Grosseto-Olbia 3 a 1. Zotti mostruoso e Lanzano super. Il Grifone ora è secondo

Grosseto-Olbia 3 a 1 - il terzo gol di Zotti

GROSSETO (3-5-2) Lanzano; Ciolli, Baylon, Maciucca; Libutti, Lauria (74′, Platone), Vaccaro, Zotti (cap.) (86′, Schettino), Cremonini; Palumbo, Di Gennaro (60′, Olivieri) A disposizione Di Iorio, Battaglia, Daleno, De Masi, Marino, Murano Allenatore Domenico Giacomarro

OLBIA (4-3-3) Mazzoleni; Caciotti, Peana, Miceli, (84′, Ribeiro), Negrean; Capuano (68′, De Cicco), Steri, Brenci (57′, Falasca); Mastinu, Giglio, Molinu (cap.) A disposizione Van der Want, Aloia, Tricoli, Ricciardi, Riehle Allenatore Oberdan Biagioni

Arbitro: Yuri Mastrogiuseppe di Sulmona
Assistenti: Stefano Cicchitti di Chieti e Vincenzo Ricchiuti di Teramo
Reti: 20′, 29′ e 65′ Zotti, 83′ Molino (Ol) su rigore
Ammoniti: 45′ Capuano (Ol), 82′ Maciucca, 85′ Olivieri, 90’+1′ Giglio (Ol), 90’+2′ Palumbo, 90’+3′ Peana (Ol), 90’+4′ Falasca
Espulsi:
Calci d’angolo: 1 a 6 (p. t. 1 a 1)
Recupero: 1’ nel primo tempo e 4′ nel secondo.

Note: Grosseto in maglia rossa con bordi bianchi, Olbia interamente bianca. Presenti 1.707 spettatori (abbonati 1.225, paganti 482). Incasso totale € 8.265,27 (quota abbonati € 4.845,27, quota paganti € 3.420,00). Terreno non in perfette condizioni, ma in netto miglioramento rispetto alle ultime uscite casalinghe. Giornata mite, ma vento forte.

Grosseto. Il Grifone, trascinato da uno Zotti mostruoso e autore di una tripletta, ha superato l’ostico Olbia per 3 a 1 e ora si trova in seconda posizione solitaria. Il risultato, però, non deve confondere, perché i sardi sono rimasti in partita fino all’ultimo e hanno dato prova del loro valore sfiorando più volte sia il vantaggio che il possibile 3 a 2, ma hanno trovato un Lanzano pressoché insuperabile. Dunque, onore agli uomini di Biagioni, venuti in Toscana a giocarsi la partita a viso aperto. Oggi, però, la differenza l’hanno fatta proprio Zotti con le sue magie e Lanzano con i suoi interventi decisivi, regalando un successo importante non solo per la classifica, ma anche per la propria austostima, visto che l’Olbia sarà una delle protagoniste fino alla fine del campionato. Per i biancorossi, ancora imbattuti (curiosamente insieme a Nuorese e Lanusei), un’altra prova importante e una vittoria giunta anche attraverso belle trame di gioco. Insomma, la strada intrapresa è sicuramente quella ideale e, con il giusto mix di umiltà, convinzione e determinazione, può regalare grandi soddisfazioni. In tal senso, Rieti sarà un’altra prova di maturità da superare.

Zotti in grande spolvero Dopo molti anni torna un match consueto, quello contro l’Olbia. I sardi, allenati da Biagioni, sono una buonissima formazione di categoria e giocano un calcio offensivo grazie al loro mister, uno cresciuto a pane, calcio e…Zeman. Gli ospiti si schierano col 4-3-3 e il loro trio offensivo è composto da Mastinu, l’ex-grossetano Giglio e Molinu, giocatore dotato di una tecnica sopraffina. Il Grifone, invece, disposto col consueto 3-5-2, gioca con lo stesso undici di domenica scorsa a Roma. La partita dimostra subito il valore dei sardi, che sfiorano la rete al 7′ con Mastinu. Il tocco della punta ospite, però, finisce sopra la traversa. Al 16′, poi, Vaccaro, per anticipare un avversario, manda la palla in corner, ma sfiora l’autorete. Oltretutto, gli ospiti giocano tantissimo palla a terra e nei primi 2o’ impediscono ai biancorossi di rendersi davvero pericolosi. Tuttavia, proprio al 20′, Zotti trasforma magistralmente una punizione da posizione centrale, lasciando impietrito il portiere Mazzoleni. Una rete bellissima, che sblocca mentalmente il Grosseto, al punto da fargli trovare il raddoppio, al 28′, di nuovo con capitan Zotti, ma stavolta con un pallonetto fantastico con cui beffa ancora una volta il numero uno dei sardi. L’Olbia, però, non si scompone e va vicino al gol del 2 a 1 al 33′ e al 45′ con capitan Molino, sfortunato nel trovare due interventi decisivi di Lanzano.

