Grosseto, Acori: “Battere il Prato per non avere recriminazioni”. Pagano c’è, Ferretti no

Leonardo Acori, qua in veste di allenatore del Grosseto

GROSSETO – Oltre agli squalificati Terigi e Burzigotti salta l’incontro col Prato l’attaccante Ferretti, l’ematoma per la botta rimediata a Viareggio non è migliorato. Presumibile la coppia formata da Legittimo e Biraschi al centro della difesa, disco verde per Pagano; per tutto il resto che la puntualizzazione del tecnico Leonardo Acori che non abbandona affatto la speranza di centrare i playoff:

Noi ci dobbiamo credere, se pensa il Prato di farcela a maggior ragione deve essere motivato tutto l’ambiente – dichiara il tecnico – certo non dipende più solo da noi ma anche se Pasqua è passata ci può stare che il Calcio ci faccia una sorpresa”.

C’è rammarico, ma il bilancio personale per il tecnico del Grosseto è roseo: “Le recriminazioni non sono certo per la partita di Viareggio dove l’avversario ha giocato alla morte tanto che Ferretti dai colpi che ha ricevuto non si è ripreso, piuttosto guardo alle gare con Lecce e Catanzaro dove non abbiamo raccolto quanto meritavamo – continua Acori – nelle dieci gare sotto la mia gestione abbiamo fatto 16 punti, nell’arco di un campionato si tratta virtualmente una media da playoff. Camilli sa cosa serve per costruire una squadra vincente, l’attuale organico con 4-5 innesti al top per la categoria può dirsi competitivo”.

Acori interrompe il fugace sguardo verso il prossimo campionato del Grifone tornano all’attualità: “Playoff o meno dobbiamo finire al meglio il torneo, tirare fuori una vittoria per non avere poi ulteriori rimpianti – poi conclude sull’avversarioil Prato è una squadra scorbutica, ho già affrontato Vincenzo Esposito e so cosa ci aspetta”.

2 Comments
  1. fede80 6 anni ago
    Reply

    “l’attuale organico con 4-5 innesti al top per la categoria può dirsi competitivo”…. si certo, sarebbe troppo facile… tanto il nostro presidente si chiama Campedelli… ma non lo conosci ?!?! sarà la solita rivoluzione di ogni anno, cambierà tecnici e 20 giocatori come sempre all’insegna del risparmio… basterebbero : un paio di difensori, un paio di centrocampisti esterni, una punta di riserva e far lavorare in pace un allenatore valido…

  2. Diego79 6 anni ago
    Reply

    Infatti ma il concetto del mister e corretto 4-5 giocatori di categoria e acori e un allenatore valido poi tocca camilli decidere che fare col mister e con la squadra ma il pensiero e corretto

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news
Gs

GRATIS
VIEW