Promozione: il punto sul campionato

Nella foto lo storico capitano dell'Albinia Sgherri

Si è concluso questo avvincente campionato di Promozione con la vittoria finale del Gambassi che ha staccato nel finale di stagione le altre contendenti incapaci di trovare la giusta continuità per tutta la stagione.

Proprio questa è stata la chiave del successo dei termali, l’arma in più rispetto al Badesse e alle altre compagini che via via si sono succedute ai piani alti della graduatoria nel corso dell’anno. I campionati non si vincono con gli exploit di un giorno, ma con la regolarità ed è stata proprio questa qualità a far sì che il Gambasse staccasse tutti gli altri nelle ultime giornate.

Per le maremmane è stato un anno da ricordare e, almeno per l’Albinia, potrebbe diventare ancor più gustoso adesso che inizieranno i playoff. Passare per gli spareggi non è da considerarsi un percorso disonorevole, tutt’altro, e Lorenzini e compagni cercheranno con tutte le loro forze di percorrere questa strada per risalire in Eccellenza. Tutti gli sportivi della provincia, senza distinzioni di bandiera, devono sostenere il sodalizio albiniese in questa fase delicata della stagione in cui non sono ammessi passi falsi.

Anche per il San Donato si è trattato di una stagione memorabile: gli uomini di Michele Cinelli hanno vissuto un campionato molto positivo e soltanto un pizzico di malasorte nella fase centrale del campionato ha impedito loro di raggiungere lidi ancora più interessanti.

È mancato poco, soltanto qualche piccolo dettaglio, per vedere anche il San Donato in zona playoff ma l’impressione è che al Burioni si stiano gettando le basi per un futuro tutto da vivere grazie a doti come l’umiltà e la consapevolezza dei propri mezzi.

Per il Ribolla è stato un cammino terribile ed è arrivato l’ultimo posto con appena 11 punti ed un solo successo ottenuto, ma non ci sentiamo di addossare troppe croci sulle spalle dei minerari. I bianconeri hanno rimediato molte brutte figure sul piano del mero risultato, ma hanno sempre onorato al meglio il campionato anche quando era inevitabile la retrocessione: questo è un merito indubbio che va riconosciuto al Ribolla, al di là del magro bottino raccolto. Non tutti avrebbero vissuto una via crucis simile con tanta dignità. Inutile andare a ripercorrere il cammino ribollino, meglio porre l’accento su come i minerari abbiano sempre e soltanto combattuto contro avversari che si sono rivelati troppo spesso superiori.

Risultati

Armando Picchi-Santa Maria a Monte Montecalvoli 1-0
Gracciano-San Miniato Basso 1-1
Cascina-Alabastri Volterra 2-1
Castelbadie-Certaldo 1-2
Geotermica-Pecciolese 1-2
Perignano-Albinia 2-2
Ribolla-Badesse 1-4
Acli San Donato-Gambassi 1-1

Classifica finale

Gambassi 59 (promosso in Eccellenza)
Armando Picchi 49 (playoff)
Badesse, Albinia, San Miniato 48 (playoff)
Cascina 46
Acli San Donato 44
Perignano 42
Gracciano 40
Geotermica 39
Alabastri Volterra 38
Certaldo 36 (playout)
Pecciolese 35 (playout)
Castelbadie 34 (playout)
Santa Maria a Monte Montecalvoli (playout)
Ribolla 11 (retrocesso in Prima Categoria)

7 Comments
  1. Rossoblu 4 anni ago
    Reply

    Albigna…Regna!

  2. san donato ale' 4 anni ago
    Reply

    Volevo RINGRAZIARE i nostri ragazzi, la dirigenza e l’allenatore x questo campionato veramente divertente e spumeggiante che ci hanno regalato.
    Non importa se i playoff alla fine sono sfumati, a NOI va bene anche cosi’, ci abbiamo provato ed abbiamo lottato fino in fondo; sara’ x il prossimo anno.
    I cuginetti boriosi dell’albignia giocheranno i playoff, faranno 1(!) partitucola e poi andranno a casa inesorabilmente………………….contro il badesse, e x giunta fuori casa, la vedo un tantino dura x i “guizzanti” giocatori albigniesi………………..
    IO personalmente, e come sempre, TIFERO’ SPUDORATAMENTE CONTRO!!!! e sempre:
    FORZA BIANCOVERDI!!!

    • rossoblu 4 anni ago
      Reply

      ciao san donato ale’…. intanto noi giochiamo in casa caro cuginetto rosicone, quindi puoi anche andare al mare tranquillo, non sentiremo la tua mancanza. Come disse la volpe quando non poteva raggiungere l’uva..”è acerba”. Caro sandonatese dai che ci credevi ai playoff e ti bastava … poco così, non dire di no.
      Comunque un saluto all’altra sponda dell’albegna… male che vada ci incontreremo di nuovo, ma almeno noi una possibilità per passare di sopra ce la giochiamo…

      p.s. adesso puoi spengere la freccia… sono due settimane che è accesa per il sorpasso, potrebbe fulminarsi la lampadina.

      • san donato ale' 4 anni ago
        Reply

        Allora, se giocate in casa, sicuramente andrete in finale e perderete all’ultimo secondo di gioco………..
        x quanto riguarda il mare, sono felicissimo di andarci ed a cuor leggero, anche perche’ NOI il nostro campionato lo abbiamo gia’ vinto salvandoci alla grande e lottare fino in fondo x un posto playoff (cosa assolutamente impensata alla vigilia visto che i NOSTRI proclami sono sempre quelli di salvarsi) te invece dovrai patire ulteriormente x poi perdere il tutto ahime’ inesorabilmente.
        La freccia la tengo invece in serbo x il prossimo anno; tranquillo, trattandosi di lampade a led non si corre il rischio di vederle bruciare………..

  3. Forza ALBIGNIA :-)) 4 anni ago
    Reply

    Intanto l’Albignia contro il Badesse giocherà in casa ,poi i l’importante è esserci voi siete sotto caro il mio rosicone.Ai giocatori del San Donato vanno i miei complimenti per quanto dimostrato.

    • san donato ale' 4 anni ago
      Reply

      giochi in casa e perderai bye bye………

  4. Ma quanti anni hai? L invidia è una brutta bestia. ..
    L albina a inizio stagione era partita con il punto di salvarsi il prima possibile e con un gruppo giovanissimo.. quindi invece di tifare contro dovresti fare solo i complimenti e tifare a favore e non contro ..
    Buon mare

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news