Ciolli: “Gara dura, ma non accettiamo di essere accusati di simulazione””

Nella foto i tecnici Ciolli ed il suo secondo Linicchi

Grosseto. Sulla questione Etrusca – Sorano interviene anche il tecnico Claudio Ciolli.

”Premesso che nutro grande rispetto e stima nei confronti della squadra e dei giocatori del Sorano e premesso che a mio parere l’ingenuita’ è stata dei miei giocatori a fermarsi su un azione di contropiede nella convinzione che il pallone sarebbe stato buttato fuori (la mia idea è che debba essere l’arbitro ad interrompere il gioco) non accetto che si dica che il mio giocatore abbia simulato (il rigore era chiaro a detta anche di alcuni tifosi avversari) o che le espulsioni della nostra squadra siano state determinate da gioco duro o scorretto. È stata una bella partita, non cattiva, dove la mia squadra, ha provato a rendere la vita difficile ad una squadra di categoria superiore. Non entro poi nel merito delle espulsioni ma chi era ad assistere alla partita ha potuto ben vedere come siano state valutazioni isolate dal contesto di una partita corretta. Non parlo dell’arbitraggio perché reputo che gli errori ci possano stare e che non sia facile per un ragazzo di diciotto anni venire ad arbitrare partite così difficili, non accetto però che si ricostruiscano i fatti dando ai miei giocatori dei simulatori o degli imbroglioni o che si riferisca di una caccia all’uomo che non è esistita. Con questo faccio i complimenti a tutto il Sorano per aver dimostrato anche ieri di essere una grandissima squadra, con ragazzi professionali e seri e a Baldoni per aver allestito una vera e propria corazzata.”

3 Comments
  1. Forza Sorano 6 mesi ago
    Reply

    Caro mister partendo dal presupposto che le auguro di salvarsi dalla retrocessione senza passare dai playout, la invito a riflettere bene su quello che è successo dato che oltre aver perso ieri (che comunque non penso sia la morte di nessuno, visto che si affrontava la capolista) da allenatore dovrebbe innanzitutto richiamare all’ordine alcuni suoi giocatori un po’ troppo esuberanti (Garofalo su tutti), facendo riflessione sul fatto che dopo Radicofani avrete Castellazzara e Marsiliana in casa, dove avrà bisogno di tutta la rosa a sua disposizione perchè quelle due dovranno essere le partite della vita, non ieri. Quindi se fossi al suo posto me la prenderei con i miei ragazzi per il contropiede subito, perchè é fuori di dubbio che un giocatore a terra non può in alcun modo influire su un mal posizionamento di tutta la squadra in vista di un calcio d’angolo a proprio favore (o sbaglio?) e in secondo luogo me la prenderei con Garofalo e Terminali perchè da ragazzi esperti quali sono rischiano di saltare le ultime partite che per voi sono a dir poco decisive. Per quanto riguarda la simulazione posso dire dal campo che non c’era, ma al tempo stesso non mi sento neanche di dire che l’intervento (che probabilmente era da rigore) abbia messo a repentaglio l’incolumità di Guerriero, peraltro un ragazzo molto corretto, al punto di indurre l’arbitro a fermare il gioco. Era dolorante, ma di certo non c’era un pericolo grave a tal punto da dover fermare il gioco, ragion per cui la polemica sull’antisportività è da rispedire al mittente visto che il regolamento parla chiaro. Detto questo è stata una partita maschia dove ognuno ha utilizzato le proprie carte, le espulsioni non sono state per falli intimidatori, ma per reazioni troppo focose dei suoi giocatori. Garofalo ha fatto tutto da solo, mentre Terminali ha reagito ad un fallo di Ndao che dal campo mi era sembrato tutto tranne che di reazione. C’é stato solamente un intreccio tra le gambe dei due giocatori che li ha fatti rovinare a terra. Poi non so se ho visto un’altra partita, aspetto anche il suo punto di vista!

    • Claudio Ciolli 6 mesi ago
      Reply

      Il mio intervento non verteva nello specifico sull’azione del gol ma sulle accuse di simulazione mosse nei confronti del mio giocatore. Fra le altre cose lei stesso ha confermato quanto ho detto (fallo da rigore e giocatore a terra dolorante) smentendo quanto affermato dal signor Baldoni. Così come ha confermato pienamente la mia osservazione sulle espulsioni (non dovute a gioco duro ma ad episodi singoli valutati dall’arbitro sul cui operato fra l’altro non mi sono espresso). Probabilmente non ha capito il senso del mio intervento: non mi sono attaccato a niente, ho semplicemente risposto ad una dichiarazione del signor Baldoni, ma probabilmente non ha letto bene entrambi gli interventi. Per quanto riguarda il mal posizionamento e scendendo sul tecnico si tratta di errore evidentemente dovuto da una mancata rincorsa di molti miei ragazzi (infatti ho parlato di ingenuità). Purtroppo nelle nostre categorie capita, la nostra è una squadra di ragazzi che per la maggior parte non percepisce rimborso e gioca per passione. Se vuole scendere sotto l’aspetto tecnico le evidenzio che partivamo da una situazione di tre contro due sulla ripartenza. Sotto l’aspetto comportamentale penso che tutti sappiano come la penso e cosa dico ai miei giocatori. Il prendersela o meno con chi ha commesso errori di comportamento esula completamente dalla questione. Mi pare che abbia affermato delle cose talmente scontate che non meritano risposta. E’ come se le avessi detto che il suo allenatore avrebbe fatto meglio a prendersela con chi fu squalificato nella vostra partita di Ponte d’Arbia. Come vede le ho esposto il mio punto di vista, magari è buona educazione firmarsi quando si scrive perché almeno avrei un nome e cognome con cui confrontarmi ed imparare qualcosa. Almeno un piccolo consiglio a quanto pare glielo posso dare, oltre che a quello di leggere meglio gli interventi senza lasciarsi andare a commenti fuori dal contesto. Le auguro una buona serata

  2. Edmondo 6 mesi ago
    Reply

    Come sempre da Sorano danno consigli a tutti.
    Credo che ognuno dovrebbe pensare alla propria squadra.
    Con un budget da Promozione è facile vincere la seconda.
    Ma almeno non piangete quando qualcosa non vi torna e smettete di fare lezioni morali.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news