Pincione replica a Rossi: “Realtà dei fatti falsata”

Grosseto. Nuova risposta del presidente dell’Fc Grosseto, Max Pincione, nei confronti dell’assessore Fabrizio Rossi.

Ecco il comunicato ufficiale:

In risposta a quanto dichiarato dall’assessore Fabrizio Rossi, in merito agli ultimi accordi tra l’amministrazione comunale e la scrivente società, non riconosciamo le loro dichiarazioni con quanto tra le parti tentato di concordare.

Quello riportato è a nostro avviso un comunicato che nasconde la realtà dei fatti.
Falsato, che prende in giro la FC Grosseto, la tifoseria e la stessa città di Grosseto.
Le dichiarazioni dell’assessore Rossi dimostrano come l’attuale amministrazione non intenda permettere alla FC Grosseto di fare calcio e di realizzare il suo progetto.
Un comunicato che dimostra come il Comune di Grosseto stia ponendo in essere una guerra personale contro il presidente Pincione: il comunicato non si riferisce alla FC Grosseto ma punta espressamente il dito contro la persona del presidente.
Dalle dichiarazioni emerge la preferenza del Comune ad assegnare lo stadio Zecchini ad un’altra società piuttosto che alla FC Grosseto.
Il Comune si pone come se non abbia mai ricevuto una proposta transattiva da parte della FC Grosseto. Come non avesse mai avuto il nostro parere positivo a saldare quanto fino ad oggi fatturato (sebbene le nostre contestazioni in merito allo stato dello stadio Zecchini). Ricordiamo – e questo l’unico e solo dato importante – che la FC Grosseto aveva chiesto solo una cosa: a fronte del pagamento dei canoni di cui alla nota convenzione ed altre obbligazioni, si richiedeva l’avvio dell’iter assembleare per l’approvazione di una convenzione quinquennale qualunque che ne fosse l’esito.
Il Comune ha risposto che ha escluso a priori che tale iter possa essere avviato.
Eppure non si comprende come possa non essere possibile, quando lo stesso regolamente comunale cita quanto segue:
Art. 2 del regolamento gestione e utilizzazione impianti sportivi comunali riporta quanto segue:
‘la gestione degli impianti sportivi, sia primari che secondari, potrà avvenire nei confronti di soggetti che svolgano attività sportive, per un periodo anche pluriennale, mediante appositi schemi di convenzioni deliberati dal consiglio comunale nel rispetto del principio di libero accesso e d’uso e delle norme del presente regolamento’.
Il Comune ha definitivamente sancito come le promesse fatte lo scorso anno (non mantenute) sono state unicamente poste in essere per convincere la società a dare corso ad un ingente investimento che altrimenti non avrebbero eseguito, in un momento di irreversibile crisi in cui versava la US Grosseto.
Un comunicato che dimostra come sia meglio affidare lo Stadio Zecchini ad una altra società locale che lo ha già chiaramente richiesto.
A questo punto, si chiede all’Avvocato Cruciani, per tramite dell’amministrazione comunale, di pubblicare il contenuto della nota dell’avvocato Cruciani del 24.08.2016.

19 Comments
  1. BlackEagle 3 anni ago
    Reply

    Rinnovo la mia proposta ad un confronto pubblico “all’americana” e in tv tra Mr.Pincione e il Sindaco+Assessore. Con queste scaramucce a mezzo stampa non si va da nessuna parte. Poi quando si tirano di mezzo gli Avvocati la situazione non può che peggiorare.

    A me farebbe piacere che gli americani se ne andassero ma visto che ciò non avverrà, vediamo nell’interesse degli sportivi, se si può trovare un accordo

  2. Sesto 3 anni ago
    Reply

    Prescindendo da questo stucchevole e tedioso ping pong di accuse e controaccuse, io mi chiedo : la squadra che fra poco più di una settimana scenderà in campo è per caso in grado di vincere il campionato? Mi auguro che nessuno osi pensarlo…E allora? Si punta ad una salvezza tranquilla? Per poi fare cosa su queste basi e questi presupposti? Giuro che per me il mistero è sempre più fitto: qual è il senso di tutto ciò?

  3. Dario 3 anni ago
    Reply

    Ok Pincione….è tutta colpa del Comune…come ai tempi era colpa dell’amministrazione di Pescara a cui casualmente è stata fatta causa per i soliti 3 mnl…
    Bene…adesso toglietevi dalle scatole…
    Abbiamo voglia di calcio non di chiacchiere..

    • Rampante 3 anni ago
      Reply

      La scorsa stagione, quando eravamo stati cancellati dai radar calcistici, ha rimesso in piedi il Grifone in tempi strettissimi disputando un buon campionato. E mettendoci dei bei soldini, altro che chiacchiere Dario.

  4. Stefano 3 anni ago
    Reply

    Ragazzi aprite gli occhi e valutate bene e veramente le intenzioni del comune che a questo punto sono chiare …. ma è questo che volete … Siete sicuri ?

    • ser 3 anni ago
      Reply

      Chi è uscito dalla finestra rientra dalla porta?

  5. attilio regolo 3 anni ago
    Reply

    Situazione oltremodo incresciosa questa determinatasi tra Dirigenza della squadra di calcio del Capoluogo Grossetano e Amministrazione Comunale. Urgentissimo un incontro di chiarimento pubblico tra le parti in contrasto alla vigilia dell’inizio del Campionato di serie D.

  6. fichi secchi 3 anni ago
    Reply

    BASTAAAA….!!! Facciamola finita, siamo ancora qui a chiedere un confronto. Ma possibile che non avete ancora capito il soggetto?

  7. ser 3 anni ago
    Reply

    Comportamento francamente puerile da entrambe le parti, non consono a persone adulte che oltretutto occupano posti di rilievo

  8. october27 3 anni ago
    Reply

    Lasciamolo solo a cuocere nel suo brodo.
    Quando si sarà stancato di giocare a nascondino, si dissolverà da solo come polvere al vento.
    Non merita nessuna considerazione.

  9. BlackEagle 3 anni ago
    Reply

    In sostanza, e mi rivolgo a entrambe le parti, E’ ORA DI FARLA FINITA CON QUESTA STORIA!

  10. attila 3 anni ago
    Reply

    Vai a fare calcio in un’altra citta’.

  11. sportivo 3 anni ago
    Reply

    rampante i soldi li ha promessi perché la meta devi pagarli

  12. Cmmark 3 anni ago
    Reply

    Quindi Pincione vuole che il sindaco firmi l’iter per la convenzione dello stadio e poi paga…..cosi ho capito…..mentre il sindaco dice che non puo firmare l’iter se prima non riceve i soldi……giusto?

  13. attilio regolo 3 anni ago
    Reply

    A lume di naso, in questo braccio di ferro uno dei contendenti il braccio se lo rompera’ e come sempre il braccio piu’ debole tra quello pubblico e quello privato e’ quello pubblico. E’ perfettamente inutile per non dire grottesco e autolesionistico aver approvato in fretta e furia un megaprogetto Roselle di oltre 10Milioni e poi far rischiare il tracollo e la faccia della squadra cittadina di calcio per un’impuntatura burocratica da 10mila euro. Non si tratta solo di poche migliaia di euro direbbe qualcuno ma del rifiuto di vincolarsi per piu’ anni con un imprenditore oggi ritenuto inaffidabile. Fatto sta che a questo imprenditore vennero stesi tappeti rossi l’anno scorso quando investendo esclusivamente di suo salvo’ la piazza calcistica grossetana da un’infima figura.E mi pare giusto che ora che non fa piu’ comodo e lo si vuole mettere fuori dai giochi presenti un conto piuttosto salato.

    • ser 3 anni ago
      Reply

      E se il rifiuto di vincolare per più anni lo Zecchini, a parte l’attuale inadempienza, nascondesse un altro progetto?

    • Massi 3 anni ago
      Reply

      Senza prosa: ma che c***o stai dicendo?

  14. Maremmano di ferro 3 anni ago
    Reply

    A mio avviso, questo voler artatamente dilatare i tempi a colpi di comunicati ed esternazioni ha condotto la vicenda alla scadenza naturale della convenzione, senza però che sia stato saldato il dovuto. Ora, dovendo l’amministrazione comunale comportarsi ai sensi di legge, e quindi dovendo “tornare in possesso” del proprio bene, dovrá “sfrattare” gli arabo/italo/americani che potranno gridare allo scandalo, magari sostenendo che il Comune caccia la Societá della propria cittá. No, il Comune CACCIA la Societá del presidente Pincione che non ha ossequiato un suo preciso dovere e fa BENISSIMO.

  15. Tifoso 65 3 anni ago
    Reply

    Ma Attilio Regolo ma che cavolate stai a dire…se le cose non le sai fai meglio a stare zitto, il progetto Roselle e’ completamente a carico della famiglia Ceri al comune non costa un euro.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news