Zotti micidiale, ma Olbia mai domo Nel secondo tempo, gli ospiti partono subito a testa bassa, ma questa volta la concentrazione del Grosseto è adeguata e, pressione subita a parte, Lanzano non corre pericoli. I due mister, poi, operano i primi cambi: Falasca per Brenci nell’Olbia e Olivieri per Di Gennaro tra i maremmani. Il Grifone ritrova così un’immediata verve offensiva e al 65′ guadagna una punizione dal limite che un mostruoso Zotti trasforma ancora in rete. Lo Zecchini, come immaginabile, impazzisce di gioia e tributa un grande applauso al capitano. Nonostante il 3 a 0, però, gli ospiti non mollano di un centimetro e provano a riaprire la partita. Il Grifone, da parte sua, al 74′ va vicinissimo al 4 a 0, ma il tocco di Palumbo non entra. Nonostante ciò, ci pensa l’arbitro Mastrogiuseppe a riaccendere l’incontro, regalando un rigore molto generoso dopo un’azione fallosa precedente da parte dei sardi. Il bravo Molino, poi, una volta trasformato il gol della bandiera, dà ulteriormente la carica alla sua squadra, che, nei minuti finali, sfiora in un altro paio di circostanze il 3 a 2. Il secondo gol ospite, però, viene impedito ancora una volta da un super Lanzano, che blinda così la vittoria maremmana.

CRONACA DELLA PARTITA
PRIMO TEMPO

2′ Tiraccio di Steri. Palla altissima sulla traversa e qualche fischio.
4′ Primo corner della partita. Lo batte il Grosseto.
7′ Pericolo per il Grosseto. Su punizione dalla trequarti calciata da Molino, difesa maremmana imbambolata e tocco di Mastinu, solo davanti a Lanzano, che passa di un niente sopra la traversa.
16′ Altro pericolo per il Grifone. Vaccaro per anticipare un giocatore dell’Olbia manda il pallone in corner, ma sfiorando l’autogol.
20′ GOL! Pennellata magistrale di Zotti su punizione centrale da 20 metri. La sfera finisce sul primo palo, lasciando impietrito Mazzoleni.
28′ Bel rasoterra dai 25 metri calciato da Lauria. La palla esce facendo la barba al primo palo. Applausi convinti dello Zecchini.
29′ GOL! Altri magia di Zotti, questa volta con un pallonetto fuori dall’area col quale beffa Mazzoleni.
33′ Miracolo di Lanzano su tocco ravvicinato di Molino.
45′ Molino vince un contrasto, prosegue l’azione e cerca di piazzare la palla sul secondo palo, ma Lanzano vola e respinge.
45′ Ammonito Capuano (Olbia).
45′ Concesso 1′ di recupero.

SECONDO TEMPO

57′ L’Olbia avvicenda Brenci con Falasca.
60′ Il Grifone sostituisce Di Gennaro con Olivieri.
65′ GOL! Zotti fa tripletta con un’altra punizione dal limite che Mazzoleni non vede neppure partire.
68′ Biagioni fa il suo secondo cambio, sostituendo Capuano con De Cicco.
71′ Tiro di Caciotti, che colpisce la palla di controbalzo. Bello il gesto tecnico, ma la palla passa sopra la traversa.
74′ Secondo cambio nel Grosseto: esce Lauria (leggermente infortunato) ed entra Platone.
78′ Palumbo, con un’azione personale, sfiora il 4 a 0 su un contrasto di un avversario e il portiere in uscita. Il pallone esce passando vicinissimo al primo palo.
80′ Libutti evita un gol mandando in corner un pallone destinato ad entrare.
81′ Mastinu cerca
82′ Rigore per l’Olbia e ammonizione a Maciucca per fallo su Molino. Ripetute proteste maremmane.
83′ GOL! Molino segna il gol della bandiera su rigore, spiazzando Lanzano.
84′ Ultimo cambio per l’Olbia: fuori Miceli, dentro Ribeiro.
85′ Ammonito Olivieri.
86′ Altro cambio nel Grosseto: fuori Zotti (applauditissimo), dentro Schettino.
90′ Concessi 4′ di recupero.
90’+1′ Ammonito Giglio (Ol)
90’+2′ Ammonito Palumbo.
90’+2′ Parata super di Lanzano.
90’+3′ Palo e poi fuorigioco dell’Olbia.
90’+3′ Ammonito Peana (Ol).
90’+4′ Ammonito Falasca (Ol)

4 Comments
  1. Grifo1912 4 anni ago
    Reply

    A quanto ho capito, dai dai, abbiamo riavuto il peggior uomo in campo nel direttore di gara.
    Purtroppo io sono in Campania e non ho visto la partita, ma ho seguito i commenti e visto il primo gol do Zotti, bellissimo come non si vedeva da tempo allo Zecchini, su punizione.
    Diamo una gella squadra, per ora sicuramente la migliore vista da almeno 5 anni ad oggi.
    Vedo.poi con mucho piacer che i nostri vicini stentano parecchio

    • gengy 4 anni ago
      Reply

      ma quest’anno i video delle partite non ci sono da nessuna parte?

    • Mazzolatore 4 anni ago
      Reply

      Grifo 1912, se ti è piaciuto il primo, cerca in tutti i modi di guardare il secondo che è veramente una magia! Saremo anche in serie d, ma erano anni che non mi divertivo così allo stadio.

      • regatti2015 4 anni ago
        Reply

        E va bene così, assai meglio 3 punti per la classifica che solo 1 o nessuno.
        Ma, ma…..se San Pietro ( Zotti) dovesse dare forfait (corna facendo) per malattia o chissà per quale altro imprevisto cosa ne sarebbe del Grosseto?
        Qual sarebbe mai l’alternativa di emergenza?

Rispondi a Grifo1912 Annulla risposta

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW