Coppa Bruno Passalacqua, girone B: Pitigliano di rimonta

U.S.D. Paganico – U.S.D Pitigliano: 1-2 (29’pt Del Principe; 39’pt Bianchi; 11’st Guza)

Paganico: Francioli, Pippi, Pieri, Marzocchi, Fazzini, Avola, Fabbrini Matteo (dal 19’st Rubegni Riccardo), Pineschi (dal 42’st Maggi), Muja (C), Del Principe, Fabbrini Federico. A disposizione: Tosini, Boscagli, Bambagioni, Rezza, Rubegni Riccardo, Rubegni Andrea, Maggi. Allenatori: Cavaliere e Trapassi. 

Pitigliano: Mengoni, Nucci, Guidotti, Ennached, Dozi, Bianchi, Sorini, Doganieri, Contorni, Ballerini, Guza. A disposizione: Reali, Battiloro, Lazzeri, Vignoli, Sulo, Simonini, Marconi, Cecchini, Riccardi. All: Baldoni.

Recupero: 0′ e 3′  Ammoniti: Marocchi, Avola e Fabbrini Matteo (Pag); Mucci, Dozi e Guza (Pit)  
Angoli: 3-6

Seconda partita del girone B della 44′ coppa Bruno Passalacqua; sul terreno di gioco scendevano in campo Paganico e Pitigliano. Le due formazioni si sono affrontate a viso aperto per tutti i 90 minuti con la parte iniziale e finale a forti tinte bianconere, mentre la parte centrale della gara era in mano ai gialloblù. 
La prima occasione della partita è per il Paganico al 10′ con Del Principe, il numero 10 dopo essersi liberato molto bene in area di rigore conclude verso lo specchio da posizione defilata peccando di un pizzico di egoismo. Due minuti più tardi l’occasione di passare in vantaggio capita sui piedi di Riccardo Fabbrini al termine di un’ottima azione corale ma il suo sinistro viene murato in angolo. Il primo squillo degli ospiti è al minuto 21 quando Dozi prova la conclusione diretta in porta con il sinistro da calcio piazzato, ma la sua traiettoria si spegne sopra la traversa. Pochi minuti dopo è il numero 9 del Pitigliano Contorni ad impegnare severamente Francioli, dopo un ottimo dribbling al limite dell’area infatti, l’attaccante in maglia gialla conclude con il destro trovato però la pronta respinta dell’estremo difensore avversario. Risponde immediatamente il Paganico con la combinazione sull’asse Matteo Fabbrini – Riccardo Fabbrini ma il tentativo del numero 11 da ottima posizione termina alto. 2 minuti dopo e il Paganico di mister Cavaliere trova il vantaggio meritato: Del Principe recupera palla a metà campo e serve Fabbrini sulla sinistra, il numero 11 controlla e pesca il filtrante giusto per lo stesso Del Principe che una volta entrato in area fredda Mengoni in uscita siglando l’1-0 per i suoi. Dopo soli 3 minuti ecco l’episodio sliding doors: Riccardo Fabbrini recupera palla all’altezza dei 35 metri, prende la mira e lascia esplodere il suo destro, Mengoni è battuto ma la palla si stampa sul palo interno per poi uscire. Da qui, il Pitigliano prende coraggio e comincia a macinare occasioni. Al 35′ Ballerini scippa il pallone a Pazzini nel tentativo di quest’ultimo di proteggere la rimessa dal fondo, l’attaccante del Pitigliano entra in area piccola e calcia forte con il sinistro sul primo palo, Francioli respinge con i piedi in angolo. 4 minuti dopo però arriva il pari del Pitigliano: batti e ribatti al limite dell’area del Paganico, la sfera giunge sui piedi di Bianchi che è bravo a controllare e girarsi per poi sparare con il destro ad incrociare, la palla si insacca alle spalle di Francioli con il punteggio ristabilito sulla parità. Al 42′ sfiora il vantaggio il Paganico quando Guza devia di testa un cross dalla destra di Doganiere senza però trovare la porta di pochi centimetri. Si chiude qui la prima frazione di gioco con tante occasioni da una parte e dall’altra ma con il Paganico che dopo il gol subito sembra aver accusato il colpo. 
La seconda parte di gara è a forti tinte gialloblù: dopo appena 2 minuti Ballerini avrebbe l’occasione di segnare dopo un ottimo suggerimento di Contorni, ma il suo sinistro è troppo largo. Al 4′ Sorini riceve in area da Dozi, il numero 7 vince un rimpallo e si invola verso l’area piccola dove scaglia un destro ad incrociare senza trovare lo specchio mancando così una colossale occasione da gol. All’11’ il Pitigliano passa meritatamente: Contorni scappa bene sulla destra, salta due uomini e mette al centro il pallone, Guza arriva di gran carriera e con il destro gira verso la porta anticipando i difensori e siglando il 2-1 che si rileverà decisivo per la vittoria finale. Prova a cambiare qualcosa l’allenatore del Paganico che inserisce il giovanissimo Riccardo Rubegni, classe 2002 che dopo appena 10 secondi avrebbe la palla del pareggio, ma davanti al portiere non riesce a dosare il pallonetto come dovrebbe consegnando la sfera tra le mani di Mengoni. Al 22′ Mengoni è super quando Pazzini, dopo una mischia in area, scaglia il suo destro verso la porta chiamando l’estremo difensore al miracolo. La gara scivola via senza troppe emozioni, tranne nelle ultime battute di gara quando il solito Rubegni sfiora l’eurogol con un tiro al volo dalla destra ma anche in questa circostanza non è fortunato. Si chiude dunque 2-1 il match con il Pitigliano che balza al comando del girone B complice il pareggio tra Albinia ed Atletico Grosseto. 
Appuntamento a lunedì 30 Maggio con la prima gara del girone C tra Grosseto ed Orbetello.

1 Comment
  1. cesare fazzini 2 anni ago
    Reply

    Il numero 5 del Paganico si chiama FAZZINI e non Pazzini.
    Solo per precisare. grazie.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW