Connect with us

Calcio

Sagre – Orbetello: botta e risposta tra Amministrazione Comunale ed Alleanza Democratica

Orbetello – Botta e risposta tra Amministrazione Comunale con a capo Andrea Casamenti e l’opposizione di Alleanza Democratica sul tema “Sagre”.
Il confronto è arrivato direttamente sulle pagina facebook.
Questi i due testi:

Vietare le sagre è solo il risultato di uno scontro interno all’amministrazione e nulla ha a che fare con la sicurezza e la salute pubblica dei cittadini. È evidente che la partita di potere l’abbia vinta l’Assessore Ottali contro il sindaco Casamenti, curando gli interessi del suo elettorato di riferimento che corrisponde a fette degli esercenti della ristorazione.
Lo svolgimento delle manifestazioni enogastronomiche, infatti, è stato regolamentato e disciplinato dal DPCM e dai protocolli delle ordinanze della Regione Toscana, procedure che ne consentirebbero quindi il regolare svolgimento.
Abbiamo invece appreso da Facebook, in un delirante susseguirsi di post, dapprima che la decisione dell’Amministrazione sarebbe stata comunicata alla fine di un giro di riunioni, per poi invece essere svelata subito dopo la sera del primo incontro: le sagre saranno vietate.
Il sindaco Casamenti però, per recuperare la battaglia persa contro l’Assessore Ottali e per non scontentare le società sportive, è stato costretto ad assicurare che alle società verranno riconosciuti ulteriori contributi, oltre gli ordinari. Ovviamente per far fronte a questa promessa, le risorse verranno tolte da altre partite di bilancio, che avrebbero invece potuto finanziare persone in difficoltà o promuovere azioni di sostegno al reddito in previsione delle inevitabili problematiche che purtroppo si paleseranno già a fine estate. Ed in questo gioco agli equilibri di parte non si è minimamente tenuto in considerazione l’aspetto aggregativo, sociale e persino economico proprio di queste manifestazioni.
In particolare per le frazioni di Albinia e di Fonteblanda, cosa significherà per la comunità e per le economie dei commercianti non avere più l’occasione di attirare le persone con questi eventi? Cosa significherà per i fornitori, per la maggior parte locali? Senza contare che i turisti si recheranno nei comuni limitrofi dove le manifestazioni enogastronomiche si svolgeranno regolarmente, spostando di fatto le piccole economie che ruotano attorno alle sagre. Comprendiamo certamente le problematiche dei ristoratori, ma avremmo preferito politiche turistiche serie e ad ampio respiro, o politiche tributarie ad hoc, piuttosto del mero trasferimento di 200 mila euro dalle casse del comune, alle società sportive come contropartita per la chiusura delle sagre, beneficio per i ristoratori tra l’altro tutto da dimostrare. Ci chiediamo poi come potrà l’assessore Teglia e la Giunta di cui fa parte, deliberare stanziamenti di contributo alla società di cui lo stesso e’ presidente? Le lotte di potere interne fra assessori, tra rappresentanze di parte, dimostrano l’approssimazione di questa amministrazione, che cerca di barcamenarsi su equilibri sempre più instabili per le ambizioni personali di chi cerca la prossima candidatura e con un sindaco continuamente sotto scacco dagli stessi assessori che, avendolo individuato come non più gradito, cercano di allontanarlo per avere una minima possibilità di vittoria Un’amministrazione che non sa guardare oltre il proprio ombelico, che gestisce poco e male l’ordinario, che si limita ad usare soldi del bilancio come miraggio di appagamento di parte, e che invece, al contrario di altre località turistiche, rinuncia ad investimenti ed a progetti di promozione importanti, mentre in spiaggia si vedono ancora le ruspe dei lavori che dovevano essere finiti lo scorso anno.

Alleanza democratica civica e progressista
Per il coordinamento
Cristina Comandi

Abbiamo letto il nuovo esilarante articolo questa volta sulle sagre del gruppo Alleanza Democratica costituito da Barbini, Miralli, Ragusa, Chiavetta, Aldi, cioè coloro che hanno affossato il Comune durante la precedente Amministrazione comunale con litigi interni continui, dimissioni, il disastro in laguna, la fallimentare gestione post alluvione e il totale immobilismo amministrativo. A loro si è aggiunta la coordinatrice Cristina Comandi. Anche questa volta hanno preso lucciole per lanterne. Nell’Amministrazione Casamenti non c’è stata nessuna lotta per la decisione sulle sagre ma una decisione unanime per la sicurezza di non farle svolgere. A differenza di questi signori, che abituati a litigi vedono lotte ovunque e che nella precedente Amministrazione Comunale erano soliti fare volate gli stracci giorno e notte, l’attuale Amministrazione Casamenti opera ormai da 4 anni in perfetta unità e compattezza. La decisione sulle sagre presa all’unanimità ha soddisfatto i ristoratori ma anche gli stessi organizzatori di sagre che avranno un importante contributo economico straordinario. Per la massima sicurezza le sagre quest’anno non potevano essere svolte. Il gruppo Alleanza Democratica è quindi contro i ristoratori ma anche contro gli organizzatori di sagre a cui non dovrebbe andare alcun contributo economico. Sono praticamente contro tutti. Certo ci rendiamo conto che deve essere difficile fare opposizione quando c’è una Amministrazione Comunale così unita che continua a risolvere problemi e ad avere un grande consenso. Soprattutto per chi nella scorsa legislatura ha brillato per inconcludenza, incompetenza e litigi. La nostra Amministrazione Comunale sta risolvendo problemi annosi lasciati in eredità da questi signori che non hanno alcuna possibilità elettorale. Patto per il futuro

Advertisement
1 Comment
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Il problema non è tanto la sagra, si o no, che è anche condivisibile come cosa (anche se probabilmente i ristoranti non avranno vantaggi e alcuni posti come albinia e fonteblanda saranno deserti). Il problema è che si crea un potenziale conflitto di interessi clamorosi, cioe la giunta comunale composta da un presidente di una società dilettantistica decide quanto contributo straordinario dare? cioe il presidente di una società decide quanti soldi prendere? E’ assurdo.
Tralasciando poi che le voci dicono che proprio quella società, per dei parametri scelti dal comune, sarà la società che avrà il compenso straordinario piu alto…

 

 




Copyright © 2020 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x