Monterisi, l’arma letale del Massa Valpiana “Ci crediamo. Per fare il professionista mi è mancata la cattiveria”

Nella foto Monterisi

Massa Marittima. Andrea Monterisi è senza dubbio un giocatore che merita categorie superiori, ma che ha sposato il progetto Massa Valpiana e con un gruppo di amici più che compagni di squadra ha trovato la propria dimensione con la squadra metallifera dove si sente amato ed apprezzato.
Con le sue reti l’anno scorso ci fu la promozione in Seconda Categoria adesso si spera nel salto in Prima Categoria.
Mister Cavaglioni crede molto in lui e nelle sue doti e vuol far rendere al meglio il proprio centravanti.

Allora Andrea adesso ci credete davvero al sogno della prima categoria?

“Dopo aver giocato il girone di andata mi sono reso conto che sicuramente la nostra rosa può essere competitiva e può lottare benissimo per il primo posto, ma ci sono molte squadre al nostro livello e soprattutto con molta esperienza in più quindi fino alla fine prevedo una grande lotta. Per fortuna abbiamo un piccolo vantaggio con tutti gli scontri diretti con le squadre di alta classifica che giocheremo in casa e come abbiamo visto per ora stiamo difendendo benissimo le nostre mura”

Che campionato ti sembra, che giudizio ti sei fatto?

“E’ sicuramente un campionato molto combattuto con molti giocatori forti provenienti anche da categorie superiori. Mon è mai facile la domenica prevalere sugli altri perchè sono sempre squadre ben organizzate che giocano un buon calcio”

Perchè un giocatore con le tue caratteristiche e qualità non ha sfondato?

“Pur essendo stato per molto tempo in società importanti come Grosseto e Gavorrano non ho mai avuto la cattiveria e la testa giusta per avere continuità e per rimanere nel calcio professionistico.. Dal momento in cui mi si è presentata un opportunità di lavoro ho scelto di rimare qui nel mio paese. Ho trovato un ambiente come quello di Massa che mi ha fatto rimettere in gioco e mi sta facendo togliere belle soddisfazioni soprattutto perchè vincere nel proprio paese e con i propri amici ti da altri stimoli e spero molto di portare avanti la serenità e la voglia che abbiamo di giocare e continuare a dimostrare che con un buon gruppo come siamo noi si possa lottare campionati importanti”

Chi secondo te sono le vostre antagoniste per il titolo?

“Il Pomarance e il San Vincenzo sicuramente sono quelle che temo di più. Ho visto due squadre compatte che sanno giocare molto bene a calcio e composte da giocatori interessanti. Per non parlare di mister Di Tonno, un allenatore sicuramente con una grande mentalità vincente  che riesce sempre a far esprimere un gran gioco e cattiveria alle proprie formazioni. Detto questo fino alla fine ne vedremo delle belle perchè come ho già detto è un campionato molto equilibrato.”

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news