo per vincere, ma faremo degli avvicendamenti, a cominciare dal portiere. Finalmente abbiamo sfatato il tabù dello Zecchini>>.

Giglio (attaccante dell’Olbia): <<Bello il saluto della Nord grossetana. Sapevo di aver lasciato un bel ricordo, ma non mi aspettavo tanto affetto. Ringrazio i tifosi biancorossi. Nonostante i miei 37 anni, mi do da fare perché ho ancora voglia di giocare a calcio. Zotti ha fatto la differenza cambiando la partita con le sue punizioni, così come Lanzano che ha effettuato parate importanti. Ho visto bene il Grosseto, gran bella squadra. Conosco bene anche il mister. Non sono stupito del valore dei biancorossi. Come giudico l’Olbia? Beh, anche noi siamo una squadra di valore, ma in trasferta ancora non abbiamo raccolto punti. Avevamo preparato bene la partita, ma la punizione di Zotti e la sua magia su pallonetto hanno cambiato le sorti dell’incontro. Per quello che riguarda l’Olbia penso che possiamo lottare per la zona play-off>>.

Zotti (centrocampista e capitano del Grosseto): <<Sono emozionato per la tripletta. Ho realizzato tante reti, ma credo di aver segnato poche volte una tripletta. La magia su pallonetto? Un gesto istintivo. Era l’unico modo per superare il portiere. Mi alleno tanto durante la settimana sui calci piazzati. Oggi è andata bene. Oggi decisivo io in attacco e Lanzano in porta. Il nostro portiere non lo scopro certo io. La società ha costruito un grande gruppo con l’obiettivo della vittoria finale. Mi piace giocare in questo nuovo ruolo, che non ricoprivo da tanti anni. Sono a disposizione della squadra. Abbiamo dei margini di miglioramento. Siamo un ottimo gruppo e lavoriamo bene durante la settimana. Spero di far vedere altre tre reti al presidente Pincione, che oggi non c’era. Non ci siamo fatti condizionare dalla partita con il Lanusei. Non temevamo di essere rimontati. Abbiamo pensato solo a giocare. Tra l’altro, siamo una squadra che gioca bene a pallone. Continuiamo a pensare a noi, poi vedremo. Comunque, complimenti anche all’Olbia, che, nonostante il 3 a 1, arriverà in alto>>.

Biagioni (allenatore dell’Olbia): <<Da tifoso del calcio, un plauso a Zotti. Complimenti a lui, anche se la sua tripletta è andata a discapito della mia squadra. Lanzano, però, il migliore in campo del Grosseto, questo vuol dire che l’Olbia non è stato a guardare. Da una parte la palla è entrata, dall’altra no. Sono molto fiducioso per la mia squadra. Non abbiamo mai mollato. E’ un campionato molto strano e vedremo alla fine cosa accadrà. Abbiamo creato tante occasioni. Bravi anche se abbiamo perso. Troppo facile elogiare una squadra quando vince. Il Grosseto è stato cinico. Gli episodi hanno fatto la differenza>>.

Lanzano (portiere del Grosseto): <<La prima parata è stata la più difficile. Mi dovevo riscattare. Qua c’è sempre tanto vento. Mi sono preparato appositamente prima della partita. C’è rammarico per aver subito gol. Il loro rigore dubbio. Tale episodio ha cambiato gli ultimi 10′ dell’incontro. Alla fine, però, ci siamo disposti bene in campo. Abbiamo sfruttato bene le nostre caratteristiche. Zotti è fondamentale. Lui e altri compagni potrebbero fare ben altre categorie. Il primo e il terzo gol di Zotti me li aspettavo, perché ho visto il loro portiere piazzato male, il secondo no. Sono abituato a veder calciare le punzioni a Zotti in allenamento. Dovevo riabilitarmi davanti al pubblico di casa. In questo campionato siamo stati un po’ sfortunati negli episodi tra autogol e tiri impossibili. Oggi, però, abbiamo vinto>>.

Maciucca (difensore del Grosseto): <<Del rigore non voglio parlare. Cerco di dare sempre il massimo in allenamento. I primi tempi ho avuto difficoltà, poi, piano piano ho trovato convinzione. Il Grosseto è forte. Grandi giocatori. Grande feeling tra giovani e under. Siamo un gruppo unito. Siamo in tanti, ma è uno stimolo. La concorrenza interna è salutare. L’Olbia è stata la migliore formazione affrontata fin qui. Giocano bene al calcio e davanti hanno gente forte>>.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW